I veicoli spaziali della serie “Spazio 1999” furono ispirati dalla NASA

Hai mai visto la serie tv "Spazio 1999"? No? Beh, dovresti

0
30258
I veicoli spaziali della serie "Spazio 1999" furono ispirati dalla NASA
I veicoli spaziali della serie "Spazio 1999" furono ispirati dalla NASA

Se non hai mai visto “Spazio 1999“, ti suggeriamo di guardarne almeno una puntata prima di continuare a leggere questo articolo. Per quelli di voi che l’hanno fatto, esploriamo la logica alla base di alcuni dei progetti dei veicoli spaziali impiegati nella serie.

Come sono progettati i veicoli spaziali?

Prima ancora di iniziare a tentare di dare una breve panoramica di questo enorme argomento, è utile definire effettivamente cosa si intende effettivamente con il termine “veicolo spaziale“.

Secondo la NASA, un veicolo spaziale è “un veicolo o dispositivo progettato per viaggiare o operare al di fuori dell’atmosfera terrestre“. Questo può includere qualsiasi cosa, da un velivolo con o senza equipaggio, allo Space Shuttle, ai nanosatelliti.

navicella spaziale 1999
Impressione artistica della “nave stellare” di SpaceX. Fonte: SpaceX

Il design di un veicolo spaziale è guidato dallo scopo del velivolo. Ad esempio, la navicella viaggerà in orbita terrestre bassa o verso la Luna? Come ci arriverà? Con la propria potenza o spinto da un veicolo di lancio come un razzo? Una volta nello spazio, come verrà alimentato? Se ce ne sono, quante persone trasporterà e per quanto tempo? Rimarrà fuori dall’atmosfera terrestre per un lungo periodo di tempo? Quanto e quale carico utile trasporterà? Di quali strumenti scientifici avrà bisogno?

Queste sono solo alcune delle domande chiave che influenzano il design di un veicolo spaziale. Tuttavia, in genere la maggior parte dei progetti di veicoli spaziali avrà alcuni sottosistemi chiave che devono essere considerati.



Questi includono, ma non sono limitati a:

  • Sovrastruttura
  • Sistemi di controllo
  • Telemetria, tracciamento e sistemi di comando
  • Sistemi di comunicazione
  • Sistemi di supporto vitale
  • Sistemi di alimentazione
  • Controllo termico
  • Propulsione

Una volta che un piano di missione è in atto e gli obiettivi sono fissati, ingegneri di varie discipline si mettono al lavoro per garantire che l’imbarcazione possa soddisfare i requisiti del piano.

Ciò includerà considerazioni su:

  • Astronautica
  • Aerodinamica (se pertinente)
  • Ingegneria dei sistemi
  • Ingegneria delle comunicazioni
  • Ingegneria Informatica
  • Ingegneria software
  • Ingegneria elettrica
  • Teoria del controllo
  • Ingegneria termica
  • Ingegneria della propulsione
  • Ingegnere meccanico

Per citarne solo alcuni.

Quali sono i diversi tipi di veicoli spaziali?

Come probabilmente avrete già capito, esistono diversi tipi di veicoli spaziali, questi includono, ma non sono limitati a:

  • Veicolo spaziale con equipaggio – come lo Space Shuttle ora in pensione o la SpaceX Dragon Crew.
  • Veicolo spaziale semi-equipaggio: include cose come stazioni spaziali o parti di stazioni spaziali (Moduli)
  • Navicella spaziale Flyby – Queste navi effettuano la fase di ricognizione iniziale dell’esplorazione del sistema solare. Ad esempio le missioni Mariner e Pioneer o la recente New Horizon.
  • Navicella Orbiter – Questi tipi di veicoli spaziali sono progettati per viaggiare verso un pianeta lontano ed entrare in un’orbita stabile attorno ad esso. Gli esempi includono Mars Global Surveyor, Magellan Venus Orbiter, ecc.
  • Veicoli spaziali atmosferici – Questi veicoli spaziali sono progettati per missioni “suicide” relativamente brevi nell’atmosfera di pianeti lontani. Gli esempi includono Gallileo Atmospheric Probe e Pioneer 13.
  • Veicoli spaziali Lander – Come suggerisce il nome, questi veicoli spaziali sono appositamente progettati per atterrare effettivamente su pianeti e lune distanti, ecc. Esempi includono i Viking Mars Lander e Surveyor Moon Landers.
  • Veicolo spaziale Rover – Solitamente alimentati elettricamente, questi veicoli spaziali sono progettati per atterrare ed esplorare mondi lontani. Gli esempi includono i vari Rover marziani.
  • Navicella spaziale penetrante – Queste navi sono progettate per entrare nella superficie di un corpo, come una cometa, e sopravvivere abbastanza a lungo per effettuare misurazioni e inviare dati alla Terra. Gli esempi includono la missione Deep Impact.
  • Navicella spaziale dell’osservatorio – Queste astronavi sono progettate per osservare mondi e corpi lontani dalla sicurezza dell’orbita terrestre. Gli esempi includono il telescopio spaziale Hubble e l’osservatorio a raggi X Chandra.
  • Veicolo spaziale per comunicazioni – Di gran lunga il più comune, il veicolo spaziale per comunicazioni comprende principalmente satelliti in orbita attorno alla Terra utilizzati per le comunicazioni radiotelevisive.

Ci sono anche una serie di veicoli spaziali annullati e in fase di sviluppo. Alcuni dei tipi cancellati più importanti includono navicelle spaziali multistadio come lo Shuttle Spiral sovietico o lo Shuttle Hermes dell’ESA.

