14 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeBiologiaPerché il cervello umano è diminuito di dimensioni circa 3000 anni fa?

Perché il cervello umano è diminuito di dimensioni circa 3000 anni fa?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il cervello è l’organo più complesso del corpo umano. Ora, un nuovo studio ci ha avvicinato alla comprensione di parte della sua evoluzione. Mostra che il cervello umano è diminuito di dimensioni circa 3000 anni fa.

Studiando le formiche come modelli per illustrare perché il cervello può aumentare o diminuire di dimensioni, i ricercatori ipotizzano che il restringimento del cervello sia parallelo all’espansione dell’intelligenza collettiva nelle società umane.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Studiare e comprendere le cause e le conseguenze dell’evoluzione del cervello ci aiuta a comprendere la natura dell’umanità. È ben documentato che il cervello umano è aumentato di dimensioni nel corso della nostra storia evolutiva. Meno apprezzato è il fatto che i cervelli umani siano diminuiti di dimensioni dal Pleistocene. Quando esattamente questi cambiamenti sono avvenuti, o perché, non era ben noto.

Un fatto sorprendente sugli umani di oggi è che i nostri cervelli sono più piccoli rispetto ai cervelli dei nostri antenati del Pleistocene. Il motivo per cui il nostro cervello si è ridotto di dimensioni è un grande mistero per gli antropologi“, ha spiegato il co-autore Dr. Jeremy DeSilva, del Dartmouth College.

Per districare questo mistero, un team di ricercatori provenienti da diversi campi accademici ha deciso di studiare i modelli storici dell’evoluzione del cervello umano, confrontando le loro scoperte con ciò che è noto nelle società delle formiche per offrire ampie intuizioni.

Un antropologo biologico e un ecologista comportamentale e neurobiologo evoluzionista hanno iniziato a condividere i loro pensieri sull’evoluzione del cervello e hanno scoperto che una ricerca ponte su esseri umani e formiche potrebbe aiutare a identificare ciò che è possibile in natura“, ha affermato il co-autore Dr. James Traniello, della Boston University.

Il loro articolo, pubblicato su  Frontiers in Ecology and Evolution, getta nuova luce sull’evoluzione del nostro cervello.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Una recente diminuzione delle dimensioni del cervello umano

I ricercatori hanno applicato un’analisi del punto di cambiamento a un set di dati di 985 crani fossili e umani moderni. Hanno scoperto che il cervello umano è aumentato di dimensioni 2,1 milioni di anni fa e 1,5 milioni di anni fa, durante il Pleistocene, ma è diminuito di dimensioni circa 3000 anni fa (Olocene).

La maggior parte delle persone è consapevole che gli esseri umani hanno cervelli insolitamente grandi, significativamente più grandi di quanto previsto dalle dimensioni del nostro corpo. Nella nostra profonda storia evolutiva, le dimensioni del cervello umano sono aumentate drasticamente“, ha detto Traniello. “La constatazione che le dimensioni del cervello umano 3000 anni fa si sono ridotte è stata inaspettata“.

Il momento dell’aumento delle dimensioni coincide con ciò che è noto in precedenza sulla prima evoluzione dell’Homo e sui progressi tecnici che hanno portato, ad esempio, a una migliore dieta e nutrizione e a gruppi sociali più ampi.

Per quanto riguarda la diminuzione delle dimensioni del cervello, il team interdisciplinare di ricercatori propone una nuova ipotesi, trovando indizi all’interno delle società delle formiche.

Cosa potrebbero insegnarci le formiche sull’evoluzione del cervello umano?

Proponiamo che le formiche possano fornire diversi modelli per capire perché il cervello può aumentare o diminuire di dimensioni a causa della vita sociale. Capire perché i cervelli aumentano o diminuiscono è difficile da studiare usando solo fossili“, ha spiegato Traniello.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Lo studio di modelli computazionali delle dimensioni, della struttura e dell’energia del cervello delle formiche operaie in alcuni cladi di formiche, come la  formica  tessitrice Oecophylla , le formiche tagliafoglie Atta o la formica comune da giardino, ha mostrato che la cognizione a livello di gruppo e la divisione del lavoro possono provocare una selezione per variazione adattativa delle dimensioni del cervello. Ciò significa che all’interno di un gruppo sociale in cui la conoscenza è condivisa o gli individui sono specialisti in determinati compiti, il cervello può adattarsi diminuendo di dimensioni per diventare più efficiente.

Le società di formiche e umane sono molto diverse e hanno preso strade diverse nell’evoluzione sociale“, ha detto Traniello. “Tuttavia, le formiche condividono con gli esseri umani anche importanti aspetti della vita sociale come il processo decisionale di gruppo e la divisione del lavoro, così come la produzione del proprio cibo (agricoltura). Queste somiglianze possono ampiamente informarci sui fattori che possono influenzare i cambiamenti nelle dimensioni del cervello umano”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I cervelli consumano molta energia e i cervelli più piccoli usano meno energia. L’esternalizzazione della conoscenza nelle società umane, che necessitano quindi di meno energia per immagazzinare molte informazioni come individui, potrebbe aver favorito una diminuzione delle dimensioni del cervello.

Proponiamo che questa diminuzione sia dovuta a una maggiore dipendenza dall’intelligenza collettiva, l’idea è che un gruppo di persone sia più intelligente della persona più intelligente del gruppo“, ha aggiunto Traniello.

DeSilva ha concluso: “Non vediamo l’ora di testare la nostra ipotesi non appena saranno disponibili ulteriori dati“.

Articoli più letti