Il digiuno intermittente rende più difficile perdere la pancia

Un nuovo studio, condotto sui topi, ha scoperto che, nonostante tutti i benefici del digiuno intermittente, perdere la ciambella intorno al girovita può essere complicato con questa dieta

0
3698
Il digiuno intermittente rende più difficile perdere la pancia
Il digiuno intermittente rende più difficile perdere la pancia

Il digiuno intermittente è stato presentato come IL modo per perdere peso un po’ da tutti e la ricerca ha dimostrato che si tratta di un modo efficace per perdere peso, ma siamo sicuri che fa perdere il giusto tipo di peso?

Un nuovo studio, condotto sui topi, ha scoperto che, nonostante tutti i benefici del digiuno intermittente, perdere la ciambella intorno al girovita può essere complicato con questa dieta.

In effetti, secondo questo ultimo studio, il digiuno intermittente può effettivamente rendere più difficile perdere il grasso della pancia, il che non è eccezionale poiché il grasso addominale è fortemente legato a malattie come il diabete di tipo 2 e le malattie cardiache.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Cell Reports, ha esaminato cosa succede ai diversi tipi di tessuto adiposo durante il digiuno intermittente nei topi.

Il digiuno intermittente fa cosa strane al grasso addominale

Quello che hanno scoperto è che il grasso viscerale della “pancia”, che è il tessuto adiposo che circonda i nostri organi compreso lo stomaco, e il grasso sottocutaneo, che si trova appena sotto la pelle ed è associato a una migliore salute metabolica, cambia il modo in cui si comporta quando i topi mangiano a giorni alterni.



“La maggior parte delle persone pensa che tutto il tessuto adiposo sia lo stesso, in effetti, però, la posizione fa una grande differenza”, ha detto l’autore senior Mark Larance del Charles Perkins Centre e della School of Life and Environmental Sciences dell’Università di Sydney.

I nostri dati mostrano che sia il grasso viscerale che quello sottocutaneo subiscono cambiamenti drastici durante il digiuno intermittente”.

Di solito durante i periodi di digiuno, il tessuto adiposo interviene per fornire energia al corpo rilasciando molecole di acidi grassi.

Ma quando Larance ed i suoi colleghi hanno esaminato cosa succede al grasso viscerale e al grasso sottocutaneo durante il digiuno intermittente dei topi, hanno scoperto che entra in “modalità di conservazione” e diventa resistente a rilascio degli acidi grassi.

Hanno anche notato che il grasso dello stomaco nei topi si è adattato nel tempo, immagazzinando meglio il grasso come energia ed essenzialmente diventando più resistente alla perdita di peso.

Questo suggerisce che il grasso viscerale può adattarsi a ripetuti periodi di digiuno e proteggere la sua riserva di energia“, ha detto Larance. 

Questo tipo di adattamento può essere il motivo per cui il grasso viscerale può essere resistente alla perdita di peso dopo lunghi periodi di dieta“. Larance ha anche affermato che è possibile che una storia di periodi di digiuno ripetuti inneschi una procedura di conservazione nel grasso viscerale. 

Tuttavia, non è chiaro se diete come la dieta 5: 2 o altre diete a restrizione calorica hanno lo stesso effetto sul grasso viscerale e sottocutaneo.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che il digiuno intermittente negli esseri umani potrebbe ridurre il grasso della pancia.

Ad esempio, una revisione della letteratura del 2014 ha rilevato che il digiuno intermittente può causare una perdita di peso del 3-8% in 3-24 settimane e i partecipanti allo studio hanno anche perso il 4-7% della circonferenza della vita, ma non è chiaro se si trattasse di una perdita di grasso viscerale.

Inoltre, non ci sono dati a lungo termine per vedere se il peso continuerebbe a diminuire una dieta più lunga di 24 settimane.

Quindi, mentre questo ultimo studio è stato condotto sui topi, Larance afferma che è probabile che qualcosa di simile sarebbe stato osservato negli esseri umani.

La fisiologia dei topi è simile a quella degli esseri umani, ma il loro metabolismo è molto più veloce, permettendoci di osservare i cambiamenti più rapidamente rispetto agli studi sull’uomo e di esaminare tessuti difficili da campionare negli esseri umani“, ha detto.

Ora che abbiamo dimostrato che il ‘grasso della pancia’ nei topi è resistente a questa dieta, la grande domanda sarà rispondere perché e come migliorare l’approccio per una dieta efficace“.

La ricerca futura sui topi e sugli esseri umani potrebbe scoprire i meccanismi provocano questa resistenza e anche quali tipi di dieta e altri interventi potrebbero essere migliori per affrontare il grasso della pancia.

2