L’annuncio ufficiale: prodotta più energia di quanta ne è stata consumata in una reazione di fusione nucleare

Per la prima volta, gli scienziati statunitensi hanno prodotto più energia dalla fusione rispetto all'energia laser utilizzata per alimentare l'esperimento.

0
852
USA: svolta nella fusione nucleare, domani l'annuncio ufficiale
USA: svolta nella fusione nucleare, domani l'annuncio ufficiale

I funzionari del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti hanno annunciato un risultato storico nella ricerca sulla fusione nucleare: per la prima volta, gli scienziati statunitensi hanno prodotto più energia dalla fusione rispetto all’energia laser utilizzata per alimentare l’esperimento.

Il cosiddetto “guadagno netto di energia” è una pietra miliare sul cammino del tentativo decennale di ottenere energia pulita e illimitata dalla fusione nucleare, la reazione che si verifica quando due o più atomi vengono fusi insieme. L’esperimento ha immesso 2,05 megajoule di energia sul bersaglio e ha prodotto 3,15 MJ di energia di fusione, generando oltre il 50% di energia in più rispetto a quella immessa. È la prima volta che un esperimento ha prodotto un guadagno così significativo di energia.

“Questa monumentale svolta scientifica è una pietra miliare per il futuro dell’energia pulita”, ha affermato il senatore democratico Alex Padilla della California.

La svolta è riuscita ad un team di ricercatori operanti presso il National Ignition Facility del Lawrence Livermore National Laboratory in California il 5 dicembre, una struttura delle dimensioni di uno stadio sportivo e dotata di 192 laser.

Il segretario all’Energia degli Stati Uniti Jennifer Granholm ha definito la svolta un “risultato fondamentale“.

Nella dichiarazione, Granholm ha affermato che gli scienziati di Livermore e di altri laboratori nazionali svolgono un lavoro che aiuterà gli Stati Uniti “a risolvere i problemi più complessi e urgenti dell’umanità, come fornire energia pulita per combattere il cambiamento climatico e mantenere un deterrente nucleare senza test nucleari“.

La direttrice di Livermore, la dott.ssa Kim Budil, ha definito i tentativi degli scienziati di realizzare l’accensione per fusione in laboratorio “una delle sfide scientifiche più significative mai affrontate dall’umanità” e ha elogiato il lavoro degli scienziati del suo laboratorio.



Raggiungerlo è un trionfo della scienza, dell’ingegneria e, soprattutto, delle persone“, ha affermato Budil in una nota. “Varcare questa soglia è la visione che ha guidato 60 anni di dedizione alla ricerca. Questi sono i problemi che i laboratori nazionali statunitensi sono stati creati per risolvere”.

Siamo ancora molto lontani dall’avere energia elettrica derivata dalla fusione nella rete elettrica, per non parlare di una centrale elettrica stessa. Il progetto statunitense, sebbene rivoluzionario, ha prodotto solo energia sufficiente per far bollire circa 2,5 litri d’acqua, come ha spiegato Tony Roulstone, un esperto di fusione del Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Cambridge.

Potrebbe non sembrare molto, ma l’esperimento è estremamente significativo perché gli scienziati hanno dimostrato che possono effettivamente creare più energia di quella consumata.

“Questo è molto importante perché dal punto di vista energetico, non può esserci una fonte di energia se non si ottiene più energia di quella che si immette”, ha detto alla CNN Julio Friedmann, capo scienziato presso Carbon Direct ed ex capo tecnologo energetico del Lawrence Livermore. “Le scoperte precedenti sono state importanti, ma non è la stessa cosa che generare energia che un giorno potrebbe essere utilizzata su scala più ampia”. 
I precedenti esperimenti di fusione, incluso uno nel Regno Unito, hanno generato più energia ma non hanno avuto un guadagno energetico altrettanto grande. Ad esempio, all’inizio di quest’anno, gli scienziati britannici hanno generato un record di 59 megajoule di energia, circa 20 volte il progetto con sede negli Stati Uniti. Anche così, il progetto del Regno Unito ha mostrato un guadagno energetico inferiore a un megajoule.

Saranno necessari ancora molti anni e molta strada da fare per rendere commercialmente fattibile il progetto. Né i progetti con sede negli Stati Uniti né nel Regno Unito “hanno l’hardware e le misure per convertire i neutroni da fusione in elettricità“, ha detto alla CNN Anne White, capo del Dipartimento di scienze e ingegneria nucleare del MIT.

Ma Roulstone ha sottolineato che i grandi e ambiziosi progetti di energia nucleare devono iniziare da qualche parte: nel 1942, gli scienziati di Chicago fecero funzionare il primo reattore nucleare a fissione per soli 5 minuti nella sua prima corsa; 15 anni dopo, la prima centrale nucleare con sede negli Stati Uniti entrò in funzione in Pennsylvania.

Jill Hruby ha affermato che “andando avanti“, questo lavoro avrà ulteriori “scoperte” e “battute d’arresto”. Hruby ha aggiunto che il loro lavoro si concentra sulla “promozione della sicurezza nazionale” mentre “spinge verso … un futuro di energia pulita“.

Kim Budil ha affermato che ci sono ancora “ostacoli significativi” da superare con la tecnologia della fusione nucleare prima che ne sia possibile la commercializzazione. Ha sottolineato che l’annuncio di oggi segna un evento di accensione da fusione e che per “realizzare energia da fusione commerciale” sarà necessario “fare molte, molte cose” – inclusa la produzione di “molti molti eventi di accensione da fusione al minuto” pur avendo un “robusto sistema di driver per abilitarlo“.

2