Stato di minima coscienza e ultrasuoni

Gli sperimentatori hanno riscontrato un certo successo nell'utilizzo di ultrasuoni focalizzati a bassa intensità per "far ripartire" parti del cervello di persone in condizioni simili al coma, risvegliando alcune funzioni in pazienti in uno "stato di minima coscienza"

517

In futuro, grazie a una nuova tecnica, si potrebbe uscire da uno stato di minima coscienza, ovvero da uno stato di coma, grazie all’utilizzo degli ultrasuoni. La tecnica sembra essere in grado di riaccendere parti del cervello in pazienti che versano in uno stato di minima coscienza.

Gli sperimentatori hanno riscontrato un certo successo nell’utilizzo di ultrasuoni focalizzati a bassa intensità per “far ripartire” parti del cervello di persone in condizioni simili al coma, risvegliando alcune funzioni in pazienti che erano stati precedentemente in uno “stato di minima coscienza” (MCS).

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La tecnica utilizza la stimolazione a ultrasuoni per eccitare i neuroni nel talamo, una regione del cervello che dopo il coma si indebolisce. Tre pazienti in coma, in stato di minima coscienza sono stati trattati con 10 minuti di sessione di ultrasuoni una volta a settimana.

Durante la sperimentazione, un paziente non ha mostrato alcun miglioramento, mentre gli altri due hanno mostrato miglioramenti significativi. La ricerca si basa su risultati simili ottenuti nel 2016, che hanno coinvolto un paziente che si stava riprendendo da un intervento chirurgico e da un coma farmacologico. 

Nel nuovo studio, gli stati simili al coma erano durati molto più a lungo.

Una persona in uno stato di minima coscienza può mostrare segni di coscienza chiari ma incoerenti. Questi segni, come l’ammiccamento a comando o la veglia, sono generalmente sufficientemente sostenuti da non essere visti come un comportamento riflesso e aiutano a differenziare lo stato di coscienza minimo dal coma o dagli stati vegetativi.

“Considero questo nuovo risultato molto più significativo perché questi pazienti cronici avevano molte meno probabilità di riprendersi spontaneamente rispetto al paziente acuto che abbiamo trattato nel 2016 – e qualsiasi recupero si verifica in genere lentamente per diversi mesi o più tipicamente per anni, non per giorni e settimane, come mostriamo”, afferma il neuroscienziato Martin Monti, dell’Università della California, Los Angeles (UCLA).

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“È molto improbabile che i nostri risultati siano semplicemente dovuti al recupero spontaneo”.

Uno dei pazienti che ha risposto al trattamento è stato un uomo di 56 anni, che che si trovava in uno stato di minima coscienza da più di 14 mesi, incapace di comunicare. 

Dopo il trattamento, non solo poteva guardare verso le fotografie dei parenti quando venivano menzionati i loro nomi, ma poteva far cadere o afferrare una palla se gli veniva chiesto. Quando gli venivano poste semplici domande sulla sua identità, era in grado di rispondere scuotendo la testa.

Il secondo paziente che ha mostrato evidenti segni di progresso è una donna di 50 anni, che si trovava in uno stato di minima coscienza era in una MCS ancora più profonda da più di due anni e mezzo. Dopo le sessioni di ecografia, è stata in grado di comprendere la parola e riconoscere gli oggetti di base, tra cui una matita e un pettine.

Stato di minima coscienza le prossime cure

Secondo gli ideatori, la tecnica è sicura in quanto utilizza solo una piccola quantità di energia e non ci sono stati cambiamenti nella pressione sanguigna, nella frequenza cardiaca o nei livelli di ossigeno nel sangue dei pazienti in stato di minima coscienza.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Questo è quello che speravamo, ma è incredibile vederlo con i propri occhi”, Afferma Monti. “Vedere due dei nostri tre pazienti che erano stati in una condizione cronica migliorare in modo molto significativo entro pochi giorni dal trattamento è un risultato estremamente promettente”.

La ricerca tuttavia è ancora in una fase sperimentale. Mentre la donna di 50 anni ha mostrato un aumento della consapevolezza mesi dopo, le differenze rispetto al punto di partenza dello stato di minima coscienza non erano così significative. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Dopo alcuni mesi senza cure, l’uomo di 56 anni era tornato a qualcosa di simile allo stato di minima coscienza.

Se consideriamo l’unico paziente che non ha risposto affatto al trattamento, occorre cautela su quanto possa essere efficace la tecnica. Tuttavia, questi risultati sono molto incoraggianti: ci sono segni precisi che questo tipo di trattamento potrebbe aiutare alcuni pazienti a uscire dallo stato di minima coscienza in cui versano..

Il trattamento può essere applicato in un dispositivo di piccole dimensioni, utilizzabile anche a casa su pazienti che si trovano in stato di minima coscienza o in stato vegetativo da molto tempo.