Un nuovo modo per curare le cellule tumorali aggressive del rabdomiosarcoma

Una forma particolare di cancro infantile, il rabdomiosarcoma, potrebbe avere una terapia efficace: alcune cellule tumorali sono state trasformate in cellule sane. Lo studio dei ricercatori

0
50
Un nuovo modo per curare le cellule tumorali aggressive del rabdomiosarcoma

Una forma di cancro infantile che si forma nel tessuto muscolare potrebbe avere in futuro una valida terapia che potrebbe salvare la vita a numerosi bambini. Gli scienziati sono riusciti a indurre le cellule tumorali del rabdomiosarcoma a trasformarsi in cellule tumorali completamente sane.

Un possibile successo in campo medico per combattere questa terribile malattia, che potrebbe, inoltre, portare anche a una cura per altri tipi di cancro umano.

Christopher Vakoc è biologo molecolare del Cold Spring Harbor Laboratory. L’esperto ha spiegato tramite alcune dichiarazioni riportate da Science Alert: “Le cellule si trasformano letteralmente in muscoli. Il tumore perde tutte le caratteristiche del cancro. Stanno passando da una cellula che vuole solo produrre di più a cellule dedite alla contrazione. Poiché tutta la sua energia e risorse sono ora dedicate alla contrazione, non può tornare a moltiplicarsi”.

Cellule tumorali divenute sane: i segreti del cancro

Il cancro non è una cosa monolitica. Si verifica quando le cellule di diverse parti del corpo mutano. Il rabdomiosarcoma è un tipo di cancro che si osserva più spesso nei bambini e negli adolescenti. Di solito inizia nel muscolo scheletrico quando le cellule al suo interno mutano e iniziano a moltiplicarsi e a prendere il controllo del corpo. Il rabdomiosarcoma è aggressivo e spesso mortale; i tassi di sopravvivenza per il gruppo a rischio intermedio sono compresi tra il 50 e il 70%.

La terapia di differenziazione

Un’opzione terapeutica che si è dimostrata promettente è chiamata terapia di differenziazione. Ciò è emerso quando gli scienziati hanno notato che le cellule leucemiche non sono completamente mature ma restano simili alle cellule staminali indifferenziate che non si sono ancora completamente sviluppate in un tipo cellulare specifico.



La terapia di differenziazione costringe quelle cellule a continuare il loro sviluppo e a differenziarsi in specifici tipi di cellule mature. In un lavoro precedente, Vakoc e il suo team hanno effettivamente invertito la mutazione delle cellule tumorali che emergono nel sarcoma di Ewing, un altro tumore infantile che di solito emerge nelle ossa.

La ricerca sul rabdomiosarcoma

I ricercatori volevano vedere se potevano ripetere il loro successo con il rabdomiosarcoma, per il quale si pensava che la terapia di differenziazione fosse lontana decenni. Hanno utilizzato una tecnica di screening genetico per restringere il campo dei geni che potrebbero forzare i geni del rabdomiosarcoma a continuare il loro sviluppo nelle cellule muscolari. Hanno trovato la risposta in una proteina chiamata fattore di trascrizione nucleare Y (NF-Y). Le cellule del rabdomiosarcoma producono una proteina chiamata PAX3–FOXO1 che guida la proliferazione del cancro e da cui dipende il cancro.

La scoperta

I ricercatori hanno scoperto che l’eliminazione di NF-Y disattiva PAX3-FOXO1, che a sua volta costringe le cellule a continuare il loro sviluppo, differenziandosi in cellule muscolari mature senza alcun segno di attività tumorale.

Questo, afferma il team, è un passo fondamentale nello sviluppo della terapia di differenziazione per il rabdomiosarcoma e potrebbe accelerare la tempistica per la quale sono previsti tali trattamenti. E dicono che la loro tecnica, ora dimostrata su due diversi tipi di sarcoma, potrebbe essere applicabile ad altri sarcomi e tipi di cancro, poiché fornisce agli scienziati gli strumenti necessari per scoprire come indurre le cellule tumorali a differenziarsi. “Ogni medicina di successo ha la sua storia d’origine”, afferma Vakoc. “E ricerche come questa sono il terreno da cui nascono nuovi farmaci”.

La ricerca è stata pubblicata negli Acts of the National Academy of Sciences.

Che cos’è un tumore?

Un tumore è una massa o un ammasso di cellule che crescono in modo incontrollato. Questa crescita anomala può danneggiare i tessuti circostanti e interferire con le funzioni dell’organo in cui si sviluppa. Oltre a essere maligno, il tumore può essere anche benigno. Tale categoria non è cancerogena e tumori di questi tipi, solitamente, crescono in maniera lenta. Non si diffondono ad altre parti del corpo spesso possono essere rimossi chirurgicamente senza causare gravi problemi di salute.

2