2.5 C
Rome
martedì, Novembre 29, 2022
HomeVisioni del futuroChe aspetto potrebbero avere gli alieni?

Che aspetto potrebbero avere gli alieni?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Che aspetto potrebbero avere gli alieni, se esistessero? Bene, i film e i programmi TV farebbero credere che potrebbero assomigliare un po’ a noi, anche se con teste grandi (calve), pelle verde e occhi enormi. Ma si tratta di un clichè cinematografico. Quindi, abbiamo indagato tra i maggiori esperti di alieni – autori di fantascienza, esperti di scienze, appassionati di ET – su come pensano che sarebbero davvero gli alieni.

Potrebbero essere dotati di un “meccanismo di protezione per il cervello”

vita su una luna aliena, illustrazione
BIBLIOTECA FOTOGRAFICA MARK GARLICK/SCIENCE GETTY IMAGES

Considerando l’incredibile diversità di biotipi qui sulla Terra, che si sono evoluti tutti nello stesso ambiente planetario, una specie aliena evolutasi su un altro pianeta da una base biochimica completamente diversa, probabilmente non avrebbe due braccia, due gambe, due occhi, orecchie, narici… due sessi, a sangue caldo e così via. Però avrà certamente una sorta di meccanismo protettivo per il cervello: un esoscheletro, un teschio, qualcosa del genere.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Qualsiasi specie intelligente, inoltre, avrà bisogno di qualche sistema adatto per la manipolazione simile alle dita per costruire strumenti (non necessariamente un pollice opponibile, forse tentacoli prensili). Ci dovrebbe essere un sistema riproduttivo, ma qui la varietà si spreca, si potrebbero riprodurre per germogliamento, semina, fissione, deposizione delle uova… non necessariamente cuccioli nati vivi, a sangue caldo. Certamente necessiteranno di sistemi sensoriali, gli analoghi di occhi, orecchie, naso. Ma i loro “occhi” saranno adattati allo spettro di picco del loro sole, non necessariamente il nostro.

Vivono in un mare? Nelle nuvole di un gigante gassoso? Sulla terra? In un deserto? In una giungla? Avranno bisogno di un modo per mangiare o consumare energia, e avranno bisogno di espellere i rifiuti. E come comunicheranno? A voce? Feromoni? Macchie fosforescenti lampeggianti?

collage di alieni
STEVEN PUETZER GETTY IMAGES
“Quando si tratta di film e TV, è problematico creare una razza di alieni che non assomigli agli umani. Gli attori devono interpretare questi ruoli. L’aspetto degli alieni nel mondo reale dipenderà da dove si sono evoluti. Un alieno evoluto su un pianeta diverso dalla Terra avrà esigenze molto diverse da un terrestre.

Una cosa che è quasi certa: una forma di vita aliena sarà simmetrica. Tutto ciò che cresce, per quanto ne sappiamo, segue uno schema simmetrico. Se tagliamo un albero a metà nel senso della lunghezza, i rami e le radici di un lato sono abbastanza simili a quelli dell’altro. Lo stesso vale per gli esseri umani e per tutto ciò che cresce, anche per la crescita inorganica come i cristalli e le galassie.

Le dimensioni e la forma dell’alieno dipenderanno dalla gravità, dalla densità ambientale e dalla fonte di energia. Alieni simili a piante sono improbabili perché la fotosintesi non incoraggia strategie di sopravvivenza complesse. La necessità di inseguire il cibo favorisce la vita mobile. Se tale vita si è evoluta in un’atmosfera densa, è probabile che sia una creatura orizzontale. Un’atmosfera più sottile favorirebbe animali più verticali. Due gambe e due braccia sono più efficienti di quattro gambe, quindi incorporando la regola della simmetria, non è improbabile che gli alieni potrebbero essere umanoidi, cioè bipedi ed eretti.

Se consideriamo che il 95 percento dell’universo non è percepibile dai nostri sensi o dalla tecnologia (materia oscura ed energia oscura), allora è molto probabile che molti alieni siano invisibili. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Chi ha bisogno di occhi e orecchie?”

ripresa macro di una mantide religiosa europea verde seduta su foglie verdi
MYKOLA CHUMAK GETTY IMAGES
Ma gli alieni potrebbero avere una figura magra, quasi scheletrica con lunghi artigli e coda da scorpione, e la bocca piena di denti a rasoio. Potrebbero essere omini verdi o grigi con crani enormi, occhi grandi e bocche minuscole. Oppure uomini-gatto, o uomini-lucertola o uomini-cane o persone con la pelle blu e strani segni simili a tatuaggi o strane arcate sopraccigliari o orecchie a punta. Perché un alieno dovrebbe assomigliare a noi?

