I primi dinosauri erano agili e mangiavano carne

Una recente analisi sul cervello del tecodontosauro, un dinosauro molto primitivo vissuto nel Triassico superiore, circa 220 milioni di anni fa, nel territorio che è ora la Gran Bretagna, mostra come questo animale potrebbe aver camminato su due gambe ed essere stato occasionalmente carnivoro, a dispetto dei successivi parenti che si muovevano pesantemente a quattro zampe ed erano erbivori

708

Una ricostruzione pionieristica del cervello appartenente a uno dei primi dinosauri a vagare per la Terra, ha gettato nuova luce sulla sua possibile dieta e sulle capacità di muoversi velocemente di questi animali preistorici vissuti 220 milioni di anni fa.

La ricerca, guidata dall’Università di Bristol, ha utilizzato tecniche avanzate di imaging e modellazione 3-D per ricostruire digitalmente il cervello del tecodontosauro (Thecodontosaurus), meglio conosciuto come il dinosauro di Bristol a causa delle sue origini nella città del Regno Unito. I paleontologi hanno scoperto che l’animale preistorico potrebbe aver mangiato carne, a differenza dei suoi parenti successivi ,dal collo lungo gigante, tra cui Diplodocus e Brontosaurus, che si nutrivano solo di piante.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il Thecodontosaurus aveva le dimensioni di un cane

Antonio Ballell, autore principale dello studio pubblicato su Zoological Journal of the Linnean Society, ha dichiarato: “La nostra analisi del cervello di Thecodontosaurus ha scoperto molte caratteristiche affascinanti, alcune delle quali sono state piuttosto sorprendenti. Mentre i suoi parenti successivi si muovevano pesantemente a quattro zampe, i nostri risultati suggeriscono che questa specie potrebbe aver camminato su due gambe ed essere stata occasionalmente carnivora“.

Il Thecodontosaurus visse nel tardo Triassico circa 205 milioni di anni fa ed aveva le dimensioni di un grosso cane. Sebbene i suoi fossili siano stati scoperti nel 1800, molti dei quali sono accuratamente conservati presso l’Università di Bristol, solo di recente gli scienziati sono stati in grado di utilizzare software di imaging per estrarre nuove informazioni senza distruggerle. I modelli 3-D sono stati generati da scansioni TC estraendo digitalmente l’osso dalla roccia, identificando dettagli anatomici sul cervello e sull’orecchio interno precedentemente invisibili nel fossile.

Ricostruzione al computer del cervello del dinosauro

Come ha spiegato lo studioso, anche se il cervello vero e proprio è scomparso da tempo, il software consente di ricreare la forma del cervello e dell’orecchio interno attraverso le dimensioni delle cavità lasciate indietro. La scatola cranica del Thecodontosaurus è ben conservata, quindi è stata confrontata con altri dinosauri, identificando caratteristiche comuni, e alcuni che sono specifici per Thecodontosaurus.

Il suo modello cerebrale mostrava persino i dettagli dei lobi flocculari, situati nella parte posteriore del cervello, che sono importanti per l’equilibrio. Le loro grandi dimensioni indicano che era bipede. Questa struttura è anche associata al controllo dell’equilibrio e dei movimenti degli occhi e del collo, suggerendo che il Thecodontosaurus era relativamente agile e poteva mantenere uno sguardo stabile mentre si muoveva velocemente.

Ricostruzione delle orecchie interne del dinosauro

La nostra analisi ha mostrato che le parti del cervello associate al mantenimento della testa stabile, agli occhi e allo sguardo fissi, durante il movimento erano ben sviluppati. Ciò potrebbe anche significare che il Thecodontosaurus catturava occasionalmente prede, sebbene la sua morfologia dei denti suggerisce che le piante fossero il componente principale della sua dieta. È possibile che adottasse abitudini onnivore“, ha dichiarato Antonio Ballell.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I ricercatori sono stati anche in grado di ricostruire le orecchie interne, consentendo loro di stimare quanto bene potesse sentire rispetto ad altri dinosauri. La sua frequenza uditiva era relativamente alta, indicando una sorta di complessità sociale, una capacità di riconoscere vari squittii e clacson di animali diversi.

L’emblema del Bristol Dinosaur Project

Il professor Mike Benton, coautore dello studio, ha dichiarato: “È fantastico vedere come le nuove tecnologie ci stanno permettendo di scoprire ancora di più su come viveva questo piccolo dinosauro più di 200 milioni di anni fa”.

Il ricercatore e la sua equipe hanno iniziato a lavorare su Thecodontosaurus nel 1990, ed è l’emblema del Bristol Dinosaur Project, un programma educativo di sensibilizzazione in cui gli studenti vanno a parlare di scienza nelle scuole locali. “Siamo molto fortunati ad avere così tanti fossili ben conservati di un tale dinosauro così importante qui a Bristol. Questo ci ha aiutato a comprendere molti aspetti della biologia del Thecodontosaurus, ma rimangono ancora tante domande su questa specie ancora da esplorare“, ha concluso il professore di Bristol.

Fonte: https://phys.org/news/2020-12-reveals-unexpected-insights-early-dinosaur.html