Guerra in Ucraina: la situazione stamattina

La capitale ucraina Kiev è ora stretta da una morsa che si sta stringendo su tre lati

0
444
Indice

All’inizio del secondo giorno dell’invasione russa dell’Ucraina, la situazione è critica. La Russia ieri ha praticamente distrutto la capacità aerea dell’Ucraina, distruggendo o occupando tutti gli aeroporti del paese. Nel frattempo è iniziata l’invasione di terra da sud, est e nord, in quest’ultimi caso le truppe russe sono entrate in territorio ucraino dalla Bielorussia.

La capitale ucraina Kiev è ora stretta da una morsa che si sta stringendo su tre lati.

Ma ecco i fatti principali da conoscere:

  • All’alba di oggi ci sono state segnalazioni di esplosioni e un aereo russo è stato abbattuto su Kiev
  • Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che nella notte “sabotatori” erano entrati nella capitale
  • Si stanno svolgendo battaglie in tutto il paese, con combattimenti più pesanti a est, intorno a Kharkiv, ma anche nel nord, e intorno alle città di Odessa sul Mar Nero meridionale
  • Una battaglia si è verificata nell’area del sito nucleare radioattivo di Chernobyl nel nord, che è caduto in mano alle forze russe. Gli Stati Uniti affermano che soldati ucraini sono stati fatti prigionieri
  • Migliaia di ucraini stanno fuggendo dalle città, dirigendosi a ovest verso aree più tranquille e molti cercano persino sicurezza oltre confine in Polonia e Romania
  • La maggior parte degli ucraini, però, è rimasta, riparandosi nei bunker e nelle stazioni della metropolitana. È partita una mobilitazione generale che ha ordinato a tutti i cittadini che possono portare armi di difendere il proprio Paese
  • L’UE, l’Australia e il Giappone hanno presentato nuove sanzioni contro banche, società e oligarchi russi. Le nazioni occidentali hanno anche promesso aiuti e forniture militari alle forze ucraine
  • Il presidente francese Emmanuel Macron afferma di aver telefonato a Vladimir Putin chiedendogli di porre fine all’attacco e la chiamata è stata “franca, diretta, rapida”
  • Nelle città russe migliaia di manifestanti hanno protestato per le strade contro la decisione di entrare in guerra e, secondo fonti d’agenzia, circa 1700 manifestanti sono stati arrestati

A questo punto la situazione è drammatica per l’Ucraina e si avvicina la prospettiva di doversi difendere combattendo strada per strada a Kiev, con le forze russe che sembrano avere il chiaro obiettivo di occupare la capitale e di decapitare il governo ucraino.

Si rincorrono voci di un piano USA per estrarre il presidente ucraino Volodymyr Zelensky dalla città assediata e portarlo in salvo in Gran Bretagna.



2