14 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeVisioni del futuroPotremmo salvare la Terra dall'impatto con un asteroide in soli 6 mesi?

Potremmo salvare la Terra dall’impatto con un asteroide in soli 6 mesi?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

E se un asteroide lungo 6,5 miglia (10 km) si stesse dirigendo dritto verso la Terra, con una collisione catastrofica che ci ucciderebbe tutti in soli sei mesi? Cosa faremmo?

Questa è la trama del recente blockbuster fantascientifico di Netflix “Don’t Look Up“. Il film segue due astronomi, interpretati da Leonardo DiCaprio e Jennifer Lawrence, mentre cercano freneticamente di avvertire il mondo di un destino imminente e persuadere i politici a intraprendere le azioni necessarie per evitare il disastro, solo per essere accolti con assoluta indifferenza.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’asteroide e l’apatia del pubblico nei suoi confronti è un’allegoria dell’inazione del mondo di fronte al riscaldamento globale, ma ora due fisici hanno adottato un approccio più letterale alla domanda centrale del film, indagando se abbiamo i mezzi e la tecnologia disponibili oggi per scongiurare una tale catastrofe.

La risposta? Da un punto di vista strettamente tecnico, sembra di sì.

Nel loro articolo, che è stato pubblicato sul server di prestampa Arxiv, Philip Lubin e Alex Cohen dell’Università della California, Santa Barbara hanno scritto: “Mostriamo che l’umanità ha varcato una soglia tecnologica per impedirci di seguire la strada dei dinosauri”.

Cosa ci vorrebbe per fermare un asteroide?

Per fermare un asteroide di queste dimensioni in meno di sei mesi, i ricercatori pensano che dovremmo usare dispositivi nucleari per “smontare” l’oggetto. E questo è apparentemente fattibile con meno del 10 per cento dell’attuale arsenale nucleare mondiale.

I dispositivi nucleari, che verrebbero posizionati su 1.000 penetratori a forma di giavellotto, potrebbero essere lanciati sul sistema di lancio spaziale della NASA o sul veicolo riutilizzabile Starship di SpaceX , ad esempio, che sono ancora entrambi in fase di sviluppo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Tuttavia, poiché il lancio dovrebbe aver luogo cinque mesi prima che si prevedesse l’impatto dell’asteroide, avremmo solo un mese per prepararci. Se fossimo riusciti a rispettare la rigida scadenza, i penetratori avrebbero raggiunto il loro obiettivo un mese prima della data dell’impatto.

Solo questo piano ci darebbe la migliore opportunità per frantumare l’asteroide in pezzi abbastanza piccoli e spostarlo per lo più fuori dal percorso della Terra.

Secondo Detlef Koschny, il capo ad interim dell’ufficio di difesa planetaria dell’ESA, l’idea sembra ragionevole; tuttavia, non è sicuro se avremmo abbastanza tempo per attuare questo piano. “Anche se ci sono abbastanza ordigni esplosivi nucleari, dovresti comunque farli salire su un razzo in quattro settimane” , ha dichiarato al New Scientist. “Non vedo come possa succedere”.

Ma dovremmo davvero preoccuparci? Beh, non proprio, dal momento che le possibilità di una simile situazione di chiamata alle armi sono piuttosto scarse. “Non c’è nulla di cui  preoccuparci almeno per i prossimi 100 anni”, ha osservato Áine O’Brien dell’Università di Glasgow, “ma è sempre interessante leggere questo tipo di cose”.

Uno scenario tipo armageddon?

I ricercatori hanno anche considerato cosa sarebbe necessario per reindirizzare un asteroide delle dimensioni del Texas, con un diametro di circa 830 km.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Cosa farersti adesso?” hanno chiesto.

Tuttavia, siamo ottimisti sul fatto che un sistema di difesa planetario completo sia realizzabile anche per pericoli esistenziali a breve termine come questo. “Idealmente, non dovremmo mai trovarci in questa situazione”, hanno detto i ricercatori, “ma meglio pronti che morti”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sebbene l’articolo offra una prospettiva interessante sulla trama di “Don’t Look Up”, alcuni scienziati ne erano tutt’altro che entusiasti, con il consulente senior per la scienza e l’esplorazione dell’ESA, Mark McCaughrean, che si è spinto fino a descrivere il lavoro come “nerd delle bolle spaziali”.

“Rispondi alla domanda tecnica, ma perdi completamente il senso del film, ovvero che il consiglio degli scienziati viene regolarmente ignorato”, ha scritto McCaughrean su Twitter. “Soprattutto quando il vero disastro sta accadendo ora e in un modo che è troppo lento e noioso perché le persone se ne preoccupino”.

Articoli più letti