Cina: primo reattore nucleare modulare al mondo finalmente in funzione

La Cina ha collegato il suo primo piccolo reattore nucleare modulare alla sua rete elettrica diventando così il primo paese al mondo a trarre energia da una macchina del genere

0
3394

La Cina ha collegato il suo primo piccolo reattore nucleare modulare alla sua rete elettrica, diventando così il primo paese al mondo a trarre energia da una macchina del genere, rivela un rapporto di Bloomberg.

Il reattore Unit 1 da 200 megawatt della China Huaneng Group Co. a Shidao Bay è connesso alla rete nella provincia di Shandong. L’azienda sta anche sviluppando un secondo reattore, che dovrebbe entrare in piena attività il prossimo anno dopo i test.

Il piccolo reattore modulare (SMR) da 200 megawatt è circa un quinto delle dimensioni del primo progetto di reattore proprietario della Cina, chiamato Hualong One. Le sue dimensioni ridotte consentono una maggiore scalabilità, nonché operazioni e costi di distribuzione ridotti.

Il nuovo reattore nucleare modulare è il primo reattore modulare raffreddato a gas ad alta temperatura a letto di ciottoli al mondo. Invece di riscaldare l’acqua, riscalda l’elio per produrre energia. La macchina è progettata per spegnersi rapidamente in caso di errore.

La Cina investirà 440 miliardi di dollari nel nucleare nei prossimi 15 anni

Secondo Bloomberg, la Cina è il più grande investitore mondiale nel nucleare, con stime che suggeriscono che pagherà fino a 440 miliardi di dollari per la costruzione di nuove centrali nucleari nei prossimi 15 anni, permettendole di superare gli Stati Uniti come primo produttore mondiale di energia nucleare.



Il paese sta anche investendo pesantemente nella fusione nucleare, che promette di porre fine alla nostra dipendenza dai combustibili fossili imitando la reazione del Sole e delle stelle sulla Terra. Recentemente, il reattore del “Sole artificiale” cinese, chiamato EAST, secondo quanto riferito ha battuto un record funzionando per 101 secondi a una temperatura di 216 milioni di ° F (120 milioni di °C).

Secondo i rapporti dell’anno scorso, anche altri paesi, tra cui la Romania, in Europa, stanno sviluppando SMR al fine di facilitare la transizione dai combustibili fossili. Rolls-Royce sta anche sviluppando SMR per aiutare il Regno Unito a raggiungere i suoi obiettivi climatici. In un’intervista di novembre, il professor Michael Fitzpatrick della Coventry University, ha spiegato che gli SMR possono essere utilizzati insieme a nuove soluzioni di energia rinnovabile per aiutare a stabilizzare la rete in futuro.

“Gli SMR ti consentono di fare un mix in cui l’endpoint è lo stesso. La stessa capacità di soddisfare le richieste di energia, ma a diversi livelli di impegno. È un costo iniziale inferiore, con un tempo di costruzione più breve”, ha affermato. Per ora, la Cina è l’unico paese a raccogliere i vantaggi sostanziali degli SMR.

2