Juno individua un lampo luminoso transitorio su Giove

Lo spettrografo ultravioletto (UVS) guidato dal Southwest Research Institute ha notato casualmente un lampo luminoso transitorio su Giove la primavera scorsa. Lo strumento è installato a bordo del veicolo spaziale Juno

571

Lo spettrografo ultravioletto (UVS) guidato dal Southwest Research Institute ha notato casualmente un lampo luminoso transitorio su Giove la primavera scorsa. Lo strumento è installato a bordo del veicolo spaziale Juno.

I dati ottenuti dal UVS hanno permesso al team del Southwest Research Institute di scoprire un bolide che è esploso nell’atmosfera superiore del gigante gassoso Giove causando l’esplosione.

Gli impatti su Giove sono molto numerosi, molti di più di quelli che la Terra subisce. Lo ha spiegato Rohini Giles dello SwRI, autore principale di un documento che spiega i risultati dello studio in Geophysical Research Letters.

Gli impatti tuttavia non sono facili da osservare perché sono di breve durata. Solo gli impatti più grandi possono essere osservati dalla Terra e occorre tempismo e soprattutto una buona dose di fortuna per puntare un telescopio verso Giove esattamente al momento giusto. 

Negli ultimi dieci anni gli astronomi dilettanti sono riusciti a catturare sei impatti avvenuti nell’atmosfera del gigante gassoso.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La sonda Juno è arrivata su Giove nel 2016, l’UVS è stato utilizzato per studiare la morfologia, la luminosità e le caratteristiche spettrali delle aurore di del gigante gassoso mentre il veicolo spaziale si avvicina alla sommità dell’atmosfera gioviana ogni 53 giorni. 

Durante una rotazione della durata di 30 secondi, lo strumento UVS osserva una fascia di Giove. Lo strumento UVS ha occasionalmente osservato emissioni ultraviolette localizzate di breve durata al di fuori della zona aurorale, compreso un singolo evento il 10 aprile 2020.

L’osservazione proviene da una piccola istantanea: Juno è una navicella spaziale che ruota e lo strumento ha osservato quel punto del pianeta per soli 17 millisecondi e non sappiamo cosa sia successo al lampo luminoso transitorio al di fuori di quel lasso di tempo, Giles ha aggiunto:

“Ma sappiamo che non l’abbiamo visto durante la rotazione precedente o in quella successiva, quindi deve essere stato un’esplosione luminosa di breve durata”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un Lampo luminoso transitorio nell’atmosfera di Giove

Prima di quell’evento, UVS aveva già osservato una serie di undici esplosioni luminose transitorie che duravano da 1 a 2 millisecondi. Sono stati identificati come Transient Luminous Events (TLE), un fenomeno che si manifesta nell’atmosfera superiore innescato da un fulmine. 

Il team pensava inizialmente che questo lampo luminoso transitorio potesse essere un TLE, tuttavia, mostrava due caratteristiche che lo rendevano diverso. Sebbene fosse di breve durata, è durato almeno 17 millisecondi, molto più a lungo di un classico TLE. Aveva inoltre caratteristiche spettrali molto diverse. 

Gli spettri dei TLE e delle aurore presentano emissioni di idrogeno molecolare, il componente principale dell’atmosfera di Giove. Questo evento bolide aveva una curva “corpo nero” liscia, che è ciò che ci si aspetta da una meteora.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La durata del flash e la forma spettrale corrispondono bene a ciò che ci aspettiamo da un impatto“, spiegato Giles. Il lampo luminoso transitorio era distinguibile dai dati, in quanto aveva caratteristiche spettrali diverse dalle emissioni UV delle aurore che si manifestano su Giove. 

Dallo spettro UV, si può dedurre che l’emissione proveniva da un corpo nero con una temperatura di 9600 Kelvin, situato a un’altitudine di 140 miglia sopra le nuvole del pianeta. 

Osservando la luminosità del flash, i ricercatori hanno stimato che sia stato causato da un oggetto con una massa di 550-3.300 libbre.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La cometa Shoemaker-Levy era il più grande oggetto osservato che ha colpito Giove. La cometa si è disintegrata in frammenti nel luglio 1992 e si è scontrata con l’atmosfera di Giove nel luglio 1994, è stata osservata dagli astronomi di tutto il mondo e dalla sonda Galileo. 

Un team guidato dallo SwRI ha rilevato le emissioni dei raggi X prodotti nell’impatto avvenuto nell’emisfero settentrionale di Giove, le cicatrici degli impatti sono rimaste visibili per molti mesi.

Impatti di asteroidi e comete possono avere un certo effetto sulla chimica dell’atmosfera del pianeta, 15 anni dopo l’impatto, la cometa Shoemaker Levy 9 era ancora responsabile del 95% dell’acqua stratosferica presente su Giove, come ha detto Giles“Continuare a osservare gli impatti e stimare i tassi di impatto complessivi è quindi un elemento importante per comprendere la composizione del pianeta”.

Il Jet Propulsion Laboratory, una divisione di Caltech a Pasadena, in California, gestisce la missione Juno per il principale investigatore, il dottor Scott J. Bolton, del Southwest Research Institute. 

Juno fa parte del programma New Frontiers della NASA, che è gestito dal Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, Alabama, per il Science Mission Directorate dell’agenzia a Washington. Lockheed Martin Space a Denver ha costruito e gestisce il veicolo spaziale Juno.