Fine di Omegle: Il popolare sito di chat video chiude tra controversie e critiche

0
6

(Adnkronos) – Omegle, il noto sito web e app di chat video che collegava utenti casuali, ha annunciato la sua chiusura. Il fondatore, Leif K-Brooks, ha riconosciuto l'insostenibilità del servizio a causa di attività criminali persistenti e abuso sessuale sui minori. La piattaforma, lanciata nel 2009 e divenuta popolare durante la pandemia di coronavirus, è stata criticata per essere diventata un rifugio per la pedofilia. Nonostante gli sforzi per creare una comunità che alleviasse la solitudine, K-Brooks ha ammesso che i crimini verificatisi sul sito rendevano la sua gestione "insostenibile". La decisione segue le preoccupazioni espresse da legge e critici riguardo alla sicurezza dei minori. L'anonimato offerto da Omegle, unito alla mancanza di requisiti identificativi per gli utenti, ha creato un ambiente propenso agli abusi, rendendo difficile per le forze dell'ordine perseguire i trasgressori. Michele Bush, esperta forense, sottolinea come la chiusura di Omegle rifletta le sfide che le aziende tecnologiche affrontano nel moderare attività criminali sulle loro piattaforme. Diverse cause legali contro Omegle hanno messo in luce la natura dei problemi affrontati dal sito, con accuse di non aver fatto abbastanza per prevenire o fermare gli abusi. La chiusura di Omegle segna un momento significativo nel dibattito su sicurezza e responsabilità nel mondo dei social media e della tecnologia online. —tecnologiawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

2