L’asteroide Ryugu fa luce sulle origini del sistema solare

Uno studio condotto da un team di ricercatori dell'Università della California, Los Angeles (UCLA), utilizzando campioni di minerali raccolti dall'asteroide Ryugu, ha aiutato gli scienziati a comprendere la composizione del nostro sistema solare

266
L'asteroide Ryugu fa luce sulle origini del sistema solare
L'asteroide Ryugu fa luce sulle origini del sistema solare

Uno studio condotto da un team di ricercatori dell’Università della California, Los Angeles (UCLA), utilizzando campioni di minerali raccolti dall’asteroide Ryugu, ha aiutato gli scienziati a comprendere la composizione del nostro sistema solare.

I campioni analizzati sono stati raccolti dalla navicella spaziale giapponese Hayabusa2 e i risultati hanno fornito informazioni sulla galassia come esisteva nella sua infanzia, più di 4,5 miliardi di anni fa.

Il lavoro è stato finanziato dalla Japan Aerospace Exploration Agency, dalla NASA e dal programma Instrumentation and Facilities della National Science Foundation.

I risultati mostrano che l’asteroide si è formato presto

I ricercatori hanno utilizzato l’analisi isotopica per scoprire come i minerali carbonatici dell’asteroide sono stati cristallizzati attraverso reazioni con l’acqua. Secondo il team, si ritiene che questo si sia originariamente accumulato sull’asteroide come ghiaccio nel sistema solare ancora in formazione, per poi riscaldarsi fino a diventare liquido. È probabile che questi carbonati si siano sviluppati molto presto, “entro i primi 1,8 milioni di anni di esistenza del sistema solare – e conservano una registrazione della temperatura e della composizione del fluido acquoso dell’asteroide così come esisteva in quel momento”, hanno affermato i ricercatori.

“I campioni di Ryugu ci dicono che l’asteroide e oggetti simili si sono formati rapidamente nel sistema solare esterno, oltre i fronti di condensazione dei ghiacci di acqua e anidride carbonica, probabilmente come piccoli corpi”, ha affermato Kevin McKeegan, coautore dello studio e ricercatore professore di scienze della Terra, planetarie e spaziali all’UCLA.

Ryugu potrebbe essere un piccolo asteroide

L’età dei carbonati trovati, che si stima si siano formati diversi milioni di anni prima di quanto si pensasse, indica che Ryugu probabilmente si è rotto da un piccolo asteroide o oggetto, “probabilmente meno di 12,5 miglia (20 chilometri) di diametro”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Secondo il team, il risultato è sorprendente in quanto “la maggior parte dei modelli di accrescimento di asteroidi prevede l’assemblaggio per periodi più lunghi, con conseguente formazione di corpi di almeno 30 miglia (più di 50 chilometri) di diametro”. Questo potrebbe a sua volta aiutarli a sopravvivere a varie collisioni nel corso della lunga storia del sistema solare.

Poiché Ryugu ha solo un chilometro di diametro a causa di collisioni e riassemblaggi nel corso della sua storia, i ricercatori hanno affermato che è molto improbabile che in passato sia stato un grande asteroide.

Il team ha affermato che qualsiasi asteroide più grande formato molto presto nel sistema solare avrebbe subito un’intensa differenziazione chimica a causa delle alte temperature. “Ryugu non mostra alcuna prova di ciò, e le sue composizioni chimiche e mineralogiche sono equivalenti a quelle trovate nei meteoriti chimicamente più primitivi, i cosiddetti condriti CI, che si pensa si siano formati anche nel sistema solare esterno”.

Il team spera che la ricerca in corso sui materiali di Ryugu aiuterà a rispondere alle domande di astrobiologia comprendendo gli asteroidi volatili e ricchi di carbonio. Tali sforzi “continueranno ad aprire una finestra sulla formazione dei pianeti del sistema solare, inclusa la Terra”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Estratto dallo studio

I campioni dell’asteroide Ryugu restituiti dalla missione Hayabusa2 contengono prove di un’ampia alterazione da parte dei fluidi acquosi e sembrano correlati alle condriti CI. Per comprendere le fonti del fluido e la tempistica delle reazioni chimiche che si verificano durante i processi di alterazione, gli scienziati hanno studiato la sistematica di ossigeno, carbonio e 53Mn-53Cr di carbonato e magnetite in due particelle di Ryugu.

Hanno scoperto che il fluido era inizialmente compreso tra 0 e 20 °C e arricchito in 13C, 17O e 18O, e successivamente si è evoluto verso composizioni isotopiche di carbonio e ossigeno più leggere man mano che l’alterazione procedeva. Le età carbonatiche mostrano che questa interazione fluido-roccia ha avuto luogo all’incirca entro i primi 1,8 milioni di anni di storia del sistema Solare.

Fonte: Nature Astronomy

---L'articolo continua dopo la pubblicità---