La durata della vita umana è scritta nel nostro DNA

Il DNA è il progetto degli organismi viventi ed è proprio là che si cercano le informazioni sull'invecchiamento e sulla durata della vita.

0
2618

Di Benjamin Mayne

Gli esseri umani hanno una durata “naturale” di circa 38 anni, secondo un nuovo metodo che abbiamo sviluppato per stimare la durata della vita di diverse specie analizzando il loro DNA.

Estrapolando da studi genetici di specie con durata della vita nota, abbiamo scoperto che il mammut lanoso estinto probabilmente viveva intorno ai 60 anni e le balenidaepossono aspettarsi di godere di più di due secoli e mezzo di vita.

La nostra ricerca, pubblicata su Scientific Reports, ha esaminato il modo in cui il DNA cambia man mano che un animale invecchia e ha scoperto che varia da una specie all’altra ed è correlato alla durata della sua sopravvivenza.

Il mistero dell’invecchiamento

Il processo di invecchiamento è molto importante nella ricerca biomedica ed ecologica. Man mano che gli animali invecchiano, sperimentano un declino delle funzioni biologiche, che ne limita la durata. Fino ad ora è stato difficile determinare quanti anni un animale può vivere.



Il DNA è il progetto degli organismi viventi ed è proprio là che si cercano le informazioni sull’invecchiamento e sulla durata della vita. Tuttavia, nessuno è stato in grado di trovare differenze nelle sequenze di DNA che spiegano le differenze nella durata della vita.

La durata della vita tra i vertebrati varia notevolmente. Il ghiozzo pigmeo ( Eviota sigillata ) è un piccolo pesce che vive solo otto settimane, ma sono stati trovati singoli squali della Groenlandia (Somniosus microcephalus) che hanno vissuto per oltre 400 anni.

Conoscere la durata della vita degli animali selvatici è fondamentale per la gestione e la conservazione della fauna selvatica. Per le specie in pericolo, la durata della vita può essere utilizzata per capire quali popolazioni sono vitali. In settori come la pesca, la durata della vita viene utilizzata nei modelli di popolazione per determinare i limiti di cattura.

Tuttavia, la durata attesa della vita della maggior parte degli animali è sconosciuta. La maggior parte delle stime proviene da un piccolo numero di individui che vivono in cattività di cui erano note le età alla morte. Per le specie di lunga durata è difficile ottenere una durata in quanto potrebbero sopravvivere a una generazione di ricercatori.

Utilizzo dei cambiamenti nel DNA per misurare l’età

Negli ultimi anni i ricercatori hanno sviluppato “orologi” basati sul DNA che possono determinare quanti anni un animale sta usando un tipo speciale di cambiamento nel DNA chiamato metilazione del DNA.

Un nuovo studio mostra che la durata della vita di un animale è scritta nel DNA. Per gli umani, sono 38 anni
Usando l’analisi del DNA, gli scienziati possono ora stimare la durata della vita di specie estinte e di lunga vita. Credito: CSIRO, autore fornito

La metilazione del DNA non cambia la sequenza sottostante di un gene ma controlla se è attiva. Altri ricercatori hanno dimostrato che la metilazione del DNA in geni specifici è associata alla massima durata di vita di alcuni mammiferi come i primati.

Nonostante la metilazione del DNA sia legata all’invecchiamento e alla durata della vita, fino ad ora nessuna ricerca lo ha usato come metodo per stimare la durata della vita degli animali.

Nella nostra ricerca, abbiamo utilizzato 252 genomi (sequenze di DNA complete) di specie di vertebrati che altri ricercatori hanno assemblato e reso disponibili al pubblico in un database online. Abbiamo quindi confrontato questi genomi con un altro database di durata della vita animale nota.

Usando questi dati, abbiamo scoperto che potevamo stimare la durata della vita delle specie di vertebrati osservando dove si verifica la metilazione del DNA in 42 geni particolari. Questo metodo ci consente anche di stimare la durata della vita di specie estinte e di lunga vita.

Specie estinte

Abbiamo scoperto che la durata della vita della balena, ritenuta il mammifero più longevo del mondo, è di 268 anni. Questa stima è di 57 anni superiore a quella dell’individuo più anziano che è stato trovato tra questa specie, quindi potrebbe avere una durata di vita molto più lunga di quanto si pensasse in precedenza.

Abbiamo anche scoperto che il mammut lanoso estinto aveva una durata della vita di 60 anni, simile alla durata di 65 anni dell’elefante africano di oggi.

Secondo le nostre stime, la tartaruga gigante estinta dell’isola di Pinta viveva intorno ai 120 anni. L’ultimo membro di questa specie, Lonesome George, è morto nel 2012 all’età di 112 anni.

È interessante notare che abbiamo scoperto che i Neanderthal ed i Denisovans, che sono specie estinte strettamente legate agli umani moderni, avevano una durata massima della vita di 37,8 anni.

Sulla base del DNA, abbiamo anche stimato una durata della vita “naturale” nell’uomo moderno di 38 anni. Ciò corrisponde ad alcune stime antropologiche per gli esseri umani moderni. Tuttavia, oggi gli esseri umani possono essere un’eccezione a questo studio poiché i progressi nella medicina e nello stile di vita hanno prolungato la durata media della vita.

Fonte: The Conversation

2