Febbre di Lassa: cosa sappiamo su questa forma virale

L'Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) ha segnalato tre casi di febbre di Lassa nell'ultima settimana. Una malattia virale acuta che ha causato la morte di un neonato. Ecco tutto quello che devi sapere su questa malattia

0
343

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) ha segnalato tre casi di febbre di Lassa nell’ultima settimana. Una malattia virale acuta che ha causato la morte di un neonato. Ecco tutto quello che devi sapere su questa malattia.

Le origini

Secondo il sito Web del Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) degli Stati Uniti, la febbre di Lassa è una malattia di origine animale endemica dei paesi dell’Africa occidentale come Sierra Leone, Liberia, Guinea e Nigeria. La malattia è causata dal virus Lassa, dal nome della città della Nigeria, dove è stato segnalato per la prima volta nel 1969.

Il virus è diffuso dal ratto Mastomys natalensis, noto anche con il nome comune di ratto africano. Fedele al suo nome, il topo africano si trova abbastanza comunemente anche in altre parti dell’Africa, dove può diffondere ulteriormente il virus. Il sito web del CDC afferma che le nazioni vicine agli stati dell’Africa occidentale sono maggiormente a rischio di contrarre infezioni a causa del virus Lassa.

Il topo africano elimina il virus nelle urine e negli escrementi per lunghi periodi di tempo, disperdendolo nell’ambiente, spesso contaminando anche le coltivazioni e le scorte di cibo immagazzinate. Si suggerisce che questo potrebbe significare anche per tutta la sua vita. Poiché ai topi piace infestare le aree vicino agli insediamenti umani, possono trasferire il virus agli esseri umani contaminando il cibo o addirittura per contatto diretto.

Gli esseri umani possono contrarre il virus Lassa per inalazione delle particelle del virus o ingestione di cibo contaminato dal virus. Una volta che un soggetto è stato infettato, il virus può essere ulteriormente trasferito a un altro essere umano attraverso uno scambio di fluidi corporei come la saliva o entrando in contatto anche con sangue, tessuti o escrementi umani infetti.

Nel caso dei pazienti del Regno Unito, di recente hanno avuto una storia di viaggio in Africa occidentale.



EM picture

I sintomi della febbre di Lassa

I sintomi della febbre di Lassa possono essere visti già dalla prima settimana ma anche fino a tre settimane dopo l’esposizione. Per la maggior parte delle persone, i sintomi sono lievi come febbre, affaticamento e mal di testa.

Circa il 20% delle infezioni riporta sintomi come distress respiratorio, vomito ripetuto, gonfiore del viso, dolore al petto e alla schiena, nonché emorragie, emorragie interne o esterne da occhi, naso o gengive.

Fino al 20 per cento delle persone infette necessita di ricovero in ospedale a causa della malattia, ma ben un terzo riporta sordità di vario grado a seguito dell’infezione. In molti casi, la perdita dell’udito è permanente. Statisticamente, solo l’1% delle persone infettate dal virus muore, ma le donne in gravidanza nel terzo trimestre sono ad alto rischio poiché l’infezione può portare all’aborto spontaneo con una mortalità del feto del 95%, afferma il CDC sul suo sito web.

Un altro potenziale pandemico?

Fortunatamente, la malattia non si diffonde così rapidamente come il coronavirus, da cui speriamo ancora di riprenderci. Sebbene sia possibile una trasmissione da persona a persona, richiede anche uno scambio di fluidi corporei, che di solito non si verifica in circostanze normali.

Nel caso della sfortunata famiglia nel Regno Unito, il neonato ha ceduto alla malattia, ma gli sforzi di tracciamento dei contratti non hanno dimostrato che l’infezione si sia ancora diffusa. Al personale degli ospedali in cui è stata curata la famiglia è stato chiesto di sottoporsi a un isolamento precauzionale per due settimane, ha riferito The Guardian.

Secondo una dichiarazione dell’UKHSA, il Regno Unito ha visto otto casi di virus Lassa sin dagli anni ’80, con gli ultimi due che si sono verificati nel lontano 2009. Il rischio complessivo per il pubblico è molto basso.

2