Il senso di affaticamento dopo il COVID è un vero problema. 5 cose che puoi fare al riguardo

Molte persone si ritrovano a provare un senso di affaticamento e di stanchezza abnorme dopo l'infezione da Covid-19

0
657

Molte persone si ritrovano a provare un senso di affaticamento e di stanchezza abnorme dopo l’infezione da Covid-19. Il senso di affaticamento è più che essere sfiniti o assonnati. E’ una stanchezza eccessiva che persiste nonostante il riposo o un buon sonno. È probabilmente il risultato della forte risposta immunitaria del nostro corpo al virus.

L’evidenza è che in alcune persone questo senso di affaticamento si trascina anche quando l’infezione è scomparsa. Questo può essere debilitante e frustrante. Limitarsi a riposare più spesso e più a lungo non sembra fare differenza.

Ecco cosa sappiamo sulla stanchezza post-COVID e cosa può aiutare.

Fatica o stanchezza? Qual è la differenza?

Il termine fatica può significare cose diverse per persone diverse. Alcune persone riferiscono di sentirsi prive di forza. Salire una semplice rampa di scale fa sentire come se si fosse corsa una maratona.

Altri descrivono un esaurimento generalizzato, che si muovano o meno. Le persone possono provare affaticamento fisico, mentale o emotivo o qualsiasi combinazione di questi.

La differenza tra stanchezza e affaticamento è questa: la stanchezza può migliorare con un sufficiente riposo, mentre la fatica persiste anche se si dorme e si riposa a lungo.



Quanto è grande questo problema?

Poiché non esiste una definizione concordata di stanchezza post-COVID, è impossibile fornire numeri esatti di quante persone la sperimentano. Le stime variano considerevolmente in tutto il mondo. Una revisione di 21 studi ha rilevato che il 13-33% delle persone ha dichiarato di sentirsi affaticate per 16-20 settimane dopo l’inizio dei sintomi. Questo è un problema estremamente diffuso.

Quando devo vedere il mio medico di famiglia?

Ci sono molte potenziali cause di affaticamento. Anche prima della pandemia, la stanchezza era uno dei motivi più comuni che spingevano la gente a rivolgersi al medico di famiglia. Le cause più gravi possono essere escluse quando il tuo medico di famiglia chiede dei tuoi sintomi e ti visita. A volte il tuo medico indagherà ulteriormente, magari ordinando esami del sangue.

I sintomi che dovrebbero destare particolare preoccupazione includono febbre, perdita di peso inspiegabile, sanguinamento o lividi insoliti, dolore (ovunque) che ti sveglia dal sonno o sudorazione notturna profusa. Se la tua stanchezza sta peggiorando anziché migliorare, o non riesci a prenderti cura di te stesso in modo adeguato, dovresti davvero cercare assistenza medica.

Ha a che fare con il Long Covid?

All’inizio della pandemia, ci siamo resi conto che alcuni pazienti avevano un gruppo di sintomi debilitanti che si trascinavano per mesi, che ora chiamiamo Long COVID. Circa l’85% dei pazienti con COVID lungo soffre di affaticamento, il che lo rende uno dei sintomi di COVID lungo più comuni.

Tuttavia, le persone con COVID lungo hanno una serie di altri sintomi, come “confusione cerebrale”, mal di testa e dolori muscolari. I pazienti con COVID lungo quindi sperimentano più della fatica e talvolta non hanno affatto stanchezza.

È come la sindrome da stanchezza cronica?

Sapevamo della sindrome da stanchezza cronica, altrimenti nota come encefalomielite mialgica, ben prima del COVID. Spesso si sviluppa dopo un’infezione virale (ad esempio dopo l’infezione di virus di Epstein-Barr). Quindi, comprensibilmente, si teme che il coronavirus potrebbe scatenare la sindrome da stanchezza cronica. Ci sono sorprendenti somiglianze tra la sindrome da stanchezza cronica e il long COVID. Entrambi comportano affaticamento debilitante, nebbia cerebrale e/o dolori muscolari.

Ma in questa fase, i ricercatori stanno ancora cercando di distinguere tra affaticamento post-COVID, long COVID e sindrome da stanchezza cronica.

Per ora, sappiamo che molte persone avranno affaticamento post-COVID ma per fortuna non svilupperanno una sindrome da long COVID o da stanchezza cronica.

Cosa mi aiuta a gestire la mia fatica?

Aspettati che tu o una persona cara possiate sviluppare affaticamento post-COVID, indipendentemente dall’avere avuto o non avuto sintomi durante l’effettiva infezione.

Le statistiche dicono che i vaccini aiutano a ridurre il rischio di affaticamento post-COVID riducendo in primo luogo la possibilità di contrarre il COVID. Le persone vaccinate che contraggono il COVID hanno meno probabilità di segnalare stanchezza e hanno meno probabilità di sviluppare il long COVID.

Tuttavia, la vaccinazione non è protettiva al 100% e ci sono molte persone completamente vaccinate che sviluppano affaticamento a lungo termine.

Sono state individuate alcune pratiche che aiutano ad affrontare l’affaticamento post-covid:

1. Rilassati: regola il ritorno alle normali attività ai tuoi livelli di energia. Scegli le tue priorità e concentrati su ciò che puoi fare senza strafare.

2. Ritornare all’esercizio gradualmente: un graduale ritorno alle attività normali può aiutare il recupero, ma potrebbe essere necessario un supporto su come gestire o evitare la fatica in seguito. Alcuni terapisti – terapisti occupazionali, fisioterapisti e fisiologi dell’esercizio – sono specializzati in questo.

3. Dai la priorità al sonno: invece di sentirti in colpa per aver voglia di dormire tanto, ricorda a te stesso che mentre dormi, il tuo corpo conserva energia e guarisce. I modelli di sonno interrotti sono uno sfortunato sintomo di COVID. Avere una buona ora di coricarsi, mentre si riposa anche quando ci si sente stanchi durante il giorno, è importante.

4. Mangia cibi nutrienti: la perdita di olfatto, gusto e appetito a causa del COVID può renderlo complicato. Tuttavia, cerca di vedere il cibo come un modo per alimentare il tuo corpo sia con l’energia che con i micronutrienti di cui ha bisogno per guarire. Fai attenzione a non spendere una fortuna in “rimedi” non provati che spesso funziona in piccoli studi, ma i risultati di ricerche più solide fanno poca differenza.

5. Monitora la tua fatica: tieni un diario per monitorare la tua fatica e cerca un miglioramento graduale. Avrai giornate buone e giornate brutte, ma nel complesso dovrebbe esserci una traiettoria lenta verso il recupero. Se le cose peggiorano, chiedi consiglio a un professionista della salute, come il tuo medico di famiglia.La conversazione

2