‘Under A White Sky’ ci dice cosa permetterà agli umani di continuare ad esistere

Under A White Sky è suddiviso in tre parti. La prima, Down The River, racconta due storie: lo sforzo per gestire e controllare le popolazioni ittiche associate ai fiumi nel Midwest. La storia parla davvero del fiume Chicago ma, come la Kolbert si impegna a mostrare, il grosso problema nella gestione dell'Antropocene è che tutto è connesso a tutto il resto

0
1853

Qual è la differenza tra una città e una zona umida? E tra una fabbrica e una foresta? Cosa separa gli ambienti costruiti dalla “natura” da quelli che costruiamo noi umani?

Anche se queste potrebbero essere domande astratte per i filosofi, non lo sono. Decenni dopo l’inizio di quella che viene chiamata appropriatamente “la crisi climatica“, gli esseri umani stanno ora affrontando un pianeta che è stato profondamente modificato dalle nostre attività collettive. Nella nostra lotta per trovare una risposta e, si spera, salvare noi stessi, il rapporto tra gli esseri umani e la natura deve essere ricostruito.

Quest’opera di ricostruzione è al centro del nuovo libro di Elizabeth KolbertUnder A White Sky: The Nature of the Future. Ed è, come dimostra l’autrice, un progetto che non è né chiaro, né pulito né certo.

La Kolbert è nota come autrice del best seller The Sixth Extinction. Il suo rapporto ha portato l’evento di estinzione di massa in corso che stiamo inavvertitamente causando dal dibattito scientifico alla conoscenza comune. In questo nuovo libro, Kolbert esamina ancora una volta il barile l’Antropocene, la nuova epoca geologica in cui l’attività umana rappresenta la forza più potente che modella il meccanismo dell’evoluzione planetaria della Terra. All’inizio del libro, la Kolbert elenca i fatti sorprendenti di questa nuova Terra antropocenica:

Le persone, ormai, hanno trasformato direttamente più della metà della terra, circa ventisette milioni di miglia quadrate – e indirettamente metà di ciò che rimane. Abbiamo arginato o deviato la maggior parte dei principali fiumi del mondo. I nostri impianti fertilizzanti e le colture di legumi fissano più azoto di tutti gli ecosistemi terrestri messi insieme, e i nostri aerei, automobili e centrali elettriche emettono circa cento volte più anidride carbonica dei vulcani” …



Gli esseri umani e il bestiame superano tutti i vertebrati messi insieme, ad eccezione dei pesci. Nell’era dell’uomo, non c’è nessun posto dove andare, e questo include le trincee più profonde degli oceani e il centro della calotta glaciale antartica, che non reca già le nostre impronte“.

Under A White Sky, tutto è connesso a tutto il resto

La conseguenza dello straordinario potere che stiamo esercitando sulla Terra è che il pianeta sta cambiando. Sta scivolando fuori dallo stato in cui l’abbiamo trovato 10.000 anni fa, quando finì l’ultima era glaciale. Ma questo nuovo pianeta sembra che sarà molto meno ospitale per il nostro “progetto di civiltà” rispetto a quello con cui abbiamo iniziato. 

In risposta a questo fatto che fa riflettere, le comunità di tutto il mondo stanno cercando di passare da impatti involontari sul mondo naturale a un controllo consapevole e intenzionale. Il libro di Kolbert, essenzialmente, riporta in prima linea questi sforzi frenetici.

Under A White Sky è suddiviso in tre parti. La prima, Down The River, racconta due storie: lo sforzo per gestire e controllare le popolazioni ittiche associate ai fiumi nel Midwest. La storia parla davvero del fiume Chicago ma, come la Kolbert si impegna a mostrare, il grosso problema nella gestione dell’Antropocene è che tutto è connesso a tutto il resto. 

Una specie come la carpa argentata introdotta in uno stagno dell’Arkansas potrebbe trovare la strada per conquistare i laghi dell’Illinois. 

Nella seconda parte della sezione, Kolbert racconta lo sforzo altrettanto complicato per affrontare l’annegamento del delta del fiume Mississippi della Louisiana che, a sua volta, è una conseguenza del vasto sforzo del secolo scorso per domare quello stesso fiume. 

La seconda sezione del libro, Into The Wild, descrive i tentativi di salvare le specie e gli ecosistemi dal nostro impatto, mentre il terzo, Up In The Air, racconta la storia della “geoingegneria”, dove il riscaldamento globale è contrastato non riducendo i combustibili fossili ma ricablando letteralmente l’atmosfera. 

Come mostra Kolbert, le conseguenze in agguato e non intenzionali della geoingegneria possono essere piuttosto spaventose. Un piano per raffreddare il pianeta spruzzando in alto nell’aria minuscole particelle che riflettono la luce del sole potrebbe cambiare il cielo da blu a bianco.

Ciò che unisce i resoconti di Kolbert in tutte queste storie è il senso di scala che deriva dai problemi che affrontiamo mirando a un risultato ragionevole per il nostro Antropocene – un “buon Antropocene” come alcuni lo chiamano. 

Ciò che è così illuminante nella scrittura della Kolbert è stato vedere la trasformazione planetaria ridotta a scala umana. 

Raggiungere un buon Antropocene, se una cosa del genere esiste, accadrebbe solo come risultato di milioni di persone in milioni di comunità che fanno esperimenti. Under A White Sky ci mostra come tutte queste persone proveranno milioni di modi per alterare, regolare e giudicare i processi naturali che abbiamo già alterato per errore. 

Con notevole umorismo, Kolbert ci mostra quanto sarà difficile quel progetto.

Ciò che rende Under A White Sky così prezioso e così avvincente è che Kolbert lo racconta mostrando. Senza battere il lettore sulla testa, chiarisce quanto siamo già lontani da un mondo di natura indisturbata e perfettamente equilibrata – e quanto lontano dobbiamo ancora spingerci per trovare un nuovo equilibrio per il futuro di un pianeta che abbia ancora noi umani dentro.

2