In effetti, la simmetria bilaterale è in realtà un design piuttosto scadente, a pensarci bene. Sì, sembra carino e uniforme, ma qual è il punto? Perché avere due lati esattamente uguali quando potresti avere qualcosa di completamente diverso dall’altro lato? I Daleks, alieni presenti nella serie di fantascienza Doctor Who, ne sono un esempio: hanno una ventosa da un lato e un laser dall’altro. E la locomozione bipede? Ridicola: una buona spinta e cadiamo. Perché la razza di un altro mondo dovrebbe evolversi con lo stesso identico difetto di progettazione? Perché una specie aliena dovrebbe avere occhi, naso, lingua e tutti gli altri pezzi complicati che abbiamo?

Gli esseri viventi si evolvono in risposta al loro ambiente. Abbiamo sviluppato pollici opponibili in modo da poter afferrare meglio gli oggetti. Le scimmie hanno sviluppato code prensili per lo stesso motivo. Abbiamo gli occhi per percepire l’estremità visibile dello spettro elettromagnetico.

Ma se ci fossimo trovati in un mondo completamente diverso, con temperature, topografia, flora e fauna diverse, ci saremmo evoluti in modo diverso. E se quell’altro mondo avesse una composizione chimica completamente diversa, saremmo diversi anche noi. Tutta la vita sulla Terra è a base di carbonio, ma potrebbe non essere così altrove.Le forme di vita potrebbero essere a base di silicio. Potrebbero avere un numero qualsiasi di braccia e gambe o nessuna.

Forse la vita su altri pianeti si è evoluta senza forma fisica o senza una forma fissa, forse ci sono alieni che non sono altro che nuvole senzienti, o che hanno corpi proteiformi che possono alterarsi per adattarsi alle esigenze del momento. Forse possono navigare nello spazio senza aiut e usano la radiazione stellare come fonte di cibo e matrice sensoriale, rilevando i cambiamenti nella radiazione nello stesso modo in cui i pipistrelli rilevano le onde sonore. Chi ha bisogno di occhi e orecchie quando tutto il tuo essere risuona? Chi ha bisogno di un cervello distinto quando la tua coscienza è diffusa ovunque proprio come le nostre terminazioni nervose? Perché avere la pelle se la tua forma è tenuta insieme da interazioni elettrostatiche e controllo mentale e può condensarsi o espandersi a piacimento?

Ci sono un sacco di creature qui sulla Terra che sono così sorprendentemente diverse da noi che riusciamo a malapena a comprenderle. Provate a guardare un polpo che si infila attraverso una minuscola fessura in una vasca di vetro, o esaminate un hornworm del tabacco, o guardate una mantide religiosa da vicino. Poi pensa a quanto è piccolo il nostro pianeta rispetto all’universo nel suo insieme: è come trovare l’M&M dalla forma più strana nella borsa e poi rendersi conto di essere in un intero negozio di caramelle pieno letteralmente di migliaia di altri tipi di caramelle, della maggior parte delle quali non hai mai nemmeno sentito parlare prima. Un vero alieno potrebbe essere così lontano da qualsiasi cosa possiamo immaginare che saremmo a malapena in grado di comprenderne l’esistenza. E sembreremmo altrettanto completamente sconcertanti a lui.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Un polpo è un buon esempio”

polpo comune, polpo comune
HENRIK SORENSEN GETTY IMAGES
“Un polpo è un buon esempio di analogo alieno evolutosi sulla Terra. I polpi sono abbastanza intelligenti (probabilmente a livello umano) e vivono in un ambiente totalmente alieno (rispetto al nostro). L’evoluzione ha dovuto trovare nuove soluzioni alle pressioni che hanno plasmato i mammiferi sulla terraferma.
I delfini e gli scimpanzé ci sono estremamente vicini: siamo tutti mammiferi. L’ultimo antenato comune per umani e delfini risale a circa 100 milioni di anni fa, e per umani e scimpanzé risale a circa 10 milioni di anni fa. La maggior parte delle scelte evolutive che hanno portato a sviluppare l’intelligenza risalgono probabilmente a prima che si verificassero le scissioni.
L’ultimo antenato comune tra mammiferi e polpi è molto, molto più indietro nel tempo, probabilmente 800 milioni di anni fa.

Gli alieni con tecnologia avanzata dovrebbero essersi evoluti sulla superficie del loro pianeta (la tecnologia ha bisogno del fuoco, cosa ci aspetteremmo per sviluppare una tecnologia paragonabile alla nostra? Le mani con le dita (per manipolazioni delicate e precise) sono importanti. Anche almeno due gambe sono necessarie per la locomozione. Nulla vieta che un alieno abbia quattro gambe ma due mani, o organi analoghi, sono necessari per costruire le cose.

