Le conseguenze degli incendi per gli animali selvatici

0
810

I grandi incendi che hanno imperversato negli ultimi anni in luoghi come la California, la Spagna, la Siberia, il Brasile e l’Australia hanno provocato grandissimi danni e disagi per la popolazione umana. Ma come è andata per gli animali selvatici? Come reagiscono le specie libere in natura ai grandi incendi?

Non è chiaro quanti animali siano morti – tali dati non vengono tracciati in modo coerente – ma è chiaro che anche le specie che si sono evolute per prosperare in habitat che bruciano regolarmente stanno affrontando nuove sfide.

Scappa o nasconditi

La fauna ha una relazione di lunga data con il fuoco“, ha detto in un’intervista l’ecologa Mazeika Sullivan della Ohio State University. “Il fuoco fa parte della storia di molte aree“.

Molte specie viventi, in effetti, possono prosperare dopo un incendio. Il calore delle fiamme può stimolare alcuni funghi, come le spugnole, a rilasciare spore. Alcune piante germineranno solo dopo un incendio. E alcuni animali, come il cervo mulo e il picchio dorso nero, richiedono aree bruciate sia per mangiare che per nidificare. Senza il fuoco, questi organismi non possono riprodursi e tutto ciò che dipende da loro ne sarà influenzato.

Gli animali della foresta in genere hanno una certa capacità di sfuggire al caldo. Gli uccelli possono volare via, i mammiferi possono correre e gli anfibi e altre piccole creature si insinuano nel terreno, si nascondono nei tronchi o si riparano sotto le rocce. E altri animali, compresi quelli di grandi dimensioni come l’alce, si rifugeranno in ruscelli e laghi.



Tuttavia, l’intensità degli incendi odierni è qualcosa che perfino molte specie adattate al fuoco non sono in grado di affrontare.

Senza pioggia nelle previsioni, l'incendio continua a diffondersi a est verso il confine con il Saskatchewan.

Le stagioni degli incendi si allungano e gli incendi diventano più caldi, si diffondono più velocemente e durano più a lungo. Dall’inizio degli anni ’70, la stagione degli incendi negli Stati Uniti occidentali è passata da circa cinque a più di sette mesi. Poiché il cambiamento climatico fa aumentare le temperature e peggiora la siccità, i paesaggi stanno diventando sempre più secchi e più suscettibili alle fiamme.

Più di un secolo di tentativi di sopprimere gli incendi significa che quando scoppiano, bruciano più caldi e più velocemente. Originariamente adattate agli incendi naturali di routine, molte foreste ora contengono strisce di alberi e vegetazione incombusti che forniscono combustibile per incendi gravi e di lunga durata. I ricercatori temono che questi incendi sempre più frequenti influenzeranno negativamente anche le specie adattate al fuoco, come il picchio dorso nero, che ha bisogno di habitat sia bruciati che incombusti per prosperare.

“Vincitori e vinti”

Gabriel d’Eustachio, un vigile del fuoco australiano, nel 2014 ha dichiarato di aver assistito a movimenti di massa di piccoli invertebrati in fuga dalle fiamme. “Vieni travolto da questa ondata di esseri striscianti che si muovono davanti al fuoco“, ha detto.

Gli incendi possono avvantaggiare i predatori che predano questi animali in fuga. Orsi, procioni e rapaci, ad esempio, sono stati visti cacciare creature che cercavano di sfuggire alle fiamme. Diverse specie di uccelli possono persino aiutare a diffondere gli incendi in Australia, suggeriscono alcune ricerche, in quanto ciò potrebbe aiutare a scovare piccoli animali perché possano mangiarli.

In quelle situazioni a breve termine“, come quando le creature fuggono dalle fiamme, dice Sullivan, “ci sono sempre vincitori e vinti“.

Un livello moderato di incendio nelle aree in cui si manifesta naturalmente può anche aumentare la “irregolarità” delle foreste e creare una più ampia varietà di microhabitat, dai prati aperti alla foresta in ricrescita. Avere una diversità di biomi supporta più specie di animali e l’ecosistema nel suo insieme .

Gli scienziati non hanno buone stime sul numero di animali che muoiono ogni anno negli incendi. Ma non ci sono casi documentati di incendi, anche quelli veramente gravi, che hanno spazzato via intere popolazioni o specie.

Naturalmente, alcuni animali muoiono nel fumo e nel fuoco, quelli che non possono correre abbastanza velocemente o trovare riparo. Gli animali giovani e di piccola taglia sono particolarmente a rischio. E alcune delle loro strategie di fuga potrebbero non funzionare: l’istinto naturale di un koala di arrampicarsi su un albero, per esempio, potrebbe spingerlo in una trappola mortale.

Anche il calore può uccidere, anche gli organismi sepolti in profondità nel terreno, come i funghi. 

Jane Smith, una micologa del servizio forestale degli Stati Uniti, ha misurato temperature fino a 1.292 gradi Fahrenheit sotto i tronchi che bruciano in un incendio e 212 gradi Fahrenheit a due pollici sotto la superficie.

Cambia agenti

Le aree selvagge come foreste e praterie crescono naturalmente e cambiano nella composizione nel tempo. Una foresta vecchia di un anno avrà un insieme diverso di piante e animali che vivono in essa rispetto a una foresta di 40 anni. Un disturbo come un incendio può fungere da pulsante di ripristino, facendo rinascere una vecchia foresta, spiega Patricia Kennedy, biologa della fauna selvatica presso la Oregon State University. E “molte specie richiedono tale ripristino“.

una mucca che cammina tra l'erba in fiamme durante il Rim Fire in Yosemite.
Un coyote attraversa la US Highway 120, chiusa a causa dell’incendio di Rim vicino a Groveland, in California, il 23 agosto 2013.FOTOGRAFIA DI NOAH BERGER, EPA

Ciò che accade esattamente dopo che si è verificato un incendio dipende dal paesaggio, dalla gravità dell’incendio e dalle specie coinvolte. Ma l’evento scatena sempre una serie di cambiamenti man mano che piante, microbi, funghi e altri organismi ricolonizzano la terra bruciata. Con l’invecchiamento degli alberi e delle piante, la luce e altre caratteristiche cambiano e la composizione delle creature nell’area cambia di conseguenza.

Anche i corsi d’acqua che scorrono attraverso un’area bruciata possono cambiare. Il flusso d’acqua, la torbidità, la chimica e la struttura possono essere alterati. I pesci possono allontanarsi temporaneamente. E ci possono essere morie a breve termine tra gli invertebrati acquatici, che possono colpire gli animali sulla terra.

L’acqua e la terra sono altamente collegate“, afferma Sullivan.

2