California, accordo da 54 milioni per chiudere la causa per discriminazione di genere

0
19
Indice

(Adnkronos) – Il colosso californiano Activision Blizzard ha raggiunto un accordo legale significativo, ponendo fine a una causa per molestie sessuali. La compagnia, ora sotto la gestione di Microsoft, verserà circa 54 milioni di dollari come parte dell'accordo, secondo quanto riferito dal Dipartimento dei diritti civili della California (CRD). Il CRD aveva intentato questa causa nel luglio 2021, sostenendo che Activision Blizzard fosse caratterizzata da una cultura maschilista, dove le donne erano soggette a molestie sessuali e discriminazioni basate sul genere. In seguito alla denuncia, ci sono state dimostrazioni di protesta da parte dei dipendenti, e alcuni dirigenti di alto livello, tra cui l'allora presidente di Blizzard J. Allen Brack e l'ex vicepresidente senior delle Risorse Umane, hanno lasciato l'azienda. Mesi dopo, il Wall Street Journal ha rivelato che l'amministratore delegato Bobby Kotick era a conoscenza delle accuse di cattiva condotta sessuale da anni. Tuttavia, come parte dell'accordo, il CRD ha affermato che "nessun tribunale o indagine indipendente ha confermato alcuna accusa" di molestie sessuali in Activision Blizzard e che non c'erano prove di illeciti da parte di Kotick. Se un tribunale approverà l'accordo, Activision Blizzard pagherà circa 54.875.000 di dollari per "coprire il risarcimento diretto ai lavoratori e i costi del contenzioso". Di questi, 45.750.000 dollari saranno destinati a "un fondo di risarcimento per i lavoratori", afferma il CRD. Mesi dopo la causa della California, Microsoft ha annunciato l'intenzione di acquisire Activision Blizzard in un affare da 68,7 miliardi di dollari. Dopo una serie di ostacoli normativi, l'accordo è stato finalmente concluso nell'ottobre dello stesso anno. Kotick rimarrà in Activision Blizzard fino alla fine dell'anno. Nel 2022, un giudice ha approvato il risarcimento di 18 milioni di dollari da parte di Activision Blizzard alla Commissione per le Pari Opportunità di Impiego degli Stati Uniti, in seguito a una causa separata per molestie sessuali e discriminazioni all'interno dell'azienda. —tecnologiawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

2