15.7 C
Rome
sabato, Dicembre 10, 2022
HomeSocietàArmi nucleari: le 5 più importanti potenze nucleari si impegnano a non...

Armi nucleari: le 5 più importanti potenze nucleari si impegnano a non utilizzarle mai

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

I membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e le prime cinque forze nucleari al mondo, note come P5 o N5, che sono Stati Uniti, Russia, Cina, Regno Unito e Francia, hanno firmato un impegno congiunto in base al quale si sono impegnate a non utilizzare mai un’arma nucleare in nessuna tipo di conflitto in futuro perché un conflitto nucleare non può essere “vinto”. in un impegno congiunto.

I cinque paesi dotati di armi nucleari, riconosciuti dal Trattato di non proliferazione nucleare (TNP) del 1968, sono anche i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Il TNP era un accordo tra gli stati senza armi nucleari, che si impegnavano a non acquisirle, e i cinque stati dotati di armi nucleari, che promettevano di disarmare il loro arsenale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un arma nucleare è un dispositivo progettato per rilasciare energia in modo esplosivo come risultato di fissione nucleare, fusione nucleare, o una combinazione dei due processi.

L’ONU definisce le armi nucleari come le armi più pericolose sulla Terra, con il potere di distruggere un’intera città, potenzialmente uccidendo milioni di persone e mettendo a repentaglio l’ambiente naturale e la vita delle generazioni future attraverso i suoi effetti catastrofici a lungo termine.

“Riteniamo che l’ulteriore diffusione di tali armi debba essere prevenuta. Una guerra nucleare non può essere vinta e non deve mai essere combattuta” sottolineava il comunicato, così come la dichiarazione congiunta di Ronald Reagan e Mikhail Gorbaciov al vertice di Ginevra, in Svizzera, nel 1985.

La dichiarazione congiunta mostra un nuovo impegno a non trasformare alcun tipo di conflitto in una minaccia nucleare sia per l’umanità che per il pianeta.

La proposta è arrivata dalla Cina, anche se si prevede che il Paese raggiungerà un migliaio di testate nucleari entro la fine del decennio, poiché il rapporto annuale del Pentagono sulle capacità militari della Cina afferma che il nascondiglio di armi nucleari della Cina è destinato a diventare cinque volte più grande , raggiungendo le 1.000 unità nucleari testate entro il 2030.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un alto funzionario del dipartimento di stato degli Stati Uniti ha affermato che la dichiarazione è stata discussa e preparata durante gli incontri del P5 per diversi mesi, nonostante le crescenti tensioni tra Russia, Cina e paesi occidentali. La Russia ha minacciato di invadere l’Ucraina, mentre la Cina segnala di essere pronta a usare la forza militare contro Taiwan.

“A livello di base poter dire che questo è il modo in cui pensiamo a questi rischi, e questo è un riconoscimento che è qualcosa che vogliamo evitare, in particolare in un momento difficile, penso sia degno di nota”, ha detto il senior funzionario statunitense.

Il rilascio della dichiarazione congiunta era stato programmato in concomitanza con la conferenza di revisione quinquennale del TNP, ma tale conferenza è stata rinviata a causa dell’aumento dei casi di COVID-19 e le discussioni per tenere la sessione continuano virtualmente.

Il vice ministro degli Esteri cinese Ma Zhaoxu ha accolto con favore l’impegno e ha affermato che “La dichiarazione congiunta rilasciata dai leader dei cinque stati nucleari contribuirà ad aumentare la fiducia reciproca e a sostituire la concorrenza tra le principali potenze con il coordinamento e la cooperazione”, secondo l’agenzia di stampa cinese Xinhua.

“La Francia ha una dottrina nucleare che riserva il diritto di usare armi nucleari come “avvertimento finale” per mettere in guardia un aggressore o addirittura uno stato sponsor del terrorismo”, ha affermato Oliver Meier, ricercatore senior presso l’Istituto per la ricerca sulla pace e la politica di sicurezza, esprimendo le preoccupazioni della Francia per l’accordo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nella dichiarazione congiunta è stata aggiunta una linea che afferma che “le armi nucleari, finché continueranno a esistere, dovrebbero servire a scopi difensivi, scoraggiare l’aggressione e prevenire la guerra”, per affrontare le preoccupazioni della Francia.

I cinque paesi hanno anche concordato sulla “riduzione dei rischi strategici” e, come responsabilità principale, i paesi hanno promesso di assicurarsi che le tensioni globali non portino mai a conflitti nucleari. “Sottolineiamo il nostro desiderio di lavorare con tutti gli Stati per creare un ambiente di sicurezza più favorevole ai progressi nel disarmo”, afferma la nota.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Dato l’ambiente di sicurezza, sono piuttosto scioccato che il P5 possa essere d’accordo su questo”, ha detto Heather Williams, docente di studi sulla difesa al King’s College di Londra.

Il vicepresidente della Campagna per il disarmo nucleare e il primo presidente della Campagna internazionale per l’abolizione delle armi nucleari, Rebecca Johnson, ha dichiarato: “Con nove arsenali nucleari attualmente in fase di potenziamento e i problemi di COVID che affliggono i sottomarini e le strutture nucleari, questa dichiarazione di cinque dei leader con armi nucleari sono i benvenuti, ma non vanno abbastanza lontano. Finché le armi nucleari continueranno a essere pubblicizzate e maneggiate da alcuni, saremo tutti a rischio di una guerra nucleare”.

Ci sono altri quattro paesi con armi nucleari che non sono stati riconosciuti dal TNP sono Israele, India, Pakistan e Corea del Nord, e non hanno mostrato segni di riduzione del loro arsenale nucleare.

Articoli più letti