Crew Dragon ha subito un’erosione significativa dello scudo termico

La capsula Crew Dragon è tornata alla base con un'importante erosione dello scudo termico che nessuno si aspettava

0
25344
Indice

SpaceX ha rilevato danni non preventivati a una parte della sua capsula spaziale Crew Dragon dopo il lancio che l’ha vista protagonista della missione Demo-2, che ha portato il 30 maggio gli astronauti della NASA Bob Behnken e Doug Hurley sulla Stazione Spaziale Internazionale. I due uomini sono rimasti lì per due mesi, poi hanno superato una caduta infuocata attraverso l’atmosfera terrestre, ed infine hanno effettuato con successo l’amaraggio nel Golfo del Messico il 2 agosto.

Una volta conclusa questa esperienza, gli esperti hanno esaminato la nave spaziale riscontrando un’erosione del suo scudo termico che era fuori da ogni previsione.

Il sistema di protezione termica, composto da piastrelle resistenti al calore che rivestono il ventre vulnerabile della capsula, avrebbe dovuto risparmiare alla crew Dragon un danno simile in quanto la sua capacità di assorbire il calore supera i 1900 gradi Celsius.

Hans Koenigsmann, vicepresidente per la costruzione e l’affidabilità del volo di SpaceX durante un briefing, ha dichiarato: “Abbiamo riscontrato un’ erosione maggiore rispetto alle aspettative”.

Koenigsmann ha aggiunto che la parte interessata dello scudo termico è vicina ai “legami di tensione” che collegano la Crew Dragon al suo grande tronco cilindrico (il tronco aiuta a spingere la navicella in orbita ma viene gettato via prima che la capsula inizi il rientro). Una delle quattro aree che circondano quei legami di tensione è stata profondamente consumata dal plasma rovente durante il viaggio di ritorno verso la Terra di  Behnken e Hurley. Tuttavia, la capsula ed il suo equipaggio sono tornati a casa sani e salvi nonostante il problema imprevisto.



Prima che Behnken e Hurley tornassero sulla Terra, Elon Musk ha affermato che il rientro era la parte della missione di cui si preoccupava di più. La NASA ha esaminato lo scudo termico per rilevare eventuali danni prima del volo di ritorno, mentre la capsula Crew Dragon era ancora ancorata alla stazione spaziale. Durante i suoi due mesi di permanenza alla ISS, piccoli frammenti di detriti spaziali potrebbero aver danneggiato lo scudo termico della nave. Per effettuare l’ispezione, è stato utilizzato un braccio robotico installato sulla stazione spaziale, che però non ha rilevato nessun problema.

Solo dopo il rientro di Behnken e Hurley, SpaceX ha scoperto il punto debole nello scudo termico della Crew Dragon.

Siamo entrati e abbiamo sostituito molti materiali con materiali migliori“, ha detto ai giornalisti Steve Stich, il responsabile del programma del Commercial Crew Program della NASA, che supervisiona le missioni degli astronauti SpaceX. “Abbiamo migliorato l’area danneggiata tra queste tessere”

La NASA ha testato cinque campioni della nuova piastrella in un ambiente che simula il rientro: una galleria del vento presso il suo Ames Research Center in California. “Sono fiducioso che abbiamo risolto questo particolare problema molto bene“, ha detto Koenigsmann. “Tutto è stato testato ed è pronto per la prossima missione Crew 1 che partirà a breve”.

Non è chiaro il motivo per cui l’eccessiva erosione dello scudo termico non si sia manifestata nella precedente missione demo, un volo di prova senza equipaggio in cui Crew Dragon è stato lanciato, attraccato alla stazione spaziale e tornato sulla Terra senza passeggeri umani. Koenigsmann ha ipotizzato che la capsula potrebbe non aver riscontrato il problema perché era più leggera e aveva una traiettoria leggermente diversa in quella missione.

2