Cos’è un’era glaciale e con che frequenza si verifica?

Che cos'è un'era glaciale? Devono durare un certo periodo di tempo per contare, come sono variati e quante ere glaciali ha vissuto la Terra? Come per molte definizioni di fenomeni naturali, una definizione precisa di un'era glaciale non è semplice

0
2882

Che cos’è un’era glaciale? Devono durare un certo periodo di tempo per contare, come sono variati e quante ere glaciali ha vissuto la Terra? Come per molte definizioni di fenomeni naturali, una definizione precisa di un’era glaciale non è semplice.

Le ere glaciali si formano durante periodi prolungati di una Terra relativamente più fredda. Una definizione deve includere la condizione che la Terra sia sufficientemente fredda per la formazione permanente di ghiaccio.

Una seconda parte di una definizione di era glaciale è il risultato finale del raffreddamento prolungato. Le ere glaciali portano allo sviluppo di calotte glaciali continentali negli emisferi settentrionale e meridionale e alla crescita di ghiacciai nelle parti montuose del mondo, come l’Himalaya, le Alpi, le Alpi meridionali e le Ande.

Una terza parte della definizione riguarda il tempo. Affinché un’era glaciale sia registrata come significativa, deve durare per un periodo di tempo geologicamente significativo.

Se mettiamo insieme tutti questi fattori, si verifica un’era glaciale durante i periodi di temperature più basse prolungate, con il risultato di aree significative coperte di ghiaccio da milioni a decine o addirittura centinaia di milioni di anni.



Variazioni all’interno di un’era glaciale

Le ere glaciali non sono uniformemente fredde. Ci possono essere periodi più freddi e più caldi durante il periodo complessivo dell’era glaciale. I periodi più freddi portano ad aree più estese di calotte glaciali continentali, ghiacciai della valle e ghiaccio marino, mentre i periodi più caldi portano a aree ridotte di ghiaccio.

I periodi dell’era glaciale sulla Terra sono chiamati “stadiali“, mentre le parti più calde di un’era glaciale sono conosciute come “interstadiali“. Un’era glaciale termina quando la Terra si riscalda abbastanza da far ritirare o scomparire completamente la copertura di ghiaccio.

Le regioni ai margini di estese calotte glaciali e ghiacciai subiscono un raffreddamento al punto che si forma un ambiente costantemente freddo.

Di solito, il terreno è ghiacciato per gran parte dell’anno, le stagioni di crescita sono brevi e solo la flora e la fauna più resistenti sopravvivono. La tundra russa è un esempio di questo paesaggio.

Questi ambienti sono chiamati “periglaciali” e occupano aree tra regioni libere da ghiaccio relativamente più calde e campi di ghiaccio permanenti.

Le ere glaciali e il clima terrestre

Le ere glaciali modificano le fasce climatiche della Terra. Le zone temperate e tropicali si restringono alle basse latitudini equatoriali.

Una domanda che segue dalla definizione di era glaciale è: quanto deve diventare fredda la Terra per produrne una? La temperatura globale media della Terra oggi è di circa 16℃.

L’analisi dei dati di temperatura proxy (ad es. dalla modellazione delle composizioni isotopiche dei sedimenti degli oceani profondi) negli ultimi 500 milioni di anni della storia della Terra indica che le temperature globali medie sono variate tra circa -10℃ e +30℃. Durante il massimo glaciale più recente (stadiale, da 23.000 a 11.000 anni fa), la temperatura globale media era di circa 8℃, con le regioni polari che hanno registrato temperature medie di -2℃. I periodi senza ghiaccio negli ultimi 500 milioni di anni corrispondono a temperature globali medie di oltre 20℃.

Non esiste un periodo di tempo minimo ufficiale per un’era glaciale. Alcuni periodi più freddi in tempi storici sono chiamati piccole ere glaciali, compresi tra il XIII e il XVIII secolo. Questo periodo era caratterizzato da inverni più lunghi e più freddi ed estati più brevi e più fresche. I fiumi si ghiacciavano regolarmente in inverno nell’Europa occidentale. La splendida opera d’arte del pittore olandese Hendrick Avercamp (1585–1634 d.C.) documenta aspetti di questo periodo.

Quante ere glaciali ha vissuto la Terra?

I geologi concordano che la Terra ha attraversato sei grandi ere glaciali globali. La più antica era glaciale si è verificata circa 2.900-2.780 milioni di anni fa. L’era glaciale più recente è quella che stiamo vivendo attualmente, la tarda era glaciale cainozoico-quaternaria, iniziata circa 34 milioni di anni fa con la glaciazione dell’Antartide.

Tra queste due ere glaciali, altre ere glaciali si sono verificate a 2.400-2.100, 715-550, 450-420 e 360-260 milioni di anni fa. Queste sei grandi ere glaciali sono durate rispettivamente tra 300 e 30 milioni di anni.

Le ere glaciali variano in durata, estensione e temperature estreme. L’era glaciale più estesa è stata il periodo denominato “Terra a palla di neve” in cui i geologi pensano che il ghiaccio raggiungesse l’equatore, circa 700 milioni di anni fa.

Altre volte all’interno delle ere glaciali (come oggi), il ghiaccio è principalmente limitato alle regioni polari e alle catene montuose più alte. Ma nella sua massima estensione, l’attuale periodo glaciale ha prodotto lastre di ghiaccio a sud fino ai Grandi Laghi meridionali negli Stati Uniti e al fiume Tamigi nel Regno Unito. Anche i ghiacciai montani si estendevano molto più in là e il livello del mare era di circa 120 metri più basso di quello odierno.

Ci sono molti fattori che causano le ere glaciali. I principali includono variazioni dell’orbita terrestre, noti come cicli di Milankovitch, riduzioni delle emissioni di energia solare, minori concentrazioni di gas serra nell’atmosfera, variazioni delle correnti oceaniche, attività tettonica, configurazioni continentali, periodi di formazione delle montagne e vulcanismo globale.

 
 
2