Scienza controversa: creati embrioni chimerici parte umani, parte scimmie

Sono stati creati embrioni chimerici iniettando cellule staminali umane in embrioni di scimmia che sono stati poi coltivati ​​in condizioni di laboratorio

0
1040

Un team di ricercatori ha riferito di aver creato embrioni chimerici in parte umani e in parte scimmia e di averli coltivati ​​in un laboratorio per un massimo di 20 giorni, una pratica controversa che secondo gli scienziati potrebbe aiutare a sviluppare trattamenti per le malattie e aprire la strada allo sviluppo di organi che potranno essere utilizzati per il trapianto umano.   

Immagine dell'embrione umano della scimmia chimerica
Gli scienziati hanno creato il primo embrione chimerico di scimmia umana. WEIZHI JI, UNIVERSITÀ DI SCIENZA E TECNOLOGIA DI KUNMING

ASPETTI PRINCIPALI

Il team internazionale ha descritto il processo di creazione degli embrioni chimerici scimmia-umano, in un documento pubblicato su Cell, un importante passo avanti che solleva anche alcune serie questioni etiche. 

Nello studio, sono stati creati embrioni chimerici iniettando cellule staminali umane in embrioni di scimmia che sono stati poi coltivati ​​in condizioni di laboratorio.

In zoologia, una chimera è un animale che ha due o più popolazioni differenti di cellule geneticamente distinte che sono originate da diversi zigoti; se le cellule differenti emergono dallo stesso zigote viene chiamato mosaico genetico.

Gli embrioni chimerici sono formati a partire da quattro cellule parentali (due uova fertilizzate o embrioni precoci fusi assieme) o da tre cellule parentali (un uovo fecondato viene fuso a un uovo non fertilizzato oppure un uovo fecondato viene fuso con dell’ulteriore sperma).



Ciascuna popolazione cellulare conserva le proprie caratteristiche e l’animale risultante è una miscela di regioni mal assortite. Un’analogia sono due puzzle tagliati in modo identico, ma con figure differenti. Un singolo puzzle può essere formato da parti male assortite, ma il puzzle completo mostrerà regioni di entrambe le differenti figure.

Questa condizione può essere acquisita attraverso l’introduzione di cellule ematopoietiche allogeniche durante un trapianto, con una trasfusione di sangue o può essere ereditata.

Nei gemelli eterozigoti, il chimerismo si verifica attraverso l’anastomosi dei vasi sanguigni. La probabilità che un bambino sia una chimera è aumentata se questo è stato concepito attraverso la fecondazione in vitro. Le chimere sono spesso in grado di riprodursi, ma la fertilità e il tipo di progenie dipendono da quale linea cellulare ha dato origine alle ovaie o ai testicoli.

Le chimere sono state chiamate così in analogia con la creatura mitologica Chimera.

Le cellule umane sono durate molto più a lungo negli embrioni di scimmia rispetto a precedenti esperimenti che utilizzavano altre cellule animali e apre possibilità di ricerca che non potevano essere svolte su embrioni umani.

I ricercatori, che hanno riconosciuto l’esistenza di “significative preoccupazioni etiche” intorno a questa ricerca, hanno detto che lo studio offre nuove intuizioni sullo sviluppo umano e potrebbe aiutare a sviluppare “medicina rigenerativa“, compreso lo sviluppo di organi per i trapianti. 

Juan Carlos Izpisua Belmonte, professore presso il Salk Institute, un rispettato istituto di ricerca fondato dallo sviluppatore del primo vaccino antipolio Jonas Salk, e autore senior dell’articolo, ha affermato che è “nostra responsabilità come scienziati condurre la nostra ricerca con attenzione, seguendo tutte le linee guida etiche, legali e sociali in atto“. 

Belmonte ha aggiunto che prima dello studio è stata intrapresa una revisione “approfondita e dettagliata” delle considerazioni etiche, che ha anche “aiutato a guidare” gli esperimenti.

SFONDO CHIAVE

Le chimere, la combinazione di cellule di più specie, sono frutto di una tecnica controversa, specialmente quando coinvolgono primati umani o non umani. 

Lo stato morale di questi animali parzialmente umani è una questione particolarmente spinosa, poiché devono avere abbastanza umanità per essere utili per gli esperimenti o, un giorno, per far crescere organi umani, ma non abbastanza per garantire protezione dalla sperimentazione. 

Questo lavoro non invade molti di questi problemi, con gli embrioni coltivati ​​in laboratorio e per un periodo di tempo così breve. Questo esperimento è uno sviluppo importante, tuttavia, e ha riacceso il dibattito sul fatto che tali esperimenti siano eticamente ammissibili. 

CITAZIONE CRUCIALE

Il professor Julian Savulescu dell’Università di Oxford, uno specialista in etica pratica, ha affermato che “la questione più difficile (per questa ricerca) risiede nel futuro“, aggiungendo che “apre il vaso di Pandora a chimere umano-non umane“.

 Savulescu ha detto che è “solo una questione di tempo prima che le chimere umano-non umane siano sviluppate con successo“, uno degli obiettivi a lungo termine di questo tipo di ricerca. 

Qualsiasi chimera nata viva dovrà avere la propria vita e le proprie capacità mentali valutate prima di essere utilizzata per gli esperimenti, ha concluso.

2