17.3 C
Rome
giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeEsplorazione SpazialeDART invia la prima foto da 3 milioni di chilometri di distanza

DART invia la prima foto da 3 milioni di chilometri di distanza

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La navicella DART, progettata per schiantarsi contro un asteroide a 18 milioni di chilometri dalla Terra in un test necessario per verificare la nostra capacità di deviare dalla traiettoria d’impatto un asteroide potenzialmente pericoloso, ha inviato la sua prima foto dallo spazio.

Il Double Asteroid Redirection Test (DART) sta attualmente sfrecciando nello spazio per compiere la sua missione in stile Armageddon. Il suo scopo è testare una tecnologia che, in futuro, potrebbe difendere la Terra da asteroidi di grandi dimensioni il cui impatto potrebbe essere potenzialmente devastante in futuro.

La navicella spaziale ha aperto il suo “occhio” due settimane dopo essere decollata, lo scorso novembre, e ora possiamo dare un’occhiata a cosa sta vedendo durante il suo viaggio. Preso a circa 3 milioni di chilometro dalla Terra, lo scatto leggermente sgranato è stato fatto utilizzando la fotocamera telescopica DRACO a bordo della sonda.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli scienziati sono stati in grado di distinguere una dozzina di stelle, vicino all’intersezione delle costellazioni del Perseo, dell’Ariete e del Toro.

Ma DART non dovrebbe raggiungere la sua destinazione finale prima di settembre 2022, quindi possiamo aspettarci che arriveranno altre foto durante il suo lungo viaggio.

Il 10 dicembre, la fotocamera DRACO di DART ha catturato e restituito questa immagine delle stelle in Messier 38, o Starfish Cluster, che si trova a circa 4.200 anni luce di distanza.
Il 10 dicembre, la fotocamera DRACO di DART ha catturato e restituito questa immagine delle stelle in Messier 38, o Starfish Cluster, che si trova a circa 4.200 anni luce di distanza. – NASA/Johns Hopkins APL

Se la missione dovesse avere successo, potrebbe aprire la strada a un nuovo sistema di difesa planetario in grado di deviare le rocce spaziali in arrivo prima dell’impatto. Lo schema rispecchia la trama del film “Armageddon” in cui la NASA fa invia un’astronave su un asteroide per impedire che colpisca la Terra.

DART sta volando verso un asteroide binario che percorre un’orbita prossima a quella della Terra Didymos, che è largo circa 740 metri e si trova tra le orbite della Terra e di Marte.

Ma non è questo il fulcro della missione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
DART dovrebbe raggiungere il suo obiettivo settembre 2022.
DART dovrebbe raggiungere il suo obiettivo nel settembre 2022. – Nasa

Invece, l’ariete della NASA si punterà su un asteroide più piccolo – o moonlet – in orbita intorno a Didymos. DART si schianterà contro quella roccia spaziale a 22.500 kph nel tentativo di cambiare la sua traiettoria orbitale attorno al suo ospite.

Dopo che DART si sarà schiantato contro il suo bersaglio, i telescopi della NASA e dell’ESA sulla Terra si punteranno su di esso per verificare se l’idea ha funzionato. Un minuscolo cubesat lanciato insieme alla missione raccoglierà dati prima, durante e dopo l’impatto.

Esperti spaziali hanno già identificato almeno 26.000 cosiddetti “oggetti vicini alla Terra” o NEO (Near Earth Object).

Si stima che, ad oggi, circa 4.700 soddisfino la classificazione della NASA di “Oggetti potenzialmente pericolosi”.

Articoli più letti