Giugno, gli appuntamenti del mese col cielo stellato

Nel giugno 2023, i punti salienti dell'osservazione del cielo includono l'avvicinarsi di Marte e Venere, Saturno e Giove all'alba e le luminose stelle della sera Spica e Arturo.

0
423
stelle

Marte e Venere sono tra i protagonisti del cielo stellato di Giugno. Il pianeta della guerra e dell’amore si avvicinano ogni notte, mentre le stelle luminose estive dell’emisfero settentrionale si alzano. Da non dimenticare il solstizio di giugno del 21. Venere e Marte si avvicinano nel corso del mese, mentre Saturno conduce Giove nel cielo mattutino. Le stelle luminose Arturo e Spica brilleranno in tutto il loro splendore nelle serate di giugno, assieme al Trangolo estivo. Qui di seguito andremo a elencare gli appuntamenti salienti del mese.

Gli appuntamenti di giugno col cielo stellato da non perdere

  • 1-2 giugno – Marte è nell’ammasso dell’alveare (M44). Cerca il Pianeta Rosso a ovest dopo il tramonto, dove un binocolo o un piccolo telescopio riveleranno uno sfondo di stelle scintillanti in questo ammasso stellare aperto
  • 3 giugno – Luna piena
  • 18 giugno – Luna nuova
  • 21 giugno – Stasera la luna crescente fa un bel raggruppamento con Venere e Marte. Li potete trovare a ovest dopo il tramonto.
  • 21 giugno – Solstizio di giugno. Per il nord, è il giorno più lungo dell’anno, poiché il Sole traccia il suo percorso più alto e più lungo attraverso il cielo. La situazione è invertita nell’emisfero australe, dove è il giorno più corto dell’anno, durante i mesi freddi dell’inverno.
  • Tutto il mese – Marte e Venere si avvicinano ogni sera nel cielo occidentale dopo il tramonto. La coppia apparirà un po’ più in basso nel cielo ogni notte.
  • Tutto il mese – Saturno guida Giove nel nuovo giorno. Il pianeta con gli anelli sorge intorno a mezzanotte, con Giove che si trascina dietro un paio d’ore dopo.
  • Tutto il mese – Le due stelle luminose in alto sopra la testa nelle prime ore dopo il tramonto sono Spica e Arturo (per gli osservatori del cielo dell’emisfero settentrionale).
  • Gli osservatori dell’emisfero australe troveranno le stelle luminose Alpha Centauri e Hadar, insieme alle stelle della costellazione Crux, nella loro vista rivolta a sud.
  • Tutto il mese – Le stelle del Triangolo estivo (Vega, Deneb e Altair) che sorgono a est nelle due ore dopo il tramonto. Si alzano prima ogni mese per tutta l’estate.

I movimenti di Marte

Come informa Scitechdaily, tra il 1° e il 2 giugno Marte passerà attraverso l’ammasso noto come Praesepe o M44. È un noto ammasso aperto di stelle situato a circa 600 anni luce di distanza nella costellazione del Cancro. L’accoppiamento consentirà un’ottima visione attraverso il binocolo o un piccolo telescopio, con uno scintillio di deboli stelle che circondano il disco color ruggine di Marte. È possibile vedere Marte e Venere avvicinarsi per tutto il mese nel cielo occidentale dopo il tramonto. Nelle vicinanze c’è la brillante stella bianco-blu Regulus, il cuore di Leo, il leone. E dal 20 al 22 passa la Luna crescente, creando un gruppo particolarmente bello al tramonto del 21 giugno.

I movimenti di Saturno e Giove

Passando al cielo mattutino, Saturno e Giove sorgono prima dell’alba, con il Pianeta ad anelli che sorge intorno a mezzanotte e guida il brillante Giove nel nuovo giorno. I mattinieri li troveranno sul lato orientale del cielo prima del sorgere del sole per tutto il mese. E troverai Giove che sorge con la luna crescente il 14 giugno. Rivolto a sud nelle prime sere di giugno, noterete due stelle particolarmente luminose in alto nel cielo. Sono Spica e Arturo.

Spica e Arturo

Spica è la stella più luminosa della costellazione della Vergine, la fanciulla. Si trova a circa 250 anni luce di distanza, ed è in realtà due stelle che orbitano l’una intorno all’altra ogni 4 giorni a una distanza molto più vicina di quanto Mercurio orbita attorno al nostro Sole. Il gigante arancione Arturo è la stella più luminosa dela costellazione di Boote. È la quarta stella più luminosa del cielo. È molto più vicino di Spica, a una distanza di circa 37 anni luce. È anche una stella piuttosto vecchia, rispetto al nostro Sole, con un’età di 7-8 miliardi di anni.

 



2