14 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeAlieni & UFOIncontri inspiegati nel cielo

Incontri inspiegati nel cielo

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

di Oliver Melis

Il 6 gennaio 1995, avvenne un incontro molto particolare tra un jet della British Airways con 60 passeggeri a bordo e un oggetto volante illuminato a forma triangolare e rimasto non identificato a una quota di 13.000 piedi sopra i Pennines. Al comando del jet passeggeri c’era il capitano Roger Wills, assistito dal co-pilota Mark Stuart.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Iniziarono la discesa verso l’aeroporto di Manchester con un Boeing 737, quando diciassette minuti prima del contatto con la pista, un oggetto misterioso balenò sul il lato destro del velivolo a una distanza descritta come “molto vicina”. Così vicino, che l’equipaggio si “abbassò” sui posti di pilotaggio mentre l’oggetto li superava. Un controllo immediato con il controllo del traffico aereo a Ringway confermò che nulla era stato rilevato sul radar, tranne che per il 737 stesso.

L’equipaggio del volo BA 5601 non ha riportato l’incidente ai propri colleghi; tuttavia, la direzione di British Airways è stata infine informata di ciò che era accaduto. In linea con le procedure stabilite, un rapporto, completo di schizzi dell’UFO, è stato inviato al Joint Air Miss Working Group, una parte dell’Autorità per l’aviazione civile.

Le dichiarazioni del portavoce della CAA affermano che qualsiasi suggerimento che l’oggetto fosse un UFO sarebbe stato “puramente speculativo“, aggiungendo che l’inchiesta poteva durare fino a sei mesi.
Il portavoce ha dichiarato inoltre alla stampa: “Una percentuale molto piccola di situazioni near miss che coinvolgono velivoli non tracciati rimane irrisolta.”

In questo caso però si fa un errore concettuale, gli UFO sono letteralmente da intendere come oggetti volanti non identificati, quindi definire un qualcosa di sconosciuto UFO in realtà non è una speculazione. Solo chi associa gli UFO agli extraterrestri specula, spesso sul nulla.
Un membro dell’equipaggio ha detto: “Sono ragazzi preparati e sensibili. Tutti parlano di ciò che hanno visto ed è giusto che venga segnalato, così gli esperti possono provare a stabilire di cosa si trattava. ”

All’epoca dei fatti ci fu l’interessamento di un giornalista che contattò il Ministero della Difesa britannico per un commento. Il loro portavoce, Kerry Philpott, fece la seguente dichiarazione: “A titolo di routine, il Ministero della Difesa è stato notificato dall’Autorità per l’aviazione civile del rapporto redatto dai piloti della British Airways il 6 gennaio. Ho consultato esperti del Dipartimento con responsabilità in materia di difesa aerea, che hanno confermato di non essere a conoscenza di prove che indichino che le nostre difese aeree sono state violate. Poiché questa è la nostra unica preoccupazione, l’interesse del MOD in questo particolare incidente si è concluso. Nessuna informazione successiva è arrivata alla nostra attenzione, il che suggerirebbe che la valutazione originale era errata. L’incidente del 6 gennaio rimane una questione per il CAA. ”

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

All’inizio del 1996, l’Autorità per l’aviazione civile pubblicò le sue conclusioni sul caso.

Il primo ufficiale riferisce che la sua attenzione, inizialmente concentrata sullo scudo antiabbagliante di fronte a lui, è stata deviata verso qualcosa nella sua visione periferica. Alzò lo sguardo in tempo per vedere un oggetto oscuro passare lungo il lato destro dell’aereo ad alta velocità; era a forma di cuneo con quella che avrebbe potuto essere una striscia nera sul lato.
“Stimò che le dimensioni dell’oggetto fossero da qualche parte tra quelle di un aereo leggero e di un Jetstream, anche se sottolineò che si trattava di pura speculazione. Non ha fatto alcun tentativo di deviare dal suo corso e nessun suono è stato ascoltato o sentito sentire. Era certo che ciò che vedeva fosse un oggetto solido, non un uccello, un pallone o un aquilone.”

Con una varietà di suggerimenti convenzionali trovati mancanti, il CAA Working Group ha concluso:

Avendo esaminato a fondo le varie ipotesi il Gruppo ha concluso che, in assenza di prove concrete che potessero identificare o spiegare questo oggetto, non è stato possibile valutare né la causa né il rischio rispetto a uno qualsiasi dei normali criteri applicabili alle segnalazioni di airmiss. L’incidente rimane quindi irrisolto.”

Sicuramente il caso irrisolto ha fatto sobbalzare sulla sedia più di un ufologo e in tanti in passato hanno strumentalizzato casi simili, casi al limite perché i piloti, benché preparati e allenati, sono pur sempre esseri umani e non sono in grado di valutare situazioni del genere, fatti che accadono in una frazione di secondo rimangono perciò non identificati e appartengono a quella percentuale di casi UFO non spiegati che da un lato vengono usati per portare acqua al mulino di chi crede che siano oggetti extraterrestri e dall’altro dimostrano che non ci sono prove evidenti che gli UFO siano alieni.

Fonte: Mysteriousuniverse.org; Newsbbc

Articoli più letti