Hai bisogno della visione binoculare per giudicare la distanza (dalla preda). Testa alta per vedere i predatori. Occhi vicino al cervello per ridurre il ritardo (o il degrado) del segnale visivo. Sensori del suono e dell’olfatto (orecchie e naso). Le tue possibilità di sopravvivenza migliora se puoi usare tutti i modi possibili per rilevare cibo, compagni e predatori. Vivere in un’atmosfera significa che suoni e odori arriveranno prima del predatore puzzolente e rumoroso.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Mutaforma fondamentali”

nnedi okorafor
ENCICLOPEDIA BRITANNICA/GETTY IMAGES
Tre cose sono generalmente intrinseche agli esseri umani: 1. Pensiamo di sapere tutto. 2. Pensiamo che tutto riguardi noi. 3. Abbiamo bisogno che le cose siano su di noi per reagire. Quindi, nella maggior parte delle nostre storie sugli alieni, gli alieni vengono per causa nostra (che sia per ucciderci, renderci schiavi o studiarci) o per prendere cose a noi care. Di solito siamo anche i primi a entrare in contatto con gli alieni e quasi sempre ci assomigliano.

Eppure, gli alieni potrebbero non essere umanoidi, a base di carbonio o addirittura vivi secondo la nostra definizione di vivi. Gli esseri umani non sono fatti per sopravvivere nello spazio. Eventuali alieni che arrivassero sulla Terra saranno in grado di sopravvivere nello spazio e avranno i mezzi per adattarsi alla nostra atmosfera. È altamente possibile che non saranno come noi.

Nel romanzo Lagoon, gli alieni che compaiono a Lagos, in Nigeria, sono fondamentali mutaforma con coscienza e controllo fino al livello molecolare, e le loro molecole non assomigliano o operano come nulla di basato sulla Terra. Usano la materia (qualunque sia la materia e da dove provenga) e si adattano ovunque si trovino, e i loro desideri, bisogni e metodi per svolgere i loro affari sono del tutto estranei agli esseri umani.

Gli alieni potrebbero anche essere microscopici, visibili solo a lunghezze d’onda oltre il rilevamento umano, essere costruiti in un modo così al di fuori della comprensione umana. Difficilmentee gli alieni saranno ciò che ci aspettiamo.

‘Collo? Non è affatto necessario’

alieno residente stagione 1
SYFY GETTY IMAGES
Da qualche parte nell’universo ci devono essere, ci sono state o ci saranno altre civiltà avanzate. Le possibilità che chiunque sia vivo oggi li veda o addirittura comunichi con loro sono molto scarse. Tuttavia, tali problemi non dovrebbero impedirci di immaginare come potrebbero essere.

Come noi, un vero alieno potrebbe essere bilateralmente simmetrico, endotermico con eccellenti capacità manipolative e con un contenitore rigido per un cervello.

Occhi? Certo. Devi avere un apparato sensoriale per costruire una civiltà. Il calamaro ha occhi migliori dei nostri, e l’occhio sembra essersi evoluto separatamente almeno un paio di volte. Il nostro alieno avrà occhi che potrebbero somigliare ai nostri solo superficialmente. Una lente e l’iride sono quasi un requisito assoluto. Quanti occhi? Uno semplicemente non va bene. L’incapacità di percepire la distanza lo farà portare a una rapida estinzione. A meno che tu non riesca a trovare una buona ragione per ciò, un numero di occhi maggiore di due creano un bagaglio evolutivo e non persisteranno, anche se i ragni resistono e sono ben adattati. Gli occhi sono importanti, saranno incassati e in grado di essere protetti, se necessario.

“Naso? Un alieno deve avere i mezzi per respirare. Deve essere simmetrico. Il naso non deve essere nel mezzo di una faccia, anche se è comodo per alcuni scopi come condividere il tubo dell’aria con una bocca per i momenti di fatica.

“Bocca? Deve avere mezzi per ingerire il cibo. Tutti i grandi animali hanno dei mezzi per catturare e ingoiare il cibo. Alcuni lo masticano, altri no. I denti sono piuttosto comuni sulla Terra ma sono possibili altri sistemi di alimentazione. Il problema è che le piante e gli animali sono stati in una guerra evolutiva per millenni. Ereditiamo il risultato di quella guerra. I denti erano necessari per mangiare le piante che diventavano più fibrose, una reazione evolutiva all’essere mangiati.

“Le gambe? Certamente. Altri mezzi di locomozione saranno relativamente lenti e saranno relegati agli animali corazzati ed a quelli che vivono nelle tane. Nessuno di questi stili di vita porterà naturalmente a una maggiore intelligenza. Quante gambe? Nel nostro caso abbiamo adattato le zampe anteriori per la manipolazione. Nessun animale terrestre con endoscheletri ha più gambe. L’implicazione è che gli alieni con due gambe sono più probabili di quelli con quattro.

