11 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeMedicinaLa febbre tifoide, un antico killer, sta rapidamente diventando resistente agli antibiotici

La febbre tifoide, un antico killer, sta rapidamente diventando resistente agli antibiotici

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La febbre tifoide, anche se ormai rara nei paesi sviluppati, è un’antica minaccia che si pensa esista da millenni, ed è ancora un pericolo nel nostro mondo moderno. Secondo una nuova ricerca, il batterio che causa la febbre tifoide sta sviluppando un’ampia resistenza ai farmaci e sta rapidamente sostituendo i ceppi che non sono resistenti.

Attualmente, gli antibiotici sono l’unico modo per trattare efficacemente il tifo, che è causato dal batterio Salmonella enterica sierotipo Typhi (S Typhi). Eppure, negli ultimi tre decenni, la resistenza del batterio agli antibiotici orali è cresciuta e si è diffusa.

Sequenziando i genomi di 3.489 ceppi S Typhi contratti dal 2014 al 2019 in Nepal, Bangladesh, Pakistan e India, i ricercatori hanno riscontrato un recente aumento di Typhi ampiamente resistente ai farmaci (XDR).

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

XDR Typhi non solo è impermeabile agli antibiotici di prima linea, come ampicillina, cloramfenicolo e trimetoprim/sulfametossazolo, ma sta anche diventando resistente ai nuovi antibiotici, come i fluorochinoloni e le cefalosporine di terza generazione.

Ancora peggio, questi ceppi si stanno diffondendo a livello globale a un ritmo rapido. Sebbene la maggior parte dei casi di XDR Typhi provenga dall’Asia meridionale, i ricercatori hanno identificato quasi 200 casi di diffusione internazionale dal 1990.

La maggior parte dei ceppi sono stati esportati nel sud-est asiatico, nonché nell’Africa orientale e meridionale, ma sono stati trovati superbatteri tifoidi anche nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Canada.

La velocità con cui i ceppi altamente resistenti di S. Typhi sono emersi e si sono diffusi negli ultimi anni è un vero motivo di preoccupazione ed evidenzia la necessità di ampliare urgentemente le misure di prevenzione, in particolare nei paesi a maggior rischio“, afferma lo specialista in  malattie infettive Jason Andrews della Stanford University.

Gli scienziati avvertono da anni del pericolo relativo al tifo resistente ai farmaci, ma la nuova ricerca è la più grande analisi del genoma sul batterio effettuata fino ad oggi. Nel 2016 è stato identificato il primo ceppo di tifo XDR in Pakistan. Nel 2019 era diventato il genotipo dominante nella nazione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Storicamente, la maggior parte dei ceppi di tifo XDR è stata combattuta con antimicrobici di terza generazione, come chinoloni, cefalosporine e macrolidi ma, all’inizio degli anni 2000, le mutazioni che conferiscono resistenza ai chinoloni rappresentavano oltre l’85% di tutti i casi in Bangladesh, India, Pakistan, Nepal e Singapore. Allo stesso tempo, stava prendendo il sopravvento anche la resistenza alle cefalosporine.

Oggi è rimasto un solo antibiotico orale efficace: il macrolide azitromicina. E questo medicinale potrebbe non funzionare per molto più tempo.

Il nuovo studio ha rilevato che ora si stanno diffondendo anche mutazioni che conferiscono resistenza all’azitromicina, “minacciando l’efficacia di tutti gli antimicrobici orali per il trattamento del tifo“. Sebbene queste mutazioni non siano state ancora adottate da XDR S Typhi, rischiamo guai seri.

Se non trattati, fino al 20% dei casi di tifo può essere fatale e oggi ci sono 11 milioni di casi di tifo all’anno.

Futuri focolai possono essere prevenuti in una certa misura con i vaccini coniugati contro il tifo, ma se l’accesso a questi vaccini non viene ampliato a livello globale, il mondo potrebbe presto avere un’altra crisi sanitaria tra le mani.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La recente comparsa di XDR e S Typhi resistente all’azitromicina crea maggiore urgenza per misure di prevenzione in rapida espansione, incluso l’uso di vaccini coniugati contro il tifo nei paesi endemici di tifo“, scrivono gli autori .

Tali misure sono necessarie nei paesi in cui la prevalenza della resistenza antimicrobica tra gli isolati di S Typhi è attualmente elevata, ma data la propensione alla diffusione internazionale, non dovrebbero essere limitate a tali contesti“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’Asia meridionale potrebbe essere il principale hub per la febbre tifoide, rappresentando il 70% di tutti i casi, ma se il COVID-19 ci ha insegnato qualcosa, è che le varianti della malattia nel nostro mondo moderno e globalizzato si diffondono facilmente.

Per evitare che ciò accada, gli esperti sanitari sostengono che le nazioni devono ampliare l’accesso ai vaccini contro il tifo e investire in nuove ricerche sugli antibiotici. Uno studio recente effettuato in India, ad esempio, stima che se i bambini nelle aree urbane venissero vaccinati contro il tifo, si potrebbe prevenire fino al 36% dei casi di tifo e dei decessi.

Il Pakistan è attualmente all’avanguardia su questo fronte. È la prima nazione al mondo a offrire vaccinazioni di routine per il tifo. L’anno scorso, a milioni di bambini è stato somministrato il vaccino e gli esperti sanitari sostengono che altre nazioni devono seguire l’esempio.

La resistenza agli antibiotici è una delle principali cause di morte nel mondo, poiché miete più vittime dell’HIV / AIDS o della malaria. Ove disponibili, i vaccini sono alcuni dei migliori strumenti che abbiamo per prevenire future catastrofi.

Non abbiamo tempo da perdere.

Lo studio è stato pubblicato su The Lancet Microbe.

Articoli più letti