Apple “rifiutò” un incontro con Elon Musk per acquisire Tesla

Il retroscena svelato da Musk in relazione al recente annuncio di Apple della sua intenzione di costruire e vendere veicoli completamente elettrici e autonomi

516
“Durante i giorni più bui del programma Model 3, ho contattato Tim Cook per discutere la possibilità che Apple acquisisse Tesla (per 1/10 del nostro valore attuale). Si rifiutato di partecipare all’incontro”, ha twittato Musk.
Sembra che Elon Musk stia reagendo al recente annuncio di Apple riguardo l’intenzione di costruire e vendere veicoli completamente elettrici e autonomi. Musk ha aggiunto che Tesla, all’epoca, valesse circa un decimo della sua attuale capitalizzazione di mercato, evidenziando l’aumento vertiginoso del prezzo delle azioni che la società ha avuto nel 2020.

Il fatto risale a un’epoca in cui Musk disse che Tesla era a “una cifra” di settimane di distanza dal collasso totale, nel 2017, quando il CEO diresse tutti gli sforzi dell’azienda verso il potenziamento della produzione di berline Model 3. Tesla è sopravvissuta al calvario, sviluppando e costruendo il SUV Model Y e persino debuttando con nuovi veicoli senza precedenti, come il prossimo Cybertruck.

Uno dei motivi addotti per il doppio sostegno di Apple è il suo potenziale progresso nel fare scoperte con le batterie elettriche. Musk ha anche evidenziato come Tesla stia già utilizzando batterie al fosfato di ferro in alcune delle sue auto in costruzione in Cina.

“Strano, se vero”, ha twittato Musk.

Quando Musk pensava di vendere Tesla ad Apple nel 2017, era “la prossima cosa logica” in cui Cook e Apple avrebbero potuto spingere per una quota di mercato. “È positivo che Apple si stia muovendo e stia investendo in questa direzione. Ma le automobili sono molto complesse rispetto ai telefoni o agli smartwatch”, ha aggiunto, durante un’intervista al quotidiano tedesco Handelsblatt , riporta Time Magazine .

Nessuno può dire se Cook e Apple avrebbero gestito Tesla meglio di Elon Musk. Nonostante abbia licenziato metà dei suoi dipendenti nell’aprile 2020 a causa della pandemia globale e abbia ripreso la produzione di auto nonostante i blocchi della California a maggio, la società ha assistito a un aumento vertiginoso dei prezzi delle azioni. Possiamo dire almeno in termini di redditività, forse è stato meglio che Musk non abbia venduto la sua azienda di auto completamente elettriche e autonome.

Advertisement

---L'articolo continua dopo la pubblicità---