“Pelliccia? Capelli? Piume? Squame? Qualcos’altro di veramente alieno? La copertura della pelle potrebbe essere qualsiasi cosa che abbia senso. Le piume vere non sono così probabili. Poiché le piume sono usate per il volo, il cervello sarà piccolo. Le squame sono improbabili perché sono particolarmente ben adattate per l’ectotermia, anche se potrebbe essere possibile un tipo di pelle squamosa.

Testa? Se definisci la testa come un recinto osseo per il cervello e la posizione di occhi, naso e bocca, allora è probabile. Il naso potrebbe trovarsi sopra o sotto la bocca. Sopra funziona meglio per nuotare, ma non è un rigido requisito evolutivo.

Il collo? Non è affatto necessario. Utile per girare la testa, ma puoi immaginare altri modi per guardarti intorno. È anche pericoloso perché permette ai predatori di afferrarti e strangolarti con le loro potenti bocche.

Armi? Devi avere qualcosa con cui manipolare le cose. I tentacoli sono improbabili a causa della loro incapacità di eseguire manipolazioni fini. Di solito hanno ventose su di loro e uno scopo molto diverso dalla creazione di strumenti. Il numero di articolazioni potrebbe essere maggiore e la direzione di curva potrebbe essere diverso.

Dita? Devi avere un modo per afferrare saldamente e un modo per raccogliere piccoli oggetti. Due dita sono probabilmente troppo poche. Cinque è eccessivo. Tre o quattro è più o meno giusto. Le tre giunture nelle nostre dita sono più o meno giuste. Una non va bene. Due, come con i nostri pollici, sono improbabili.

“Potrebbe essere abbastanza travolgente”

Gli alieni con le orecchie a punta e la fronte irregolare sono un modo per Hollywood di risparmiare denaro applicando protesi agli esseri umani e di andare avanti con la trama. Sembra strano pensare che il vero alieno possa assomigliare a noi. Eppure ci sono esempi di evoluzione parallela in natura: l’occhio del polpo è identico a quello di un essere umano. Alcuni ipotizzano che un alieno evoluto per avere una civiltà simile alla nostra avrebbe una forma simile.

Abbiamo esempi di alieni proprio qui sulla Terra a cui guardare, che potrebbero darci un’idea di come sarebbe un’intelligenza aliena. Polpi e calamari mostrano risposte e apprendimento sorprendentemente intelligenti e la forma dei loro corpi è progettata per un ambiente alieno al nostro. Tentacoli e grandi cervelli sembrano essere una forma fantastica per ambienti a bassa gravità o acquatici. Creature che possono comunicare facendo lampeggiare i colori sulla loro pelle. La fantascienza ha una lunga storia di esplorazione di orrori tentacolari difficili da capire.

Un articolo sugli ingranaggi trovati nelle gambe delle tramogge delle piante ha attirato molta attenzione online. L’idea della biologia e dell’evoluzione che già utilizzano gli ingranaggi porta a chiedersi cos’altro potrebbe esistere. Menti che hanno evoluto i circuiti del silicio attraverso la selezione naturale? Steampunk, radiazioni – forme di vita alimentate a cui non potremmo nemmeno avvicinarci? Gli esperimenti mentali possono diventare piuttosto sbalorditivi. La natura sorprende sempre.

Parlare e reagire al comportamento alieno sarà la cosa più difficile. Facciamo già fatica a essere abbastanza pazienti da comprendere altre culture e differenze all’interno delle nostre culture umane. Delfini, polpi, elefanti: tutti questi sembrano essere pensatori di ordine superiore, ma non sappiamo comunicare bene con loro né condividiamo particolarmente bene il pianeta. Come sarà un incontro alieno? Come sembreranno le loro azioni?

In breve, suppongo che potrebbero facilmente esserci fraintendimenti, dato che tutti veniamo con un carico di bagagli esistente su un tale incontro. E le loro azioni dipenderanno molto dall’ambiente da cui provengono e dalla natura dei loro gruppi. Sono solitari? O preferiscono mandrie o piccoli gruppi? Quale sarebbe la mente di un predatore intelligente che normalmente vive da solo?

Se troveremo un’altra  forma di vita, dovremo derivarne che gran parte della vita che possiamo immaginare è possibile. Potremmo incontrare tutto quanto sopra. Creature come noi, eppure così diverse da noi che riusciremo a malapena a capirle. Potrebbe essere una pletora di menti e tipi di corpo, proprio come il mondo ora è pieno di un’ampia varietà di intelligenze e forme. Potrebbe essere abbastanza complicato…

Articoli più letti