In fase di sviluppo abbiamo anche veicoli spaziali come il Dream Chaser di Sierra Nevada Corp. (uno spazioplano orbitale), il New Shepard di Blue Origin e la Starship di SpaceX.

Che cos’è “Spazio 1999”?

Se non hai mai sentito parlare di “Space 1999”, o hai intenzione di vederlo, ti aspetta una sorpresa. È una serie televisiva di fantascienza britannica creata negli anni ’70 dai grandi Gerry e Sylvia Anderson (famosi per Thunderbirds).

Basandosi sul successo delle loro creazioni basate sui burattini negli anni ’60, “Spazio 1999” ha coinvolto attori reali e vari modelli e oggetti di scena per creare una serie televisiva di fantascienza coinvolgente e divertente.

serie spaziale 1999
“Space 1999” “The Full Circle”. Fonte: Paul Carsola / Flickr

È andato in onda per la prima volta nel 1975 e ha avuto guest star del calibro di  Christopher Lee, Joan Collins, Peter Cushing, Ian McShane, Leo McKern, Patrick Troughton e Brian Blessed.

La serie segue le prove e le tribolazioni dell’equipaggio di “Moonbase Alpha” dopo che una massiccia esplosione nucleare ha gettato la Luna fuori dall’orbita terrestre proiettandola nello spazio profondo. Ha ricevuto recensioni contrastanti da critica e pubblico e ha funzionato solo per due stagioni prima di essere cancellata.

Attualmente si parla di riavviare la serie in un futuro non troppo lontano con il titolo “Space 2099“, ma la produzione deve ancora iniziare.

Perché i progetti dei veicoli spaziali di “Spazio 1999” sono credibili?

La serie TV “Spazio 1999” aveva una varietà di design ormai iconici per i veicoli spaziali. Ma mentre la serie è completamente di fantasia, nel design dei veicolo spaziali furono inserite alcune considerazioni del mondo reale.

Il veicolo spaziale più famoso, “The Eagle Transporter“, ad esempio, potrebbe probabilmente passare oggi come un vero veicolo spaziale. E per una buona ragione.

Il modello è stato disegnato da Brian Johnson, supervisore degli effetti speciali sul set di “Spazio 1999”. In un’intervista con The Den of Geek nel 2009, Gerry Anderson ha spiegato come è nato il design.

spazio 1999 aquila
Modello di un “Eagle Transporter” da “Space 1999”. Fonte: Phil Parker / Flickr 

Ho parlato con Brian e gli ho detto come lo vedevo, e lui se n’è andato ed è tornato con qualcosa di completamente, completamente diverso, dal momento che non somigliava né a un razzo né a un veicolo, né a un’auto o altro“, ha spiegato Anderson.

Poiché era progettato per muoversi nello spazio, non doveva essere aerodinamico, e quindi non aveva senso portare tutto il peso extra di una fusoliera“.

Questa navicella spaziale sembra certamente plausibile ed è stata molto apprezzata dai fan della serie. In effetti, secondo Gerry Anderson, il modello giocattolo vendette molto bene.

Anche molte delle altre navi della serie sembrano essere state ispirate da veicoli spaziali reali. La serie è stata realizzata in un momento in cui il programma Apollo era ancora un evento molto recente.

Per questo motivo, potete vedere l’influenza dei progetti ingegneristici della NASA degli anni ’60 e ’70 incorporati in alcune delle navi di “Spazio 1999”.

intercettore spaziale 1999
“Moonbase Interceptor”. Fonte:  Gerry Anderson Sito

Un altro veicolo spaziale iconico della serie è stato il “Moon Mobile“. Un incrocio tra un carro armato e un camion, questi erano i principali veicoli di trasporto di superficie per l’equipaggio della “Moonbase Alpha“.

Progettati da Mike Trim, questi veicoli sono stati progettati in parte dal suo precedente lavoro su altre produzioni di Gerry Anderson e suggerimenti sulla loro capacità dalla sceneggiatura.

Sapevo che avrebbero dovuto essere una specie di anfibi e in grado di guidare su qualsiasi tipo di terreno. Ricordo che Derek aveva un’auto blu metallizzata in quel momento ed era di un colore blu molto chiaro e sembrava giusto per il colore di i cellulari“.

Trim è stato anche responsabile del progetto di un altro veicolo spaziale chiamato  “Moonbase Interceptor“. Conosciuti anche come SHADO Interceptor, avrebbero dovuto essere i principali sistemi di difesa per “Moonbase Alpha”.

spazio 1999 altre navi
Fonte: Phil Parker / Flickr

Secondo la serie, ognuna era una piccola astronave monoposto che non era in grado di entrare nell’atmosfera terrestre, nonostante sembrasse avere un piano di coda. Gli intercettori erano anche equipaggiati con un missile nucleare autodistruttivo.

Molti degli altri veicoli spaziali, a parte le navi aliene, hanno seguito un concetto di design simile a quello delle navi già menzionate. In parte ispirato dalla NASA e in parte dalle esigenze della trama della serie, il loro processo di progettazione era in qualche modo simile a quello di un vero veicolo spaziale di oggi.

Ovviamente, i progettisti erano veramente interessati solo al loro aspetto esteriore e non avevano bisogno di entrare nel nocciolo di molti dei loro sottosistemi o di avere sistemi che funzionassero davvero.

Se abbiamo suscitato il tuo interesse per la classica serie di fantascienza “Spazio 1999“, puoi dare un’occhiata su Amazon o procurarti un set di DVD.

2