Come Fender realizza la sua iconica Stratocaster – video

Alcuni strumenti sono così iconici da definire un intero genere musicale. Cos'è il jazz senza una tromba, l'hip-hop senza una 808 o il rock 'n roll senza una Fender Stratocaster?

0
455
Come Fender realizza la sua iconica Stratocaster - video
Come Fender realizza la sua iconica Stratocaster - video

Per quasi 75 anni, Fender Guitars ha fornito la colonna sonora elettrificata della musica moderna. I suoi capolavori di legno, acciaio e vernice laccata sono stati nelle mani di musicisti di fama mondiale come Buddy Holly, Stevie Ray Vaughan e Bruce Springsteen. Quando Jimi Hendrix ha chiuso Woodstock con la sua performance dell’inno nazionale degli Stati Uniti che ha definito l’era, aveva tra le mani una Fender Stratocaster del 1968 dal corpo bianco.

La storia della Fender inizia nel 1946, quando il suo fondatore, Leo Fender, decise di mettere a frutto il suo know-how elettronico e iniziò a produrre amplificatori e chitarre lap steel nel suo laboratorio della California meridionale. Con l’introduzione delle chitarre elettriche Telecaster e Stratocaster (rispettivamente nel 1951 e nel 1954), il mondo della musica non fu più lo stesso.

come sono fatte le chitarre Fender

Oggi, Fender produce ancora molte delle sue chitarre nel Golden State nella sua fabbrica di Corona, in California, a sud-est di Los Angeles. Sebbene il processo odierno di fabbricazione delle chitarre implichi macchinari avanzati per modellare blocchi di legno in un capolavoro musicale, ogni creazione a sei corde è anche un’opera d’arte fatta a mano. “Dobbiamo a Leo il processo modulare con il legname“, ha spiegato in un’intervista a Popular Mechanics il direttore delle operazioni di Fender, Mark Kendrick. “Continuiamo a modellare a mano, a realizzare a mano come abbiamo sempre fatto“.
Il processo inizia con due pezzi di legno: un corpo da 1¾ pollici e un collo da 1 pollice, che alla fine si adatta perfettamente a una tasca da ⅝ pollici. Semplice, vero? Beh, non proprio. Sia il corpo che il collo passano attraverso processi di produzione separati e complessi.
I liutai modellano e poi appoggiano il manico prima di inserire il truss rod, una spessa barra d’acciaio che funge da spina dorsale della chitarra. Dopo un po’ di sagomatura con una levigatrice a tre nastri, una sega circolare taglia contemporaneamente i tasti e poi il manico finisce nelle mani di esperti liutai per la sagomatura e la finitura finale. “Ogni manico Fender è unico, e questo perché è fatto da artigiani“, dice Kendrick.

come sono fatte le chitarre Fender

Nel frattempo, il corpo passa attraverso il proprio processo di perfezionamento fino a quando il manico e il corpo sono rivestiti di lacca in uno dei tanti colori classici Fender. “Avevamo colori personalizzati che sono diventati iconici“, racconta il vicepresidente esecutivo di Fender, Justin Norvell. “Sono tutti estratti dalle auto degli anni Cinquanta e Sessanta“. Una volta che la lacca si asciuga, i tasti vengono livellati e il corpo e il manico vengono levigati, lucidati fino a quando i due pezzi diventano finalmente un tutt’uno.



Poi arriva l’elettronica, che viene caricata nel battipenna. I pickup, trasduttori che convertono le vibrazioni in elettricità, essenzialmente il cuore di una chitarra elettrica, sono collocati in un “apparato di sospensione” in modo che possano essere regolati sotto le corde. Dopo aver installato il ponte e i pulsanti del cinturino, tutto ciò che resta è un po’ di incordatura e messa a punto. Una volta che la chitarra è completamente vestita per stupire, viene imballata e spedita.

come sono fatte le chitarre Fender

Racchiusi in ogni Stratocaster, Telecaster e Jazzmaster ci sono sia 75 anni di innovazione sonora che l’artigianato pratico dell’esercito di liutai esperti di Fender. Grazie a questo approccio artigianale, non esistono due chitarre Fender esattamente uguali. “Suoniamo tutti. Siamo tutti chitarristi. . . pensiamo alle cose dal punto di vista di un suonatore”, dice Norvell. “Facciamo la nostra arte in modo che le persone possano fare la loro arte“.

2