13.3 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
HomeFilosofiaUltimo mistero: la coscienza è come lo spazio-tempo

Ultimo mistero: la coscienza è come lo spazio-tempo

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Senza mente, potrebbe anche non esserci nulla. Colin McGinn dell‘Università di Miami, crede che non importa quanto gli scienziati studino il cervello, la mente è fondamentalmente incapace di comprendere se stessa.

“Siamo un po’ come i Neanderthal che cercano di capire l’astronomia o Shakespeare”, ha osservato McGinn in Consciousness and Space. “I cervelli umani soffrono di un “gap cognitivo” nella comprensione della propria coscienza”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“La coscienza può esistere da sola, anche in assenza di materia”

“È possibile che la coscienza possa esistere da sola, anche in assenza di materia, proprio come le onde gravitazionali, le eccitazioni dello spazio, possano esistere in assenza di protoni ed elettroni?” si chiede Andrei Linde, fisico teorico russo-americano e professore di fisica Harald Trap Friis alla Stanford University

“Non risulterà, con l’ulteriore sviluppo della scienza, che lo studio dell’universo e lo studio della coscienza saranno inseparabilmente legati, e che il progresso finale nell’uno sarà impossibile senza il progresso nell’altro?”

“Mi è molto più facile immaginare come comprendiamo il Big Bang piuttosto che immaginare come possiamo comprendere la coscienza.

Recentemente, il fisico di Princeton Edward Witten, che è stato paragonato a Isaac Newton e Einstein, ha affrontato il problema della coscienza umanaWitten è in gran parte responsabile della popolarità della teoria delle stringhe negli ultimi decenni. La teoria delle stringhe sostiene che tutte le forze della natura derivano da particelle infinitesimali che si contorcono in un iperspazio costituito da molte dimensioni extra.

Witten è pessimista sulla nostra capacità di comprendere le origini della coscienza umana: “Penso che la coscienza rimarrà un mistero. Sì, è quello che tendo a credere. Tendo a pensare che il funzionamento del cervello cosciente sarà ampiamente chiarito. I biologi e forse i fisici capiranno molto meglio come funziona il cervello. Ma perché qualcosa che chiamiamo coscienza va con quei meccanismi, penso che rimarrà misterioso. Mi è molto più facile immaginare come comprendiamo il Big Bang piuttosto che immaginare come possiamo comprendere la coscienza.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Universo e osservatore esistono come una coppia

“L’universo e l’osservatore esistono in coppia. Non riesco a immaginare una teoria coerente dell’universo che ignori la coscienza, afferma Linde. Questa è la grande domanda: forse il mistero irrisolto centrale del 21° secolo. Linde è uno dei principali sostenitori mondiali della teoria dell’universo inflazionario. Il paragrafo sotto dal saggio di Linde Universe, Life, Consciousness esamina brillantemente questa grande domanda.

“Secondo la dottrina materialista standard, la coscienza, come lo spazio-tempo prima dell’invenzione della relatività generale”, scrive Linde “svolge un ruolo secondario, subordinato, essendo considerata solo una funzione della materia e uno strumento per la descrizione del mondo materiale realmente esistente. Ma ricordiamoci che la nostra conoscenza del mondo inizia non con la materia ma con le percezioni. So per certo che esiste il mio dolore, esiste il mio ‘verde’ e il mio ‘dolce’ esiste. Non ho bisogno di alcuna prova della loro esistenza, perché questi eventi sono una parte di me; tutto il resto è una teoria”.

L’ipotesi “it from bit” del teorico quantistico John Wheeler ha anticipato Linde, ipotizzando che la coscienza sia fondamentale per la realtà, ha scritto John Horgan per Scientific American in “Do Our Questions Create the World”

Wheeler, osservò Horgan, fu uno dei primi fisici di spicco a proporre che “la realtà potrebbe non essere interamente fisica; in un certo senso, il nostro cosmo deve essere un fenomeno ‘partecipativo’ che richiede l’atto di osservazione – e quindi la coscienza stessa”.

“Da mordere”

Wheeler ha spiegato la sua ipotesi “it from bit” come segue: “… ogni esso – ogni particella, ogni campo di forza, anche lo stesso continuum spaziotemporale – deriva interamente la sua funzione, il suo significato, la sua stessa esistenza – anche se in alcuni contesti indirettamente – dalle risposte suscitate dall’apparato a domande si o no, scelte binarie, bit.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Viviamo ancora nell’infanzia dell’umanità”

“Viviamo ancora nell’infanzia dell’umanità”, ha detto Wheeler sui molti misteri inspiegabili della scienza. “Tutti questi orizzonti stanno cominciando ad illuminarsi ai nostri giorni: biologia molecolare, DNA, cosmologia. Siamo solo bambini in cerca di risposte. Man mano che cresce l’isola della nostra conoscenza, cresce anche la riva della nostra ignoranza”Wheeler era convinto che un giorno troveremo “la risposta” e saremo sbalorditi dalla sua semplicità. 

“Un giorno”, ha scritto Wheeler, “sicuramente vedremo il principio alla base dell’esistenza come così semplice, così bello, così avvincente che ci diremo tutti l’un l’altro: ‘Come abbiamo potuto essere tutti così stupidi per così tanto tempo”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Articoli più letti