Scoperto un esopianeta con segni di fusione nucleare nel suo nucleo

Gli astronomi hanno utilizzato le lievi oscillazioni di una stella per scoprire un nuovo esopianeta che mostra segni di fusione nucleare nel suo nucleo

1256
Scoperto un esopianeta con segni di fusione nucleare nel suo nucleo
Scoperto un esopianeta con segni di fusione nucleare nel suo nucleo

Gli astronomi hanno utilizzato le lievi oscillazioni di una stella per scoprire un nuovo esopianeta che mostra segni di fusione nucleare nel suo nucleo.

Individuare la posizione di un pianeta alieno

Un team internazionale di ricercatori, guidato dal professor Sasha Hinkley dell’Università di Exeter, ha rilevato un nuovo esopianeta in orbita attorno alla stella HD206893, che si trova a circa 130 anni luce dalla Terra ed è circa il 30% più grande del Sole.

I ricercatori hanno confermato l’esopianeta lontano utilizzando lo strumento GRAVITY del Very Large Telescope, che funziona utilizzando l’interferometria ottica per sincronizzare i quattro telescopi principali del VLT in modo da funzionare come un telescopio molto più grande.

Questa tecnica consente a GRAVITY di misurare la posizione del pianeta nella sua orbita in modo estremamente preciso, nonché di misurare lo spettro della luce emessa dall’atmosfera del pianeta, consentendo ulteriormente agli astrofisici di caratterizzare la sua atmosfera.

Il team di ricerca ha utilizzato questa tecnica per concludere che l’esopianeta appena scoperto mostra chiaramente un evidente “brillamento“, dovuto al fatto che subisce una fusione nucleare bruciando deuterio, o “idrogeno pesante” nel suo nucleo.

La scoperta segna una svolta nella ricerca di mondi nuovi e distanti, in quanto si tratta di uno dei primi rilevamenti di un pianeta la cui presenza è stata parzialmente dedotta a causa del movimento astrometrico della stella ospite mentre si muove nel cielo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il team ritiene che, con la missione Gaia dell’ESA che dovrebbe individuare numerosi esopianeti, molti potranno essere caratterizzati tramite immagini dirette, come in questo caso.

La nuova scoperta mostra anche che il veicolo spaziale Gaia dell’ESA può essere utilizzato per individuare gli esopianeti prima che altri osservatori terrestri e spaziali, come il James Webb, effettuino osservazioni dirette. In altre parole, la missione Gaia dell’ESA potrebbe rivelarsi uno strumento prezioso nella continua ricerca di mondi alieni. È una missione che la NASA ha recentemente evidenziato come una priorità e che sarà probabilmente al centro del successore di James Webb.

L’esopianeta HD206893c

“La scoperta di HD206893c è un momento davvero importante per lo studio degli esopianeti, poiché il nostro potrebbe essere il primo rilevamento diretto di un esopianeta scoperto da Gaia”, ha dichiarato il professor Hinkley.

Gli scienziati hanno originariamente scoperto una nana bruna, nota come HD206893B, in orbita attorno alla stella ospite nel 2017. Tuttavia, il monitoraggio a lungo termine da parte dello strumento HARPS dell’ESO, così come le misurazioni precise del moto proprio della stella ospite da parte della missione Gaia, hanno anche accennato alla presenza di una massa interna, inferiore, compagna.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Utilizzando lo strumento GRAVITY, gli scienziati sono stati in grado di dimostrare che questo compagno era un nuovo pianeta, chiamato HD206893c, e orbitante a circa 300 milioni di miglia dalla sua stella ospite, all’incirca a metà strada tra le orbite di Marte e Giove nel nostro sistema solare, e con un massa maggiore di quella di Giove.

Un pianeta con una reazione di fusione nucleare in corso nel suo interno

La scoperta fornisce prove concrete che i moderni strumenti sono in grado di rilevare direttamente esopianeti su scale orbitali simili al nostro sistema solare.

Inoltre, poiché l’esopianeta si trova a cavallo del limite di combustione del deuterio, comunemente accettato intorno alle 13 masse di Giove, può aiutare gli scienziati a chiarire come discriminare tra gli oggetti che potrebbero essere una nana bruna o un pianeta extrasolare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Questa scoperta è molto significativa perché mostra che ora possiamo caratterizzare direttamente le atmosfere di questi esopianeti dove sappiamo da studi precedenti che risiedono più comunemente, a circa due o quattro volte la nostra distanza Terra/Sole”, ha concluso il professor Hinkley.

Fonte: Astronomy & Astrophysics