La vecchia portaerei Giuseppe Garibaldi potrebbe diventare una base spaziale galleggiante

La Garibaldi, lunga 174 metri, imbarca jet Harrier ed elicotteri. Ha combattuto in Kosovo nel 1999, in Afghanistan nel 2001 e in Libia nel 2011

0
29000

L’Italia sta per avere una portaerei in più. Mai sprecare una vecchia nave ancora utile, i militari italiani stanno valutando la possibilità di modificare la nave per funzionare come una piattaforma di lancio galleggiante per i razzi spaziali.

Non sarebbe la prima volta che l’Italia abbina vecchie navi e nuovi razzi.

La Marina Militare italiana ha commissionato la porta aereomobili Giuseppe Garibaldi nel 1985. È la più vecchia delle due della flotta. La nuova portaerei Cavour è stata commissionata nel 2008.

Il Garibaldi, lungo 174 metri, imbarca jet Harrier II ed elicotteri. Ha combattuto in Kosovo nel 1999, in Afghanistan nel 2001 e in Libia nel 2011.

Una nuova portaerei, il Trieste, è in costruzione e potrebbe entrare in servizio già dal prossimo anno. L’Italia punta a mantenere due navi di questa classe in servizio e l’arrivo del Trieste, quindi, libera il Garibaldi. La Marina Militare italiana potrebbe disarmare la vecchia portaerei … o trovarle un altro ruolo.



Una seconda vita per il Garibaldi

Una seconda carriera per questa nave è, in realtà, possibile, secondo quanto riferisce la rivista ufficiale della marina. I funzionari stanno valutando la possibilità di adattare la nave per lanciare i razzi che trasportano i satelliti dell’esercito in orbita.

Non è un’idea folle. Idealmente, lanci un razzo dall’equatore per sfruttare al massimo la rotazione terrestre. Il lancio nella direzione della rotazione aggiunge la velocità del pianeta alla velocità del razzo. Avere una piattaforma di lancio galleggiante permetterebbe all’Italia di non dipendere da altre nazioni per i suoi lanci spaziali.

Ciò rende il territorio equatoriale estremamente prezioso per i lanci spaziali. Non per niente, l’Agenzia spaziale europea ha uno spazioporto a Kourou, nella Guyana francese.

L’utilizzo di una nave come piattaforma di lancio, cosa che già fanno molti paesi e aziende, garantirebbe l’accesso alle posizioni di lancio più vantaggiose. Navighi fino all’equatore ed effettui il lancio quando il meteo è favorevole.

Tubi di lancio sull'incrociatore Garibaldi
Tubi di lancio sull’incrociatore Garibaldi

L’ipotesi in esame è quella di utilizzare il Garibaldi come piattaforma di lancio, un’idea che ha un notevole valore strategico per il Paese”, spiega la rivista della marina, “in quanto consentirebbe all’Italia di avere una capacità di accesso autonomo allo spazio, ovvero di poter decidere quando mettere gli asset satellitari in orbita indipendentemente dalle priorità fissate dall’Unione Europea, o senza dover attendere la finestra di assegnazione (e condivisione) dell’unica base di lancio attualmente utilizzabile, ovvero la base francese di Kourou“.

C’è storia qui. Nel lontano 1962, la marina italiana modificò un incrociatore di allora 25 anni, guarda caso chiamato anche lui Garibaldi, con quattro tubi di lancio per i missili balistici americani Polaris. L’idea era che l’incrociatore si sdoppiasse in una nave da attacco nucleare.

I test dei tubi di lancio furono effettuati, fino all’agosto 1962, coni lanci di prova, sia a nave ferma che in mare“, ha osservato la rivista.

Gli Stati Uniti alla fine rifiutarono di vendere i missili Polaris all’Italia e nel 1975 Roma pose fine al suo programma di armi nucleari. Oggi l’Italia ospita bombe atomiche americane e assegna combattenti dell’aeronautica per trasportarle, ma non dispone di armi nucleari proprie.

Il vecchio esperimento dell’incrociatore non è un perfetto analogo alla proposta attuale. Ma non c’è molta differenza tra un veicolo di lancio spaziale e uno per i missili balistici intercontinentali. In effetti, due dei principali razzi dell’Agenzia spaziale europea, lo Scout e il Vega, prendono in prestito la tecnologia dal razzo Alfa italiano, che Roma ha sviluppato come alternativa al Polaris.

Non è chiaro quanto costerebbe convertire il Garibaldi in una piattaforma di lancio spaziale. Potrebbe essere più economico e più facile acquistare una nave commerciale per lo stesso scopo.

Ma già il fatto che la marina Militare parli dell’idea è indicativo delle priorità spaziali di Roma. Satelliti e razzi stanno diventando sempre più piccoli e più economici, dando ai militari l’opportunità di lanciare più veicoli spaziali più frequentemente per più missioni di nicchia.

L’accesso ai migliori siti di lancio sta quindi diventando sempre più importante, sia che si tratti di un’isola tropicale … o di una vecchia portaerei.

2