Solar Orbiter cattura mini brillamenti solari chiamati “fuochi” sparsi sulla sua superficie

La sonda Solar Orbiter è riuscita a catturare le immagini più vicine mai viste della superficie solare, dalle quali si scorgono mini brillamenti solari, chiamati "fuochi"

636

Solar Orbiter, una sonda dell’Agenzia spaziale europea (ESA) progettata e costruita nel Regno Unito, è riuscita a catturare le immagini più ravvicinate di sempre al Sole che hanno rivelato mini brillamenti solari chiamati “fuochi” sparsi sulla sua superficie. Gli scienziati sostengono che le immagini potrebbero far luce sul misterioso processo che permette allo strato esterno della stella di essere molto più caldo degli strati sottostanti.

Il veicolo spaziale si trovava a 75.639.168 km dalla superficie del sole e passava tra le orbite di Venere e Mercurio. David Berghmans del Royal Observatory of Belgium ha dichiarato: “Quando sono arrivate le prime immagini, il primo pensiero è stato che non era possibile, non potevano essere così buone, invece è stato davvero molto meglio di quello che abbiamo osato sperare“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I brillamenti solari sono improvvisi lampi di radiazioni ad alta energia dalla superficie del Sole, che possono causare disturbi magnetici sulla Terra. La dott.ssa Caroline Harper, responsabile della scienza spaziale presso l’Agenzia spaziale britannica, ha affermato che gli scienziati erano entusiasti della presenza di fuochi “milioni di volte più piccoli dei brillamenti solari“.

 “Non sappiamo davvero cosa stiano facendo (i fuochi), ma si ipotizza che potrebbero avere un ruolo nel riscaldamento coronale, un processo misterioso in base al quale lo strato esterno del sole, noto come corona, è molto più caldo (circa 300 volte) rispetto ai livelli sottostanti.Questi fuochi potrebbero contribuire a questo fenomeno in un modo che non conosciamo ancora“. Ha spiegato la scienziata.

Il mistero del perché la corona del Sole sia così calda persiste da anni. Daniel Müller, scienziato del progetto Solar Orbiter dell’ESA ha dichiarato: “La corona del Sole è un po’ contro-intuitiva perché penseresti che se avessi un corpo relativamente freddo al centro, sarebbe ancora più fresco quanto più vai all’esterno, ma al contrario, noi abbiamo un nucleo caldo, una superficie relativamente fresca di appena circa 5.500 gradi circondata da un’atmosfera super calda di oltre un milione di gradi”.

“A metà giugno, Solar Orbiter ha fatto il suo primo passaggio ravvicinato del Sole dopo il lancio del 9 febbraio, accendendo tutti i 10 gli strumenti contemporaneamente per la prima volta”, ha dichiarato la NASA in un comunicato sul suo sito web. Dopo il lancio, Solar Orbiter ha effettuato il suo primo transito ravvicinato al Sole verso metà giugno, nonostante la squadra abbia affrontato battute d’arresto a causa della pandemia da covid19.

Quando l’astronave è entrata in una fase critica della missione a marzo, l’ESA è stata costretta a chiudere i centri operativi che avevano attrezzature di misurazione vitali e rimandare il personale a casa mentre la Terra andava in lockdown. José Luis Pellón Bailón, vicedirettore delle operazioni spaziali presso l’ESA, ha dichiarato che l’intera squadra era preoccupata per la missione all’inizio della quarantena. Bailón ha affermato: “Abbiamo dovuto interrompere la commissione per quasi 10 giorni e ripianificare tutto“, ma ha aggiunto: “È stato impegnativo ma l’abbiamo fatto funzionare”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le immagini sono quelle più vicine al Sole mai catturate: “Non abbiamo mai fotografato il Sole da più vicino di così”, ha detto Müller: “Ci sono stati primi piani ad alta risoluzione, ad esempio presi dal Daniel K. Inouye Solar Telescope da quattro metri delle Hawaii all’inizio di quest’anno. Ma dalla Terra, con l’atmosfera tra il telescopio e il sole, puoi osservare solo una piccola parte dello spettro solare che puoi vedere dallo spazio”.

Gli scienziati ora sperano di scoprire di più monitorando le temperature di questi fuochi grazie ad uno strumento sul veicolo spaziale noto come Spectral Imaging of the Coronal Environment, o SPICE. Il Solar Orbiter aiuterà anche gli scienziati a mettere insieme gli strati atmosferici del Sole e ad analizzare il vento solare, il flusso di particelle altamente energetiche emesse dalla stella. Sperano di riuscire a fare previsioni sul tempo spaziale proprio come facciamo noi sulla Terra.

Una forte attività solare ha il potenziale per danneggiare i satelliti in orbita e interrompere l’infrastruttura le Terra su cui fanno affidamento i telefoni cellulari, i trasporti, i segnali GPS e le reti elettriche. “La scienza ci permetterà di iniziare a migliorare la nostra capacità operativa di prevedere il tempo spaziale, proprio come viene previsto il tempo qui sulla Terra”, ha aggiunto il dott. Harper.

L’astronave si avvicinerà al Sole ogni cinque mesi, e alla sua distanza più vicina sarà a soli 45 milioni di chilometri di distanza, più vicina del pianeta Mercurio. Utilizzerà la forza gravitazionale di Venere e della Terra per regolare la sua traiettoria, prima di entrare in orbita operativa nel novembre 2021.

Sami Solanki, direttore dell’Istituto Max Planck per la ricerca sul sistema solare, ha dichiarato: “Ci saranno molte cose nuove da imparare dai poli solari, una delle cose che mi entusiasma di più è che sappiamo che il campo magnetico è responsabile di tutta l’attività che il sole produce ma non sappiamo come viene prodotto il campo magnetico stesso. Sappiamo però che i poli svolgono un ruolo chiave”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il Solar Orbiter è stato costruito da Airbus a Stevenage e lanciato dal sito di Cape Canaveral della Nasa in Florida il 10 febbraio. È stato progettato per resistere al caldo torrido del Sole che ne colpirà un lato, mantenendo temperature da congelamento sul lato opposto. Il dott. Harper ha dichiarato: “Per me, questa missione mette in mostra il ruolo di leader mondiale del Regno Unito nella ricerca della fisica solare e le sue capacità nel settore spaziale industriale”.