Potrebbe l’origine della vita essere Marte?

Eminenti scienziati in diversi campi affermano che ci sono indizi che origine della vita nel nostro sistema solare possa essere stato il pianeta rosso

2751

Il 18 febbraio, il rover Perseverance della NASA scenderà attraverso l’aria sottile di Marte, segnando una nuova era nell’esplorazione del pianeta rosso. Atterrare sul cratere Jezero, che si trova a nord dell’equatore marziano, non sarà un’impresa facile. Secondo la NASA, solo il 40% circa delle missioni inviate su Marte riesce. 

Se lo farà, Perseverance potrebbe cambiare drasticamente il modo in cui pensiamo alla vita extraterrestre e all’origine della vita in generale. Questo perché gli scienziati ritengono che Jezero, un cratere da impatto largo 42 chilometri, che è stato a lungo un lago, sia un luogo ideale per cercare prove dell’eventuale antica presenza di vita microbica su Marte.

Una volta atterrato, Perseverance raccoglierà e conserverà campioni di roccia e suolo marziani, che alla fine saranno riportati sulla Terra con un missione successiva.

Alcuni scienziati ritengono che questi campioni potrebbero rispondere a una domanda ancora più grande: la vita sulla Terra ha avuto origine su Marte?

Sebbene l’idea che la culla di origine della vita sia stato Marte, prima di migrare sulla Terra, suona come una premessa fantascientifica inverosimile, molti rinomati scienziati prendono sul serio la teoria. Anche l’idea generale della vita iniziata altrove nello spazio prima di migrare sulla Terra ha un nome: Panspermia. È l’ipotesi che la vita esista altrove nell’universo e sia distribuita da comete, asteroidi e altri detriti spaziali.

Per essere chiari, la nozione di vita sulla Terra che ha origine su Marte non è una teoria dominante nella comunità scientifica, ma sembra che stia prendendo piede. E scienziati come Gary Ruvkun, professore di genetica alla Harvard Medical School, dicono che suona “ovvio, in un certo senso“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

In effetti, abbiamo le prove di uno scambio di rocce da Marte alla Terra. Meteoriti marziani sono stati trovati in Antartide e in altre parti del mondo – circa 159, secondo l’International Meteorite Collectors Association.

Advertisement

Si può risalire alla loro origine sulla base delle inclusioni gassose che contengono” ha spiegato Ruvkun. In altre parole, piccole bolle d’aria in queste rocce rivelano che sono state forgiate nell’aria marziana. “Quindi, c’è uno scambio tra Marte e la Terra – probabilmente più spesso andando da Marte alla Terra perché va ‘in discesa’, andando su Marte è ‘in salita’, dal punto di vista gravitazionale“.

Ma per Ruvkun, la cui area di competenza è la genomica, è il tempismo della vita cellulare che crede sia un forte argomento che la vita sulla Terra provenga da qualche altra parte – forse Marte, o forse Marte dopo un altro pianeta.

Ruvkun ha notato che i nostri genomi rivelano l’origine della vita e forniscono indizi sugli antenati che ci hanno preceduto di milioni o addirittura miliardi di anni. “Nei nostri genomi, puoi vedere la storia” dice. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

C’è il mondo dell’RNA che ha preceduto il mondo del DNA ed è molto ben supportato da tutti i tipi di biologia attuale; quindi, conosciamo i passi che l’evoluzione ha compiuto per arrivare dove siamo ora“.

Grazie al progresso della genomica, la comprensione di LUCA (The Last Universal Common Ancestor ), ovvero l’organismo da cui si è evoluta tutta la vita sulla Terra, è notevolmente progredita. 

Studiando la genetica di tutti gli organismi sulla Terra, gli scienziati hanno un’idea molto chiara di come fosse l’antenato unicellulare di ogni essere vivente (sulla Terra). 

