Piano europeo da 48 miliardi per i chip

In un mercato in rapida evoluzione come quello dell'informatica quantistica, un tale vantaggio potrebbe essere enorme

0
439

L’Europa produce solo il 9% dei chip semiconduttori del mondo. Per adesso.

L’Unione Europea spera di raddoppiare questa cifra investendo 48 miliardi di dollari nella produzione di chip di silicio e tecnologie simili.

L’European Chips Act, che è stato formalmente proposto questa settimana dalla Commissione Europea, è l’ultima di una serie di mosse per aumentare gli investimenti nella produzione high-tech nel continente.

L’obiettivo finale: più del doppio della quota europea del mercato dei chip per semiconduttori fino al 20% in meno di un decennio, preparando il continente a dominare categorie di mercati emergenti come l’informatica quantistica.

Mark Mattingley-Scott, un ex dirigente IBM che ora è amministratore delegato del produttore di hardware per il calcolo quantistico Quantum Brilliance, afferma che le disposizioni nella proposta di finanziamento potrebbero consentire alla sua azienda di iniziare a produrre i suoi computer quantistici basati su diamante almeno un paio di anni prima.



Il piano è progettato per accelerare gli investimenti

I governi in Europa hanno già pianificato di investire circa 30 miliardi di dollari di fondi pubblici nella produzione high-tech. L’European Chips Act, che deve ancora essere approvato dagli Stati membri dell’UE e dai legislatori, riscriverebbe temporaneamente regole rigide che regolino quando e come i singoli paesi possano sovvenzionare le industrie all’interno dei loro confini.

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha affermato che la misura “consentirà, per la prima volta, il sostegno pubblico agli impianti di produzione europei unici nel loro genere, a beneficio di tutta l’Europa“, osservando che il denaro dovrà essere distribuito “a condizioni rigorose” che mantengano l’equità all’interno dell’economia altamente integrata dell’Europa.

Molti dettagli sul piano, incluso esattamente quali tipi di progetti saranno idonei a ricevere i fondi, rimangono poco chiari.

Mattingley-Scott afferma che i dirigenti di molte società tecnologiche europee “stanno aspettando con il fiato sospeso di vedere in cosa consiste la legge in termini di finanziamento e iniziative di finanziamento”.

L’Europa fa affidamento su una catena di approvvigionamento globale

La mossa arriva in risposta a una carenza di chip e a una crisi della catena di approvvigionamento che ha iniettato instabilità nell’economia globale e timori diffusi che paesi e regioni rimangano indietro in un’economia che si sta muovendo rapidamente.

“Stiamo mettendo tutto in atto per proteggere l’intera catena di approvvigionamento ed evitare shock futuri alla nostra economia, come stiamo vedendo con l’attuale carenza di approvvigionamento di chip”, ha affermato Thierry Breton, funzionario della Commissione europea. Breton spera che la mossa incoraggi un “riequilibrio delle catene di approvvigionamento globali aumentando le capacità dell’Europa di fare qualsiasi cosa, dalla ricerca e sviluppo alla produzione”.

In Asia, le fabbriche attualmente producono la maggior parte dei chip di silicio, che i dispositivi elettronici del mondo utilizzano per eseguire il numero vertiginoso di calcoli necessari per i loro software. Quasi tutti i chip più avanzati, circa il 90 percento, provengono da un solo paese, il Taiwan.

Tuttavia, ci sono ancora domande aperte su come l’Europa finanzierà completamente il piano. Saranno pagati circa 30 miliardi di dollari con finanziamenti pubblici e altri 12 miliardi di dollari da investimenti privati. La grande domanda, però, è la questione del “finanziamento pubblico”. Da dove arriveranno i soldi? Secondo i documenti esaminati da Bloomberg, la risposta a tale domanda rimane poco chiara.

I legislatori europei sono tutt’altro che gli unici leader preoccupati per l’attuale carenza di chip, che ha tenuto in deposito 70.000 veicoli Ford quasi finiti e ha spinto Apple a intraprendere lo scoraggiante compito di produrre i propri chip.

Queste preoccupazioni hanno spinto diversi paesi a fare tali investimenti. Il Giappone prevede di spendere 5 miliardi di dollari per aumentare la produzione del componente essenziale e i legislatori negli Stati Uniti stanno discutendo piani per finanziare 52 miliardi di dollari in sussidi .

2