Scoperta un’enorme quantità d’acqua vicino al nucleo terrestre

Lo studio ha confermato qualcosa che era solo una teoria, ovvero che l'acqua oceanica accompagna le lastre in subduzione e quindi entra nella zona di transizione

0
12423
Scoperto un'enorme quantità d'acqua vicino al nucleo terrestre
Scoperto un'enorme quantità d'acqua vicino al nucleo terrestre

Gli scienziati hanno scoperto una enorme riserva d’acqua, grande tre volte il volume di tutti gli oceani, sotto la superficie terrestre.

L’acqua è stata trovata tra la zona di transizione del mantello superiore e inferiore della Terra. Il team di ricerca ha analizzato un diamante formatosi a 660 metri sotto la superficie terrestre utilizzando tecniche tra cui la spettroscopia Raman e la spettrometria FTIR, come riferisce ANI.

Lo studio ha confermato qualcosa che per molto tempo è stata solo una teoria, ovvero che l’acqua oceanica accompagna le lastre in subduzione ed entra così nella zona di transizione. Ciò significa che il ciclo dell’acqua del nostro pianeta include l’interno della Terra.

Queste trasformazioni minerali ostacolano notevolmente i movimenti della roccia nel mantello“, spiega il prof. Frank Brenker dell’Istituto di Geoscienze della Goethe University di Francoforte. Ad esempio, i pennacchi del mantello – colonne in crescita di roccia calda proveniente dal mantello profondo – a volte si fermano direttamente sotto la zona di transizione. Anche il movimento della massa nella direzione opposta si ferma.

Secondo Brenker, “Le placche in subduzione spesso hanno difficoltà a sfondare l’intera zona di transizione. Quindi c’è un intero cimitero di tali placche in questa zona sotto l’Europa“.

Tuttavia, fino ad ora non si sapeva quali fossero gli effetti a lungo termine del materiale “risucchiato” nella zona di transizione, sulla sua composizione geochimica e se vi esistessero quantità maggiori di acqua. Brenker spiega: “Le lastre subduttive trasportano anche sedimenti di acque profonde all’interno della Terra. Questi sedimenti possono contenere grandi quantità di acqua e CO2. Ma fino ad ora non era chiaro quanto entrasse nella zona di transizione sotto forma di più stabile, minerali idrati e carbonati, e quindi non era nemmeno chiaro se vi fossero realmente immagazzinate grandi quantità di acqua“.



Le condizioni prevalenti sono certamente favorevoli a questo. I minerali densi wadsleyite e ringwoodite possono (a differenza dell’olivina a profondità minori) immagazzinare grandi quantità di acqua, così grandi che la zona di transizione sarebbe teoricamente in grado di assorbire sei volte la quantità di acqua nei nostri oceani. “Quindi sapevamo che lo strato limite ha un’enorme capacità di immagazzinare acqua“, afferma Brenker. “Tuttavia, non sapevamo se lo avesse effettivamente fatto“.

Uno studio internazionale in cui è stato coinvolto il geoscienziato di Francoforte ha ora fornito la risposta. Il team di ricerca ha analizzato un diamante del Botswana, in Africa. Si è formato a una profondità di 660 chilometri, proprio all’interfaccia tra la zona di transizione e il mantello inferiore, dove la ringwoodite è il minerale prevalente.

I diamanti di questa regione sono molto rari, anche tra i diamanti rari di origine super profonda, che rappresentano solo l’uno per cento dei diamanti.

Le analisi hanno rivelato che la pietra contiene numerose inclusioni di ringwoodite, che mostrano un alto contenuto di acqua. Inoltre, il gruppo di ricerca è stato in grado di determinare la composizione chimica della pietra. Era quasi esattamente lo stesso di praticamente ogni frammento di roccia del mantello trovato nei basalti in qualsiasi parte del mondo.

Questo ha mostrato che il diamante proveniva sicuramente da un normale pezzo del mantello terrestre. “In questo studio, abbiamo dimostrato che la zona di transizione non è una spugna secca, ma contiene notevoli quantità d’acqua“, afferma Brenker, aggiungendo: “Questo ci avvicina anche di un passo all’idea di Jules Verne di un oceano all’interno della Terra“.

La differenza è che laggiù non c’è oceano, ma roccia idrata che, secondo Brenker, non sarebbe né bagnata né gocciolante.

2