La composizione del lato lontano della Luna

La Cina ha reso disponibili alcune interessanti informazioni sulla composizione del sottosuolo lunare rilevati dal rover Yutu-2 che da più di un anno sta esplorando il lato lontano della Luna

0
1307
Indice

La missione cinese Chang’e-4, la prima ad atterrare sul lato più lontano della luna, sta svelando i segreti del lato lontano della Luna.

Chang’e-4 è atterrato nel cratere Von Karman il 3 gennaio 2019 e ha inizato a studiarlo con il rover Yutu-2. Il compito del rover è di esplorare il bacino del Polo Sud-Aitken, il cratere più antico e più grande sul lato più lontano della luna, che ha un diametro di circa 2500 chilometri.

Il rover ha scoperto che il cratere è pieno di depositi di roccia polverizzata spessi circa 12 metri, simili a quelli che gli astronauti dell’Apollo hanno scoperto sul lato vicino della luna.

Dotato di uno speciale georadar per lo studio del suolo in profondità, il rover è stato in grado di analizzare la composizione del suolo fino ad una profondità di circa 40 metri.

Il radar ha rivelato la presenza di massi sepolti di diverse dimensioni, insieme a materiale poroso e granulare. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che la Luna è stata frequentemente colpita da meteore e altri detriti durante i primi giorni di formazione del nostro sistema solare.



Quando la Luna viene colpita da un oggetto, una parte del materiale polverizzato praticamente rimbalza fino ad altri punti della superficie. Nel tempo, la superficie craterizzata, che vediamo ora, è diventata lo strato superiore, con strati alternati di massi e regolite, sepolti sotto.

Questi dati sono stati raccolti durante i primi due giorni in cui la missione stava operando sulla superficie lunare, creando la prima immagine elettromagnetica del sottosuolo del lato più lontano della luna.

Questo studio mostra che l’uso estensivo del radar lunare di profondità potrebbe migliorare notevolmente la nostra comprensione della storia degli impatti lunari e dell’antico vulcanismo e potrebbe, inoltre, aiutarci a comprendere più a fondo quella che è stata l’evoluzione geologica del lato più lontano della Luna“, ha dichiarato Li. I crateri da impatto sono il modo in cui i ricercatori possono capire di più sull’evoluzione della luna e su come si è formata.

Gli scienziati hanno cercato di analizzare la composizione del mantello lunare, che si trova tra la crosta e il nucleo e hanno scoperto anche cosa accade quando gli asteroidi e altri oggetti si scontrano con la luna: la crosta si spezza e pezzi del mantello vengono portati in superficie.

Yutu-2 continua le sue indagini e il team della missione sta esaminando la possibilità di portare alcuni campioni sulla Terra.

FONTE: CNN

2