Nucleare: dieci anni dopo Fukushima, la sicurezza è ancora la sfida più grande

Le analisi effettuate successivamente all'incidente hanno concluso che quello di Fukushima è stato un incidente causato dall'uomo, innescato da pericoli naturali, che avrebbe potuto e dovuto essere evitato. Gli esperti hanno ampiamente concordato sul fatto che le cause alla radice dell'incidente sono da ricercarsi nella scarsa supervisione normativa in Giappone e una cultura della sicurezza inefficace nella gestione dell'impianto nucleare

720

Dieci anni fa, l’11 marzo 2011, il più grande terremoto registrato nella storia giapponese ha colpito la costa nord-orientale del paese. È stato seguito da uno tsunami che ha viaggiato fino a 10 chilometri nell’entroterra, raggiungendo altezze di oltre 43,3 metri in alcune aree e spazzando via intere città in pochi secondi.

Questo disastro ha lasciato quasi 20.000 persone morte o disperse. Ha anche distrutto la centrale nucleare di Fukushima Daiichi e rilasciato materiali radioattivi su una vasta area. L’incidente ha provocato evacuazioni, ingenti perdite economiche e la chiusura di tutte le centrali nucleari in Giappone. Un decennio dopo, l’industria nucleare deve ancora affrontare completamente i problemi di sicurezza che Fukushima ha esposto.

Le analisi effettuate successivamente all’incidente hanno concluso che quello di Fukushima è stato un incidente causato dall’uomo, innescato da pericoli naturali, che avrebbe potuto e dovuto essere evitato. Gli esperti hanno ampiamente concordato sul fatto che le cause alla radice dell’incidente sono da ricercarsi nella scarsa supervisione normativa in Giappone e una cultura della sicurezza inefficace nella gestione dell’impianto nucleare.

Fukushima Daiichi, Chernobyl e Three Mile Island, cosa fare per un nucleare sicuro?

Il disastro del 2011 ha inflitto un devastante uno-due allo stabilimento di Fukushima. In primo luogo, il terremoto di magnitudo 9.0 ha interrotto l’energia elettrica. Successivamente, lo tsunami ha violato la diga che proteggeva l’impianto dal mare e ha sommerso parti del sito.

L’inondazione ha disabilitato le funzioni di monitoraggio, controllo e raffreddamento in più unità del complesso a sei reattori. Nonostante gli sforzi eroici dei lavoratori dell’impianto, tre reattori hanno subito gravi danni ai loro nuclei radioattivi e tre edifici del reattore sono stati danneggiati da esplosioni di idrogeno.

I rilasci fuori sito di materiali radioattivi hanno contaminato il terreno a Fukushima e in diverse prefetture vicine. Circa 165.000 persone hanno lasciato l’area e il governo giapponese ha stabilito una zona di esclusione attorno allo stabilimento che si estendeva per oltre 807 chilometri quadrati nella sua fase più ampia.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per la prima volta nella storia del Giappone democratico costituzionale, il parlamento giapponese ha approvato una legge per creare una commissione nazionale indipendente per indagare sulle cause profonde di questo disastro. Nel suo rapporto, la Commissione ha concluso che la Commissione giapponese per la sicurezza nucleare non è mai stata indipendente dall’industria, né dal potente Ministero dell’Economia, del Commercio e dell’Industria, che promuove l’energia nucleare.

Da parte sua, l’operatore dell’impianto Tokyo Electric Power Company, o TEPCO, aveva una storia di disprezzo per la sicurezza. L’azienda aveva da poco rilasciato una valutazione, piena di errori, sui pericoli di uno tsunami a Fukushima che sottovalutava notevolmente i rischi.

Gli eventi presso la centrale nucleare di Onagawa, situata a 64 chilometri da Fukushima, hanno raccontato una storia contrastante. Onogawa, che era di proprietà e gestita dalla Tohoku Electric Power Company, era più vicina all’epicentro del terremoto ed è stata colpita da uno tsunami ancora più grande. I suoi tre reattori in funzione erano dello stesso tipo e annata di quelli di Fukushima ed erano soggetti alla stessa debole supervisione normativa.

Ma Onogawa rimase in sicurezza e sostanzialmente intatta. Probabilmente, ciò fu dovuto al fatto che la Tohoku aveva una cultura della sicurezza proattiva e radicata. L’azienda aveva acquisito esperienza da terremoti e tsunami avvenuti altrove, incluso un grave disastro in Cile nel 2010, e ha continuamente migliorato le sue contromisure, mentre la TEPCO ha trascurato e ignorato questi avvertimenti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Quando un’industria regolamentata riesce a persuadere, controllare o manipolare le agenzie che la sovrintendono, rendendole incapaci e sottomesse, il risultato è noto come acquisizione normativa. Come concludeva il rapporto NAIIC, Fukushima è un esempio da manuale.

