“Zero netto”, è possibile conseguirlo?

Il concetto di "zero netto" - indica il punto in cui le emissioni rimanenti di gas serra saranno bilanciate con l'assorbimento naturale, arrestando un ulteriore riscaldamento del clima

0
1338

Potrebbe sembrare strano trovare sostenitori dell’azione per il clima che discutono i meriti di un concetto che la scienza mostra essere essenziale per fermare il cambiamento climatico e che di conseguenza è incorporato al cuore dell’accordo globale di definizione.

Eppure è qui che ci troviamo con il concetto di “zero netto” – il punto in cui le emissioni rimanenti di gas serra sono bilanciate con l’assorbimento, arrestando un ulteriore riscaldamento del clima.

La necessità di raggiungere le emissioni nette zero a livello globale è ampiamente dimostrata dalla scienza, ed i governi si sono impegnati nell’accordo di Parigi del 2015 a raggiungere un equilibrio delle emissioni antropiche entro metà del secolo, nel tentativo di mantenere il riscaldamento globale a 1,5° C.

Queste parole sono state incluse nell’Accordo di Parigi sotto la spinta determinata da attivisti e paesi vulnerabili. Ed è difficile pensare a un recente esempio più riuscito di idee degli attivisti che cambiano i termini del dibattito.

In due anni, il numero di nazioni, governi subnazionali e aziende che fissano come obiettivo lo zero netto è cresciuto rapidamente, con una copertura balzata dal 16% del PIL globale nel giugno 2019 ai due terzi di oggi. Non è esagerato affermare che lo zero netto è ora l’obiettivo definitivo attraverso il quale molti governi, imprese, ONG e altri tipi di entità vedono la decarbonizzazione.

Tuttavia, gli attivisti non sono molto soddisfatti. Molti hanno reagito sottolineando le falle di alcuni target zero netto, con il focus concentrato sulle compagnie petrolifere che intendono pagare gli offset invece di affrontare le emissioni causate dalla combustione del loro prodotto.



In alcuni casi, le preoccupazioni sull’implementazione degli obiettivi di zero netto si trasformano in critiche al concetto stesso. Recentemente tre accademici, tra cui l’ex presidente dell’IPCC Bob Watson, hanno descritto lo zero netto come una “fantasia” e una “trappola”, mentre Greta Thunberg ha affermato che “questi obiettivi distanti danno l’illusione che stiamo agendo senza dover cambiare davvero”.

Impegni zero netto: un quadro misto

Per essere credibile, un’entità che proclama un obiettivo netto zero dovrebbe disporre di determinate misure di controllo: come minimo, un impegno di alto livello, un piano pubblicato, misure immediate di riduzione delle emissioni e un meccanismo di rendicontazione annuale. Deve garantire che tutte le emissioni a lei attribuibili siano coperte e che qualsiasi “compensazione” utilizzi rimozioni di alta qualità, verificate e permanenti.

Nel marzo 2021 eravamo tra i ricercatori che hanno pubblicato la prima analisi della solidità degli impegni net zero presi da oltre 4.000 governi e aziende nazionali e subnazionali, che rappresentano l’80% delle emissioni globali.

Abbiamo riscontrato che il quadro è misto: mentre la maggior parte delle entità con un obiettivo netto zero dispone di alcune misure di robustezza in atto come obiettivi intermedi (60%) e un meccanismo di segnalazione (62%), altri no. Il quadro sugli offset (pagamento per crediti di carbonio da azioni effettuate altrove) è particolarmente preoccupante, con solo il 23% delle entità che li esclude o impone restrizioni al loro utilizzo.

Questo significa che il concetto di zero netto come cornice di definizione per la decarbonizzazione è esso stesso una fantasia? Potremmo sostenere che non è assolutamente così.

La suite in rapida crescita di impegni net zero viene fornita con una teoria del cambiamento coerente. In primo luogo, se un’entità è seria, seguirà il suo impegno mettendo in atto misure robuste, iniziando con azioni immediate per ridurre le emissioni: non farlo porterà rapidamente l’entità in questione ad accuse di non serietà.

In secondo luogo, la costituzione in pegno di un obiettivo significa che l’entità può essere tenuta a rendere conto dagli elettori, dagli azionisti o dai clienti. In terzo luogo, per dimostrare credibilità potrebbe dover richiedere l’accreditamento da un ente imparziale, in grado di convalidare se il suo piano è realistico.

In quarto luogo, tali meccanismi di accreditamento si evolvono nel tempo per seguire la scienza. Ad esempio, la Race to Zero, sostenuta dall’ONU, ha recentemente pubblicato criteri aggiornati.

Ciascuno di questi quattro passaggi rende l’impegno più concreto e, se non è serio, lo rivela chiaramente.

Segni che gli obiettivi net zero portano a un’azione più forte

Ci sono prime indicazioni che questa sia più di una teoria. Il Regno Unito, l’UE e gli Stati Uniti hanno recentemente fissato il pareggio swgli obiettivi netti al 2050 e quindi aggiornato i loro obiettivi 2030 per renderli commisurati.

In Germania, la corte costituzionale ha appena ordinato al governo di aumentare la sua azione a breve termine per garantire che i costi per raggiungere lo zero netto non ricadano in modo sproporzionato sulle generazioni future.

Un’indagine sui nuovi contributi determinati a livello nazionale (NDC) che le nazioni dovrebbero presentare prima del prossimo vertice delle Nazioni Unite sul clima, COP26, mostra che 32 dei 101 paesi con obiettivi net zero hanno migliorato il loro NDC, rispetto a 11 dei 90 paesi senza un obiettivo zero netto.

I sostenitori del clima hanno ragione a sottolineare la natura vaga di alcuni impegni, in particolare da parte delle società di combustibili fossili. Tale controllo è necessario per proteggere la scienza dal greenwash. Come successivamente ha twittato Thunberg , “il problema non è ovviamente il target zero netto in sé, ma il fatto che viene usato come scusa per rimandare l’azione reale“.

Questo è un vero pericolo. Se permettiamo agli usi disonesti dello zero netto di screditare il concetto nel suo insieme, rischiamo di rinunciare ai guadagni conquistati a fatica dagli attivisti e dai paesi vulnerabili a Parigi nel 2015.

Piuttosto che concimare tutti gli impegni di zero netto con lo stesso pennello critico, raccomanderemmo di differenziare obiettivi seri da quelli fissati per il greenwashing. Non tutte le entità si imbarcheranno nel loro viaggio verso lo zero netto con un piano completo, ma dovrebbero chiarire rapidamente come raggiungeranno il loro obiettivo: quelli che lo fanno meritano un plauso se i loro piani sono solidi e fattibili, mentre quelli con piani non realizzabili o assenti meritano critiche.

Nonostante le imperfezioni, il diffuso rafforzamento degli obiettivi di zero netto, in particolare per generare forti riduzioni delle emissioni nel prossimo decennio, offre la via più praticabile per attuare l’accordo di Parigi e prevenire così gli impatti più pericolosi del cambiamento climatico. Dovremmo ottenere lo zero netto nel modo giusto, non per sbarazzarcene.

Richard Black , ricercatore onorario, Grantham Institute, Imperial College London ; Steve Smith , direttore esecutivo, Oxford Net Zero, Università di Oxford , e Thomas Hale , professore associato di politiche pubbliche, Università di Oxford .

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale .

2