5 strategie per non farsi più cogliere impreparati da una pandemia

Mentre il mondo si sta ancora riprendendo dalla pandemia COVID-19, gli esperti di salute pubblica e gestione delle emergenze si stanno già preparando per la prossima pandemia

488

Mentre il mondo si sta ancora riprendendo dalla pandemia COVID-19, gli esperti di salute pubblica e gestione delle emergenze si stanno già preparando per la prossima pandemia. Dopo tutto, i biologi sono certi che prima o poi emergerà un altro nuovo pericoloso agente patogeno.

Siamo ricercatori di salute pubblica impegnati sia nella guida della risposta ai disastri della salute pubblica che nella valutazione della gestione delle emergenze.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ecco cinque strategie che daranno al mondo un vantaggio e forse aiuteranno anche a impedire che il prossimo focolaio o epidemia diventi una pandemia

1. Sostenere i sistemi già in atto

L’identificazione nel febbraio 2021 di un nuovo focolaio di Ebola in Guinea ha mostrato quanto siano critici la sorveglianza e la segnalazione per rispondere rapidamente e contenere le malattie infettive.

Gli esperti hanno qualcosa da aggiungere al dibattito pubblico?

Noi la pensiamo così:

Il processo generalmente funziona in questo modo: una volta che un medico astuto diagnostica una malattia che è nell’elenco di controllo dell’Organizzazione mondiale della sanità e dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, segnala il caso alle autorità sanitarie locali per indagare. Le informazioni vengono trasmesse lungo la catena ai livelli statale, federale e internazionale.

Medici, operatori sanitari e laboratori di tutto il mondo inviano rapporti sulle malattie a gruppi come il Global Outbreak Alert and Response Network dell’OMS . Aggrega tutti questi dati e aiuta a identificare focolai di nuove malattie infettive e il loro potenziale pandemico.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Se un agente patogeno supera i monitor locali e inizia a diffondersi, i governi dispongono di sistemi di gestione delle emergenze per rispondere. Queste strutture di comando degli incidenti forniscono un quadro per rispondere alle crisi che vanno dalle malattie infettive ai disastri naturali agli attacchi terroristici.

Negli Stati Uniti, varie agenzie federali hanno responsabilità diverse. Monitorano le malattie infettive emergenti, stabiliscono una riserva nazionale strategica di risorse e supportano gli stati nella loro preparazione e risposta. La responsabilità per la risposta all’emergenza è di ogni stato – che è nella Costituzione degli Stati Uniti – quindi hanno flessibilità nel modo in cui implementano tutto a livello locale.

5 strategie per prepararsi subito alla prossima pandemia

Un modo pratico per essere preparati a una futura pandemia è garantire che tutti questi sistemi e strutture rimangano stabili. Ciò significa mantenere fondi, formazione e personale per una risposta globale rapida anche quando all’orizzonte non sono visibili minacce di pandemia.

2. Preparare il pubblico a fare la sua parte

Una risposta efficace alla pandemia richiede una voce chiara e coerente e un messaggio attuabile che rifletta le migliori pratiche basate su una solida scienza. I messaggi e i dati che spiegano chiaramente come ogni individuo abbia un ruolo importante nel frenare la pandemia – e che potrebbe evolversi con lo svolgersi della pandemia nel tempo – sono fondamentali.

Il messaggio di restare a casa e “appiattire la curva” per evitare le risorse sanitarie travolgenti con casi di COVID-19 è stato un messaggio essenziale di salute pubblica iniziale che ha risuonato con molti americani che non sono stati designati come lavoratori essenziali. Tuttavia, una volta che sono stati revocati gli ordini di chiusura iniziali e sono emersi nuovi trattamenti, c’era una confusione generale sulla sicurezza delle riunioni pubbliche, soprattutto perché le indicazioni variavano in base allo stato o alla località.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La guida è anche più efficace se è adattata a un pubblico diverso. Nel sud, la sfiducia nei test e negli sforzi di vaccinazione da parte del governo e degli operatori sanitari è direttamente collegata alle barriere linguistiche e alle preoccupazioni sull’immigrazione. Una strategia per raggiungere popolazioni diverse e spesso svantaggiate è fare affidamento sui leader della comunità di fede locale per contribuire a fornire messaggi di salute pubblica.

La preparazione richiede un “approccio globale alla comunità” che coinvolga tutti nelle fasi di pianificazione, specialmente quelli appartenenti a popolazioni svantaggiate o vulnerabili. Costruire relazioni ora può migliorare l’accesso alle informazioni e alle risorse quando si verifica il prossimo disastro, contribuendo a garantire equità e agilità nella risposta.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli studiosi di scienza e comunicazione del rischio hanno iniziato a parlare dei modi migliori in cui le persone possono gestire il flusso di informazioni durante una pandemia. Le lezioni da quella che è stata definita l’infodemia delle notizie COVID-19 – alcune affidabili ma altre certamente no – possono fornire nuove strategie per condividere informazioni affidabili e promuovere la fiducia nella scienza.