Conoscono anche la linea temporale: origine della vita sulla Terra è un unico organismo unicellulare, vissuto circa 3,9 miliardi di anni fa, da cui discendono tutte le forme di vita moderne della Terra, apparso solo 200 milioni di anni dopo l’acqua liquida. Nel grande schema dell’universo, non è un tempo così lungo.

Advertisement

E l’ultimo antenato comune universale era già abbastanza complicato come organismo. Ciò lascia due possibilità, dice Ruvkun. “O l’evoluzione verso i genomi moderni completi è davvero facile, o il motivo per cui lo vedi così in fretta è che abbiamo semplicemente ‘catturato’ la vita, che in realtà non è iniziata qui“.

Se è così, anche Erik Asphaug, professore di scienze planetarie all’Università dell’Arizona, ha un valore anomalo.

Secondo Asphaug, da ciò che sappiamo sulle rocce più antiche della Terra – che hanno prove chimiche di isotopi di carbonio risalenti a quasi 4 miliardi di anni fa – la vita “ha iniziato a formarsi sulla Terra quasi non appena è stato possibile che accadesse“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Se è così, si tratta di un precedente interessante. “Diciamo che ti aspetti che la vita fiorisca ogni volta che un pianeta si raffredda al punto in cui può iniziare ad avere acqua liquida“, ha detto Asphaug. “Ma solo guardando il nostro sistema solare, quale pianeta sarebbe stato probabilmente abitabile per primo? Quasi certamente Marte“.

Questo perché, ha spiegato Asphaug, Marte si è formato prima della Terra. All’inizio della storia marziana, quando Marte si stava raffreddando, Marte potrebbe avere avuto un ambiente “ospitale” prima della Terra.

Non sappiamo quale sia il requisito perché la vita appaia, se sia necessario qualcosa di super speciale come l’esistenza di una luna o di alcuni fattori che sono unici per la Terra – ma considerando solo la necessità di acqua liquida come requisito base, Marte probabilmente ne ha avuta prima della Terra e abbastanza perché possa essere stato la culla di origine della vita nel nostro sistema solare“.

Origine della vita su Marte, la panspermia

Un’evidenza intrigante e convincente riguarda il modo in cui il materiale si è spostato tra i due pianeti vicini. In effetti, più si va indietro nel tempo, maggiori sono le collisioni di rocce tra Marte e la Terra, ha detto Asphaug. 

Advertisement

Questi eventi di impatto potrebbero essere stati enormi “blocchi di Marte delle dimensioni di una montagna” che sono stati lanciati nello spazio. Questi enormi asteroidi potrebbero aver trasportato un microrganismo resistente.

Quando avviene un impatto tra un grosso asteroide ed un pianeta, una parte della massa coinvolta, sbalzata in atmosfera dalla potenza dell’impatto, ricadrà sulla superficie ma sappiamo che una parte, in alcuni casi, può uscire dall’atmosfera e dall’orbita per poi vagare nello spazio finché non verrà catturata dalla gravità di un altro corpo celeste. Questo è ciò che chiamiamo panspermia balistica”.

Secondo Asphaug, per alcuni microorganismi sopravvivere ad un viaggio del genere non sarebbe un problema, né lo sarebbe sopravvivere su un nuovo pianeta ospitale.

Qualsiasi forma di vita precoce sarebbe resistente a ciò che sta accadendo alla fine della formazione del pianeta“, ha detto. 

In altre parole, la vita microbica precoce sarebbe andata bene con ambienti difficili e lunghi periodi di dormienza.

secondo il professore di Harvard Avi Loeb, una delle rocce marziane trovate sulla Terra, ALH 84001, “non è stata riscaldata durante il suo viaggio a più di 40 gradi Celsius e avrebbe potuto trasportare la vita“.

Tutti e tre gli scienziati ritengono che la perseveranza potrebbe essere in grado di aggiungere credibilità alla teoria della panspermia.

Advertisement

Se trovassimo resti di vita su Marte, cosa che speriamo di fare con il rover Perseverance, sarei personalmente sorpreso se non fossero collegati geneticamente con la vita terrestre“, ha concluso Asphaug.

Advertisement