Gli squali usano il campo magnetico terrestre come una mappa

I ricercatori hanno riportato sulla rivista Current Biology alcune delle prime prove concrete che anche gli squali si affidano ai campi magnetici per i loro spostamenti a lunga distanza attraverso il mare

0
438

Le tartarughe marine sono famose per fare affidamento sulle firme magnetiche per trovare la loro rotta attraverso migliaia di chilometri fino alle spiagge dove sono nate. Ora, i ricercatori hanno riportato sulla rivista Current Biology alcune delle prime prove concrete che anche gli squali si affidano ai campi magnetici per i loro spostamenti a lunga distanza attraverso il mare.

Non sappiamo come fanno gli squali a trovare la rotta durante le migrazioni“, ha affermato Bryan Keller, capo del progetto della Save Our Seas Foundation, del Coastal and Marine Laboratory della Florida State University. “Questa ricerca supporta la teoria secondo cui usano il campo magnetico terrestre per trovare la loro strada; è il GPS della natura.”

I ricercatori sapevano che alcune specie di squali viaggiano su lunghe distanze per raggiungere anno dopo anno luoghi molto specifici. Sapevano anche che gli squali sono sensibili ai campi elettromagnetici. Di conseguenza, gli scienziati hanno a lungo ipotizzato che gli squali utilizzino i campi magnetici per navigare. Ma la sfida era trovare un modo per testare questa ipotesi.

Ad essere onesti, sono sorpreso che abbia funzionato“, ha detto Keller. “Il motivo per cui questa domanda non ha avuto risposta per 50 anni è perché gli squali sono difficili da studiare“.

Lo studio sugli squali

Keller ha capito che gli studi necessari sarebbero stati più facili da fare sugli squali più piccoli. Avevano anche bisogno di controllare il ritorno ogni anno in luoghi specifici. Lui ei suoi colleghi hanno optato per il bonnethead (Sphyrna tiburo).



Il bonnethead ritorna negli stessi estuari ogni anno”, ha detto Keller. “Questo dimostra che gli squali sanno dov’è ‘casa’ sono capaci di tornarci da un luogo distante“.

La domanda quindi era se i bonnetheads gestissero quei viaggi di ritorno facendo affidamento su una mappa magnetica. Per scoprirlo, i ricercatori hanno utilizzato esperimenti di spostamento magnetico per testare 20 giovani bonnethead catturati in natura. 

Nei loro studi, hanno esposto gli squali a condizioni magnetiche che rappresentano luoghi a centinaia di chilometri di distanza da dove sono stati effettivamente catturati. Tali studi consentono previsioni dirette su come gli squali dovrebbero successivamente orientarsi se si affidassero effettivamente a segnali magnetici.

Questo video è un filmato di una prova sperimentale, in cui il comportamento di nuoto della testa cilindrica è influenzato dal campo magnetico che sta vivendo. Credito: Bryan Keller

Se gli squali ricavano informazioni sulla posizione dal campo geomagnetico, i ricercatori hanno previsto l’orientamento verso nord nel campo magnetico meridionale e l’orientamento verso sud nel campo magnetico settentrionale, poiché gli squali hanno tentato di compensare lo spostamento percepito. 

Non hanno notato alcuna preferenza di orientamento quando gli squali sono stati esposti al campo magnetico corrispondente al loro sito di cattura. E, si è scoperto, gli squali hanno agito come avevano previsto quando esposti a campi nel loro raggio d’azione naturale.

I ricercatori suggeriscono che questa capacità di navigare in base ai campi magnetici possa contribuire alla struttura della popolazione degli squali. I risultati sui bonnethead probabilmente aiutano a spiegare le imprese impressionanti di altre specie di squali

Ad esempio, è stato documentato che un grande squalo bianco è migrato tra il Sud Africa e l’Australia, tornando nella stessa esatta posizione l’anno successivo.

Quanto è bello che uno squalo possa nuotare per 20.000 chilometri tra andata e ritorno in un oceano tridimensionale e tornare nello stesso sito?” Ha chiesto Keller. “È davvero strabiliante. In un mondo in cui le persone usano il GPS per navigare quasi ovunque, questa capacità è davvero notevole“.

In studi futuri, Keller intende esplorare gli effetti dei campi magnetici da fonti antropiche come i cavi sottomarini sugli squali. Vorrebbe anche studiare se e come gli squali si affidano ai segnali magnetici non solo durante la migrazione a lunga distanza ma anche durante il loro comportamento quotidiano.

Riferimento: “Map-like use of Earth’s magnetic field in sharks” di Bryan A. Keller, Nathan F. Putman, R. Dean Grubbs, David S. Portnoy e Timothy P. Murphy, 6 maggio 2021, Current Biology .
DOI: 10.1016 / j.cub.2021.03.103

2