I trapianti fecali invertono i segni distintivi dell’invecchiamento

Nella ricerca dell'eterna giovinezza, i trapianti fecali possono sembrare un modo improbabile per invertire il processo di invecchiamento. Tuttavia, gli scienziati del Quadram Institute e dell'Università dell'East Anglia hanno fornito prove che il trapianto del microbiota fecale da topi giovani a topi anziani può invertire i segni distintivi dell'invecchiamento

404

Nella ricerca dell’eterna giovinezza, i trapianti fecali possono sembrare un modo improbabile per invertire il processo di invecchiamento. Tuttavia, gli scienziati del Quadram Institute e dell’Università dell’East Anglia hanno fornito prove, dalla ricerca sui topi, che il trapianto del microbiota fecale da topi giovani a topi anziani può invertire i segni distintivi dell’invecchiamento nell’intestino, negli occhi e nel cervello.

Nell’esperimento inverso, i microbi dei topi anziani hanno indotto uno stato infiammatorio nel cervello dei giovani riceventi e hanno esaurito una proteina chiave necessaria per la vista normale.

Questi risultati mostrano che i microbi intestinali svolgono un ruolo nella regolazione di alcuni degli effetti dannosi dell’invecchiamento e aprono la possibilità di terapie basate sui microbi intestinali per combattere il declino in età avanzata.

Il professor Simon Carding, della Norwich Medical School dell’UEA e capo del programma di ricerca sui microbi intestinali e la salute presso il Quadram Institute, ha dichiarato: “Questo studio innovativo fornisce prove allettanti del coinvolgimento diretto dei microbi intestinali nell’invecchiamento e nel declino funzionale del cervello e della visione e offre una potenziale soluzione sotto forma di terapia sostitutiva dei microbi intestinali.

È noto da tempo che la popolazione di microbi che vivono nel nostro intestino, chiamata collettivamente microbiota intestinale, è legata alla salute. La maggior parte delle malattie è associata a cambiamenti nei tipi e nel comportamento di batteri, virus, funghi e altri microbi nell’intestino di un individuo.

Alcuni di questi cambiamenti nella composizione del microbiota si verificano con l’avanzare dell’età, influenzando negativamente il metabolismo e l’immunità, e questo è stato associato a disturbi legati all’età, comprese le malattie infiammatorie intestinali, insieme a disturbi cardiovascolari, autoimmuni, metabolici e neurodegenerativi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per comprendere meglio gli effetti di questi cambiamenti nel microbiota in età avanzata, gli scienziati del Quadram Institute hanno trasferito i microbi intestinali da topi anziani a topi giovani sani e viceversa attraverso trapianti fecali. Hanno quindi esaminato come ciò ha influenzato i segni distintivi infiammatori dell’invecchiamento nell’intestino, nel cervello e negli occhi, che soffrono di una funzione in declino in età avanzata.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Microbiome, ha rilevato che il microbiota di donatori anziani porta alla perdita di integrità del rivestimento dell’intestino, consentendo ai prodotti batterici di passare nella circolazione, il che provoca l’attivazione del sistema immunitario e l’infiammazione nel cervello e negli occhi.

L’infiammazione cronica legata all’età è stata associata all’attivazione di specifiche cellule immunitarie presenti nel cervello. Come controprova, queste cellule sono state iperattivate nei giovani topi che hanno ricevuto un trapianto fecale di microbioma da topi anziani.

Negli occhi, il team ha anche scoperto che proteine ​​specifiche associate alla degenerazione della retina erano elevate nei giovani topi che ricevevano il microbiota da vecchi donatori. Nei topi anziani, questi cambiamenti dannosi nell’intestino, negli occhi e nel cervello possono essere invertiti trapiantando il microbiota intestinale da topi giovani.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Negli studi in corso, il team sta ora lavorando per capire quanto tempo possono durare questi effetti positivi e per identificare i componenti benefici del microbiota del giovane donatore e il modo in cui influiscono sugli organi distanti dall’intestino.

Il microbiota dei giovani topi e i vecchi topi che hanno ricevuto un trapianto fecale di microbiota giovane è stato arricchito di batteri benefici che in precedenza erano stati associati a una buona salute sia nei topi che nell’uomo.

I ricercatori hanno anche analizzato i prodotti che questi batteri producono scomponendo elementi della nostra dieta. Ciò ha portato alla luce cambiamenti significativi in ​​particolare nei lipidi (grassi) e nel metabolismo delle vitamine, che possono essere collegati ai cambiamenti osservati nelle cellule infiammatorie negli occhi e nel cervello.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Percorsi simili esistono negli esseri umani e anche il microbiota intestinale umano cambia in modo significativo in età avanzata, ma i ricercatori avvertono di estrapolare i loro risultati direttamente sull’uomo fino a quando non sarà possibile eseguire studi simili sugli esseri umani anziani.

Nel Quadram Institute è in costruzione una nuova struttura per la terapia sostitutiva del microbiota (MRT), nota anche come trapianto fecale (FMT), che faciliterà tali studi, nonché altri studi per condizioni correlate al microbiota.

L’autrice principale dello studio, la dott.ssa Aimee Parker del Quadram Institute, ha dichiarato: “Siamo stati entusiasti di scoprire che modificando il microbiota intestinale degli individui anziani, potremmo salvare gli indicatori del declino associato all’età comunemente osservati nelle condizioni degenerative dell’occhio e cervello.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I nostri risultati forniscono ulteriori prove degli importanti legami tra i microbi nell’intestino e l’invecchiamento sano dei tessuti e degli organi intorno al corpo. Speriamo che i nostri risultati contribuiranno alla fine a capire come possiamo manipolare la nostra dieta e i nostri batteri intestinali per massimizzare la buona salute in età avanzata”.

Riferimento: “Fecal microbiota transfer between young and aged mice reverses hallmarks of the aging gut, eye, and brain” di Aimée Parker, Stefano Romano, Rebecca Ansorge, Asmaa Aboelnour, Gwenaelle Le Gall, George M. Savva, Matthew G. Pontifex, Andrea Telatin, David Baker, Emily Jones, David Vauzour, Steven Rudder, L. Ashley Blackshaw, Glen Jeffery e Simon R. Carding, 29 aprile 2022, Microbioma .
DOI: 10.1186/s40168-022-01243-w