Le autorità di regolamentazione giapponesi “non hanno monitorato o supervisionato la sicurezza nucleare … Hanno evitato le loro responsabilità dirette consentendo agli operatori di applicare le normative su base volontaria”, osserva il rapporto.

Una regolamentazione efficace è necessaria per la sicurezza nucleare. Le utility devono avere culture interne della sicurezza, un insieme di caratteristiche e atteggiamenti che fanno delle questioni di sicurezza una priorità assoluta. Per un’industria, la cultura della sicurezza funziona come il sistema immunitario del corpo umano, proteggendolo dagli agenti patogeni e respingendo le malattie.

Un impianto che promuove una cultura positiva della sicurezza incoraggia i dipendenti a porre domande e ad applicare un approccio rigoroso e prudente a tutti gli aspetti del loro lavoro. Promuove inoltre comunicazioni aperte tra i lavoratori di linea e la direzione. Ma la cultura della TEPCO rifletteva una mentalità giapponese che enfatizza la gerarchia e l’acquiescenza e scoraggia il fare domande.

Vi sono ampie prove che fattori umani come gli errori dell’operatore e la scarsa cultura della sicurezza abbiano svolto un ruolo fondamentale in tutti e tre i principali incidenti che si sono verificati nelle centrali nucleari: Three Mile Island negli Stati Uniti nel 1979, Chernobyl in Ucraina nel 1986 e Fukushima Daiichi nel 2011. A meno che le nazioni nucleari non facciano meglio su entrambi i fronti, è probabile che questo elenco crescerà.

Molti sostenitori del nucleare ritengono che alla luce della minaccia del cambiamento climatico e della crescente necessità di una generazione di elettricità di carico di base priva di emissioni di carbonio, l’energia nucleare dovrebbe svolgere un ruolo nel futuro mix energetico del mondo. Altri chiedono l’abolizione del nucleare.

Ma questo potrebbe non essere fattibile nel prossimo futuro.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

A nostro avviso, la priorità più urgente dovrebbe essere lo sviluppo di standard di sicurezza nucleare rigorosi e orientati al sistema, forti culture della sicurezza e una cooperazione molto più stretta tra i paesi e le loro autorità di regolamentazione indipendenti.

La lezione più cruciale che dovremmo apprendere è la necessità di contrastare il nazionalismo nucleare e l’isolazionismo. Garantire una stretta cooperazione tra i paesi che sviluppano progetti nucleari è essenziale oggi poiché le forze del populismo, del nazionalismo e dell’antiglobalizzazione si diffondono.

Inoltre, che l’Agenzia internazionale per l’energia atomica, la cui missione è promuovere usi sicuri, protetti e pacifici dell’energia nucleare, dovrebbe sollecitare i suoi Stati membri a trovare un equilibrio tra la sovranità nazionale e la responsabilità internazionale quando si tratta di far funzionare i reattori nucleari nei loro territori.

Come hanno insegnato al mondo Chernobyl e Fukushima, la ricaduta di radiazioni non si ferma ai confini nazionali.

Per cominciare, i paesi del Golfo Persico dovrebbero mettere da parte le dispute politiche e riconoscere che con l’avvio di una centrale nucleare negli Emirati Arabi Uniti e di altre pianificate in Egitto e Arabia Saudita, hanno un interesse comune per la sicurezza nucleare e la risposta collettiva alle emergenze. L’intera regione è vulnerabile alle ricadute di radiazioni e alla contaminazione dell’acqua da un incidente nucleare che avvenisse in qualsiasi parte del Golfo .

Crediamo che il mondo sia ancora fermo nello stesso momento in cui ha dovuto affrontare nel 1989, quando l’allora Sen. Joseph R. Biden Jr. avanzò questa argomentazione percettiva:

Un decennio fa, Three Mile Island è stata la scintilla che ha acceso la pira funeraria per una fonte di energia un tempo promettente. Poiché l’industria nucleare chiede alla nazione un secondo sguardo nel contesto del riscaldamento globale, è giusto osservare come i suoi sostenitori rispondono a una maggiore sorveglianza sulla sicurezza. Questa sarà la misura del fatto che l’energia nucleare diventi una fenice o una specie estinta“.