Un’enorme eruzione solare potrebbe essere diretta verso la Terra

Gli astronomi hanno notato una massiccia eruzione solare ma non sono sicuri se sia diretta verso la Terra

642

Gli astronomi hanno notato una massiccia eruzione solare ma non sono sicuri se sia diretta verso la Terra, ha riferito Newsweek.

Nelle ultime settimane, la superficie solare ha avuto un’attività interessante. La macchia solare AR3038, che è rivolta verso la Terra, doveva esaurirsi e, invece, è diventata più grande e ora è tre volte più grande della Terra. Gli astronomi, a questo punto, si aspettavano che la macchia solare eruttasse un brillamento, tuttavia, ciò che si è verificato invece è un’espulsione di massa coronale o CME, che è molto più potente di un brillamento solare poiché è fatto di grandi quantità di plasma e flusso magnetico. L’unico problema è che il CME non proviene dalla macchia solare AR3038. Invece, gli astronomi non sono riusciti a capire da dove provenga.

Come facciamo a sapere se c’era un CME?

L’eruzione è stata individuata domenica da un software di rilevamento CME dello strumento dell’Agenzia spaziale europea (ESA) chiamato Computer Aided CME Tracking (CACTus). Secondo il sito Web dello strumento, l’algoritmo funziona in modo autonomo. Utilizza i dati del Large Angle and Spectrometric Coronagraph Experiment (LASCO), una collaborazione tra l’ESA e la NASA per studiare il Sole.

Poiché l’elenco delle CME di CACTus viene generato automaticamente, gli astronomi utilizzano altri strumenti che osservano il Sole per confermare gli eventi. Uno di questi strumenti è il Solar Dynamics Observatory (SDO) della NASA, che la scorsa settimana ci ha dato le immagini della macchia solare AR3038.

Sfortunatamente, un diffuso arresto dell’alimentazione presso la Stanford University, dove gli strumenti di SDO archiviano i dati, ha creato problemi e ciò ha reso difficile accertare la posizione esatta dell’eruzione del CME e se è diretta verso la Terra.

E ora, cosa succede?

A differenza dei brillamenti solari che possono causare blackout radio di breve durata, i CME possono causare enormi interruzioni poiché le forze magnetiche nell’eruzione interagiscono con il campo magnetico terrestre. Una tempesta geomagnetica causata da un CME può causare il collasso di intere reti elettriche e interferire con le comunicazioni radio per giorni. Anche i sistemi di navigazione possono essere gravemente colpiti dopo le CME ad alta energia. Fortunatamente, queste tempeste si verificano raramente.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I brillamenti solari viaggiano rapidamente e, se diretti verso la Terra, in pochi minuti. Un CME, tuttavia, può richiedere giorni prima che colpisca la Terra. Quindi, l’eruzione notata sulla superficie solare domenica dovrebbe raggiungere la Terra entro oggi, secondo quanto riferito da Newsweek.

Con l’SDO offline, gli astronomi ora devono guardare altri strumenti compatibili con il coronografo per determinare se l’eruzione è diretta verso la Terra o meno. Fattori come il posizionamento di questi strumenti potrebbero avere un impatto significativo sui calcoli effettuati con questi strumenti.

L’unico conforto che gli astronomi hanno ora è che anche se il CME fosse diretto verso la Terra, potrebbe non essere abbastanza potente da causare danni diffusi. Tuttavia, sottolinea come gli strumenti critici debbano essere sempre online, perché non sai mai quando una tempesta solare può colpirti.

Con il Sole ora in una fase attiva del suo ciclo solare, è meglio essere pronti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---