Scoperti nel Tirreno i segni di antiche forti eruzioni del Marsili

Il Marsili è un vulcano sottomarino localizzato nel Tirreno meridionale e appartenente all'arco insulare Eoliano. Si trova a circa 140 km a nord della Sicilia e a circa 150 km a ovest della Calabria ed è il più esteso vulcano d'Europa. È stato indicato come potenzialmente pericoloso, perché potrebbe innescare un maremoto che interesserebbe le coste tirreniche meridionali

0
225
Scoperti nel Tirreno i segni di antiche forti eruzioni del Marsili
Scoperti nel Tirreno i segni di antiche forti eruzioni del Marsili

Quattro giganteschi depositi di sedimenti sottomarini – o “megabeds” – scoperti nel bacino occidentale del vulcano sottomarino Marsili, posto nel mar Tirreno tra Sicilia, Calabria e Campania, sono le prove di una serie di supereruzioni che risalgono a circa 50.000 anni fa.

Un team della Ohio State University negli Stati Uniti e dell’Istituto di scienze marine (CSIC) in Spagna ha scoperto i depositi di sedimenti attraverso indagini di campionamento acustico. Hanno quindi prelevato campioni dal fondale marino per dare un’occhiata più da vicino.

Sebbene tutta quell’area sia nota da sempre per la sua attività vulcanica, i ricercatori ritengono che questi particolari depositi siano stati lasciati dalla supereruzione dell’Ignimbrite Campana (CI) più a nord, una supereruzione che all’epocà influenzò pesantemente il clima e gli ecosistemi del nostro pianeta.
Megaletti del vulcano
Quattro nuovi megabed sono stati scoperti al largo delle coste italiane. (Sawyer et al., Geologia , 2023)

Questa è la parte d’Italia, i Campi Flegrei, dove si trova il Vesuvio ed è ancora un’area molto attiva dal punto di vista vulcanico, quindi è un pericolo noto e continuamente monitorato“, afferma il geofisico Derek Sawyer della Ohio State University.

Studi di geoscienza marina come questi, servono per aiutare a comprendere gli eventi eruttivi passati per aiutare nello sforzo di costruire comunità resilienti che abbiano quante più informazioni possibili per evitare di essere sfollate“.

Tre dei megabeds sono costituiti da strati alternati di sabbia e fango vulcanoclastici, hanno scoperto i ricercatori, mentre il quarto mostra prove di un flusso di detriti vulcanoclastici più denso, il che concorda con l’idea che li abbia causati una supereruzione.

La scoperta di questi megabeds fornisce ai geologi molte informazioni utili sull’impatto dei precedenti grandi eventi vulcanici e su ciò che potrebbe accadere dopo. Ad esempio, le eruzioni più intense, che causano un flusso di materiale più denso, hanno un impatto più immediato e a breve termine sull’ambiente.

Negli ultimi anni, gli esperti tra gli esperti è aumentata la preoccupazione che i vulcani dormienti di questa zona – incluso il grande vulcano sottomarino a circa 175 chilometri a sud di Napoli chiamato Marsili – potrebbero tornare in vita, sulla base delle letture del magma sotterraneo.



Dobbiamo essere cauti riguardo a queste previsioni, ma per essere preparati sono necessarie ulteriori ricerche“, afferma Sawyer. Dalle misurazioni effettuate sui megabed, i ricercatori ritengono che vengano creati ogni 10.000-15.000 anni. Tuttavia, non tutti gli eventi vulcanici producono un megabed.

Nel 2002, l’eruzione del vulcano mediterraneo Stromboli ha liberato uno tsunami che ha formato un letto di materiale spesso appena 10 centimetri. Non è chiaro cosa potrebbe portare alla creazione di megabed di decine di metri di spessore.

Sebbene il Monte Marsili sia in gran parte sommerso dal Mediterraneo, oggi un’eruzione comporterebbe pericoli significativi derivanti dagli tsunami e una serie di effetti a catena sull’ecologia.

I megabeds sono componenti importanti dei bacini di acque profonde e si ritiene che siano il risultato di grandi eventi catastrofici“, spiega Sawyer. “Quindi studiarli può servire a creare un importante archivio su come questi eventi hanno influenzato la Terra“.

La ricerca è stata pubblicata su Geology.

Indice

Il Marsili

Il Marsili è un vulcano sottomarino localizzato nel Tirreno meridionale e appartenente all’arco insulare Eoliano. Si trova a circa 140 km a nord della Sicilia e a circa 150 km a ovest della Calabria ed è il più esteso vulcano d’Europa. È stato indicato come potenzialmente pericoloso, perché potrebbe innescare un maremoto che interesserebbe le coste tirreniche meridionali.

I fenomeni vulcanici sul monte Marsili sono tuttora attivi e sui fianchi si stanno sviluppando numerosi apparati vulcanici satellitari. I magmi del Marsili sono simili per composizione a quelli rilevati nell’arco Eoliano, la cui attività vulcanica è attribuita alla subduzione dell’antica crosta Tetidea (subduzione Ionica). Si stima che l’età d’inizio dell’attività vulcanica del Marsili sia inferiore a 200.000 anni. Sono state inoltre rilevate tracce di collassi di materiale dai fianchi di alcuni dei vulcani sottomarini i quali potrebbero aver causato maremoti nelle regioni costiere tirreniche dell’Italia meridionale.

Assieme al Magnaghi, al Vavilov e al Palinuro, il Marsili è inserito fra i vulcani sottomarini pericolosi del mar Tirreno. Mostra, come già avvenuto per il Vavilov, il rischio di un esteso collasso in un unico evento di un crinale del monte. Inoltre, rilievi idrogeologici fatti in acque profonde indicano attività geotermica in corso per il Marsili insieme a quella di: Enareta, Eolo, Sisifo, la Secca del Capo e altre fonti idrotermali profonde del Tirreno meridionale.

2