8.9 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
HomeEsplorazione SpazialeCome appare un'eclissi solare su Marte

Come appare un’eclissi solare su Marte

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Le eclissi solari sulla Terra sono eventi rari e affascinanti. Si sa, l’eclissi di Sole avviene quando il disco della Luna, durante la sua orbita intorno alla Terra, si interpone tra noi ed il Sole.  Inoltre, abbiamo la fortuna che la nostra Luna è abbastanza grande e alla distanza giusta da poter nascondere il disco solare, generando per alcuni minuti una vera e propria notte artificiale.

Marte ha due lune, Phobos e Deimos, cui capita, durante il loro percorso orbitale, di trovarsi tra il Pianeta Rosso e il Sole. A differenza della nostra Luna i due satelliti di Marte sono poco più che asteroidi e la loro distanza dalla superficie del pianeta non consente la completa obliterazione del disco solare. Per questa ragione le eclissi di Sole marziane comportano solo un lieve calo della luminosità diffusa e non possono offrire il suggestivo spettacolo di cui possiamo godere ogni tanto noi terrestri.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nei giorni scorsi, gli scienziati della NASA hanno pubblicato le immagini di come appare un’eclissi solare su Marte, confermando che è molto diversa da ciò cui siamo abituati. Sulla Terra, le eclissi solari possono essere parziali, anulari o totali. La ragione per cui questo può accadere sulla Terra è che la Luna e il Sole hanno quasi la stessa dimensione apparente nel nostro cielo, nonostante siano molto diversi sia nelle dimensioni effettive sia nella distanza dal pianeta. Ciò significa che quando le cose si allineano correttamente, la Luna può bloccare brevemente il Sole.

Su Marte, questo non può accadere. È vero che le dimensioni apparenti del Sole sono più piccole su Marte ma le lune di Marte Phobos e Deimos sono proporzionalmente molto più piccole della nostra Luna. Phobos è la luna più grande, ma il suo raggio è di soli 11,2 km. Il raggio della Luna, in confronto, è di circa 1800 chilometri. Sia Deimos che Phobos hanno orbite equatoriali attorno a Marte, il che significa che transitano attraverso il sole quasi ogni giorno. Deimos è persino più piccolo di Phobos, con un raggio medio di 6,2 km. Né la luna ha alcuna gravità di cui parlare.

Questo è Phobos, che orbita intorno a Marte più velocemente di quanto Marte stesso ruoti. Ci si aspetta che questa luna sopravviva per 30-50 milioni di anni. Alla fine, la resistenza atmosferica la decelererà abbastanza da farla precipitare sulla superficie del pianeta. Deimos, al contrario, alla fine sfuggirà completamente all’attrazione gravitazionale di Marte e si perderà nello spazio.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

 

 

 

 

Il transito Deimos. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Come Phobos, Deimos può essere un cumulo di macerie o contenere un’alta quantità di ghiaccio. Phobos si muove molto più velocemente di Deimos ed è molto più vicino a Marte.

Marte è l’unico altro pianeta roccioso nel nostro sistema solare ad avere lune, ma le differenze tra Phobos, Deimos e Luna sono piuttosto grandi. Le due lune di Marte potrebbero essere asteroidi catturati dalla gravità di Marte oppure oggetti che si sono condensati attorno al pianeta quando si è formato o, ancora, potrebbero essersi formate in orbita dopo che Marte fu colpito un planetesimo. La ricerca sulla formazione delle lune di Marte è ancora in corso.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nel complesso, le due lune assomigliano da vicino agli asteroidi di tipo C o D. La NASA continua a osservare regolarmente le due lune per comprendere meglio le dinamiche orbitali marziane, incluso l’impatto che può avere Giove e le interazioni gravitazionali tra le due lune.

Articoli più letti