3. Risposta coordinata e pratica

I responsabili delle emergenze e i leader sanitari hanno da tempo riconosciuto che una risposta coordinata da parte di diversi team è fondamentale per le emergenze di salute pubblica.

Esercizi da tavolo che simulano le emergenze reali aiutano i funzionari a prepararsi per crisi di tutti i tipi. Come un’esercitazione antincendio, riuniscono le parti interessate della comunità per affrontare un ipotetico scenario di disastro e chiarire ruoli e responsabilità. Queste sessioni pratiche includono persone che lavorano nella sanità pubblica, nella gestione delle emergenze e nell’assistenza sanitaria, oltre a soccorritori federali, tribali, statali e locali in prima linea.

Gli scenari di pratica devono includere anche la realtà di “catastrofi impilate”, come un uragano o una tempesta invernale che pone ancora più stress sul sistema di risposta ai disastri.

Questi esercizi consentono a una comunità di testare parti del piano generale di gestione delle emergenze e determinare lacune o aree da rafforzare. I continui test e formazione per il piano assicurano che tutti siano pronti come possono essere.

Oltre a questa formazione, gli operatori sanitari potrebbero ricevere una formazione incrociata per supportare il personale clinico specializzato , che potrebbe aver bisogno di supporto nel corso di una lunga pandemia.

La pandemia COVID-19 ha fornito lezioni su infrastrutture e catene di approvvigionamento . Gli investimenti strategici possono sostenere le scorte nazionali strategiche esistenti di rifornimenti e vaccinazioni per il futuro. Se necessario, il presidente può utilizzare il Defence Production Act per ordinare alle società private di dare la priorità agli ordini federali.

4. Lucida il playbook

Dopo ogni risposta a un disastro grave, tutti i diversi gruppi coinvolti – forze dell’ordine, EMS, incendi, gestione delle emergenze, sanità pubblica, ricerca e soccorso e così via – conducono quelle che vengono chiamate “revisioni dopo l’azione”. Possono migliorare i piani per la prossima volta.

Ad esempio, dopo la pandemia influenzale del 2009, il Department of Health and Human Services ha scoperto che mentre gli sforzi di comunicazione del CDC hanno avuto un ampio successo, alcune popolazioni non anglofone hanno perso messaggi importanti. La revisione post-azione ha rilevato che la sfiducia nel governo è aumentata quando le forniture di vaccini non hanno soddisfatto le aspettative del pubblico. A loro volta, i funzionari potrebbero pianificare esercizi per testare e modificare gli approcci per la prossima volta.

Una revisione approfondita della risposta all’attuale pandemia di COVID-19 a tutti i livelli identificherà lacune, sfide e successi. Questi risultati “After Action” devono essere integrati nella pianificazione futura per migliorare la preparazione e la risposta alla prossima pandemia.

5. Costruisci sulla nuova normalità

Quando scoppiò la pandemia influenzale H1N1 del 1918, pochi americani avevano un telefono. Le regole di quarantena hanno portato più famiglie a utilizzare i telefoni e hanno accelerato la ricerca che ha ridotto la dipendenza dagli operatori telefonici umani. Allo stesso modo, senza dubbio COVID-19 ha innescato alcuni rapidi cambiamenti che dureranno e aiuteranno gli Stati Uniti a essere pronti per eventi futuri.

È stato più facile adattarsi ai necessari cambiamenti dello stile di vita a causa di questa pandemia grazie ai modi in cui la tecnologia ha cambiato il posto di lavoro, la classe e la fornitura di assistenza sanitaria. Gli analisti aziendali prevedono che il rapido passaggio alla teleconferenza video e al lavoro remoto per gli uffici nel 2020 sarà un lascito duraturo di COVID-19. Un team multidisciplinare qui in Texas A&M sta monitorando il modo in cui la robotica e i sistemi automatizzati vengono utilizzati nella risposta alle pandemie nelle strutture di assistenza clinica, salute pubblica e sicurezza pubblica.

Alcuni dei cambiamenti improvvisi e drastici delle norme e dei comportamenti, come l’uso di maschere facciali in pubblico, possono essere tra le strategie più semplici da mantenere in atto per respingere una futura pandemia da un virus respiratorio. Proprio come i sistemi telefonici hanno continuato a migliorare negli ultimi 100 anni, l’innovazione continua che si basa sulla rapida adozione delle tecnologie intorno a COVID-19 aiuterà le persone ad adattarsi ai cambiamenti improvvisi dello stile di vita quando si verificherà la prossima pandemia.