Il ritorno sulla Luna non avverrà nel 2024

Biden probabilmente manterrà il programma Artemis della NASA, ma su una linea temporale diversa

540

Il progetto è iniziato con un discorso vertiginoso al National Space Council del vicepresidente Pence che ha delineato un obiettivo ambizioso: riportare gli astronauti della NASA sulla superficie della Luna entro il 2024.

Ora, mentre l’amministrazione Trump si allontana sconfitta, è chiaro che la scadenza del 2024 non sarà rispettata, nonostante abbia il sostegno della Casa Bianca e un massiccio sforzo di lobbying da parte dell’amministratore della NASA Jim Bridenstine.

Per soddisfare il mandato della Casa Bianca, Bridenstine aveva dichiarato che la NASA avrebbe avuto bisogno di 3,3 miliardi di dollari nel budget del prossimo anno per costruire la prima navicella spaziale in grado di far atterrare gli astronauti sulla Luna dall’era Apollo. Con il sostegno di Pence, ha attraversato il paese e le sale del Congresso, esortando i legislatori a sostenere il programma Artemis che avrebbe portato sulla Luna il “prossimo uomo e prima donna sulla luna“.

Il Congresso ha concesso solo 850 milioni di dollari, ben al di sotto della richiesta della NASA. E così ora, l’obiettivo dello sbarco entro il 2024 non sarà conseguibile.

Tra elezioni tumultuose, disordini al Campidoglio e una pandemia mortale, Biden non ha detto nulla sui suoi piani per il programma spaziale. Il team di transizione non ha ancora annunciato chi nominare amministratore, anche se i Democratici hanno affermato che probabilmente sarà una donna ad occupare la posizione. Sotto Biden, l’agenzia si concentrerà maggiormente sulla scienza della Terra, hanno detto i funzionari del partito anche se notano che la sua base elettorale chiede di “Supportare il lavoro della NASA per riportare gli americani sulla Luna e andare oltre, fino a Marte, facendo il passo successivo nell’esplorazione del nostro sistema solare“.

In un’intervista, Bridenstine, che lascerà la NASA il 20 gennaio, non ha ancora dichiarato impossibile rispettare la scadenza del 2024, anche se ha detto che data la carenza di fondi, la NASA “dovrà fare sforzi notevoli, tuttavia, il programma Artemis ha basi solide. È assolutamente vero che non abbiamo ricevuto tutti i dollari che abbiamo richiesto, e questo ci farà rivalutare l’aspetto finale del piano”, ha detto. “Ma il fatto che nel bel mezzo di un anno molto impegnativo, repubblicani e democratici alla Camera e al Senato abbiano affermato di voler finanziare un sistema di sbarco umano con 850 milioni di dollari, è una solida vittoria“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Oltre a fare pressioni sui legislatori, Bridenstine ha corteggiato con successo diversi partner internazionali, come Giappone, Australia, Italia e Canada, che stanno impegnando risorse e hanno firmato gli accordi Artemis che regola il comportamento su e intorno alla Luna. Un’ampia coalizione internazionale, come quella che governa la Stazione Spaziale Internazionale, fornirà continuità da un’amministrazione all’altra, ha affermato Wayne Hale, ex direttore di volo della NASA, che ora presiede un comitato consultivo.

Questa amministrazione ha istituito in modo molto intelligente gli accordi Artemis, che ci legano ad altre nazioni“, ha detto. “E questo credo che continuerà a motivare l’amministrazione che segue a portare avanti quel progetto”.

La NASA ha anche presentato gli astronauti che voleranno nelle missioni Artemis, dando un volto al programma e un suggerimento su chi potrebbe essere la prima donna a camminare sulla luna. Ma sono ancora numerose le sfide che l’amministrazione Biden erediterà.

Lo Space Launch System, l’enorme razzo della NASA che lancerà gli astronauti sulla luna, non ha mai volato. E sebbene negli ultimi mesi abbia compiuto progressi significativi, nel corso degli anni ha subito molte battute d’arresto e ritardi e sforamenti nei costi per miliardi di dollari. Se tutto andrà bene durante un importante test dei suoi motori che si terrà nei prossimi giorni, il primo volo del razzo, denominato Artemis I, dovrebbe avvenire alla fine di quest’anno, spingendo la navicella Orion, senza astronauti a bordo, in una missione intorno alla luna. Se il test avrà esito positivo, la NASA lavorerà per mettere un equipaggio di astronauti in orbita attorno alla luna per Artemis II, prima dello sbarco che avverrà con la missione Artemis III.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Dato che lo Space Launch System è un enorme e complesso razzo, il più potente mai costruito e non ha mai volato prima, il programma attuale potrebbe essere molto ottimistico.

La NASA annuncia, senza alcun tipo di dubbio, che le missioni Artemis I, II e III si svolgeranno senza intoppi. Ma SLS è un razzo molto complicato “, ha detto Homer Hickam, membro del comitato consultivo del National Space Council. “Le probabilità maggiori sono che non funzionerà perfettamente al primo lancio. E se non funziona perfettamente, davvero metteremo un equipaggio al secondo tentativo?

La NASA ha già assegnato quasi 1 miliardo di dollari in contratti a tre società per lo sviluppo iniziale di veicoli spaziali in grado di far atterrare astronauti sulla superficie lunare. Un team guidato da Blue Origin di Jeff Bezos che include Lockheed Martin, Northrop Grumman e Draper ha ottenuto $ 579 milioni, l’importo più alto. Dynetics, che collabora con Sierra Nevada Corp., ha ricevuto $ 253 milioni e SpaceX di Elon Musk ha ricevuto $ 135 milioni.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Quei contratti scadono a febbraio e la seconda fase, in cui la NASA dovrebbe eliminare almeno uno degli offerenti e continuare con gli altri, arriverà poco dopo. Ma alcuni temono che sarà ritardata, quando i Democratici entreranno in carica e valuteranno i programmi della NASA.

Bridenstine ha affermato che i ritardi potrebbero ostacolare lo slancio del programma e che spera che ciò non accada. “Non credo che sarebbe nell’interesse dell’agenzia o del programma“, ha detto. “Non ho sentito che è quello che stanno progettando di fare. Ma l’obiettivo è andare veloci. È così che crei un programma di successo“.

Anche se i nuovi contratti non verranno ritardati, secondo lui l’agenzia dovrà rivalutare la tempistica del 2024: “Penso che sia importante dare al team il tempo di valutare come potrebbe essere il futuro“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---