Perché una No-Fly Zone sull’Ucraina potrebbe estendere la guerra a tutto il mondo

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha ripetutamente invitato i suoi alleati della NATO a stabilire una no-fly zone (NFZ) per proteggere il suo paese, ma gli Stati Uniti, il Regno Unito e il resto della NATO continuano a rifiutare

669

L’invasione russa dell’Ucraina ha portato a scene strazianti di civili coinvolti nel fuoco incrociato della guerra, insieme a sofferenze tra i militari ucraini assediati egli stessi soldati russi impegnati nell’invasione. Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha ripetutamente invitato i suoi alleati della NATO a stabilire una no-fly zone (NFZ) per proteggere il suo paese, ma gli Stati Uniti, il Regno Unito e il resto della NATO continuano a rifiutare.

Il nostro obiettivo è porre fine alla guerra, non espanderla, incluso potenzialmente espanderla al territorio della NATO“, ha detto il segretario di Stato americano Antony Blinken durante una conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri britannico Elizabeth Truss. “L’introduzione, nel nostro caso, di piloti americani nello spazio aereo ucraino, su base completa o limitata, porterebbe quasi certamente a un conflitto diretto tra gli Stati Uniti, tra la NATO, e la Russia, e ciò amplierebbe il conflitto. Lo prolungherebbe. Lo renderebbe molto più letale di quanto non sia già“.

Ma cos’è esattamente una no-fly zone, e perché i leader della NATO la vedono come una cattiva idea in questo caso particolare?

Una breve storia delle no-fly zone

La no-fly zone è un concetto relativamente nuovo che risale alla prima guerra del Golfo. Dopo il ritiro degli Stati Uniti dall’Iraq nel 1991, Saddam Hussein ha usato ciò che restava della sua forza aerea per reprimere le rivolte tra la sua minoranza sciita nel sud e tra i curdi nel nord. Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno istituito, allora, zone di interdizione al volo, rafforzate da pattuglie di jet da combattimento e aerei di allerta precoce AWACS, sopra gli sciiti e i curdi per tenere lontani gli aerei iracheni. La NATO ha organizzato uno sforzo simile, l’operazione Deny Flight, sull’ex Jugoslavia tra il 1993 e il 1995.

un aereo f15c eagle torna alla base dopo una missione
Un caccia F-15C Eagle dell’aeronautica americana torna alla base dopo una missione a sostegno dell’operazione Deny Flight, la no-fly zone della NATO sulla Jugoslavia, negli anni ’90. – GETTY IMAGES USAF

Le NFZ possono essere efficaci nell’impedire alle forze aeree di commettere crimini di guerra, sia attraverso bombardamenti indiscriminati, sia con un occhio deliberato volto a causare vittime civili. Sono tipicamente fatte rispettare da forze aeree più forti e avanzate contro quelle più deboli, come l’aviazione e la marina statunitensi sull’Iraq e la NATO contro l’aviazione jugoslava. In entrambi i casi, i caccia che facevano rispettare la no-fly zone hanno abbattuto jet ed elicotteri iracheni e jugoslavi in ​​violazione del territorio aereo protettivo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Inoltre, il combattimento aereo è solo una parte di una no-fly zone. Per applicarlo in sicurezza, i jet alleati devono essere protetti dalle difese antiaeree nemiche, compresi i missili terra-aria lanciati da terra. Ciò significa che gli alleati dovrebbero mettere in atto una campagna aria-terra per prendere di mira e distruggere i missili nemici e i siti radar.

Come una No-Fly Zone in Ucraina potrebbe peggiorare le cose

estonia prime minister visit amari air base
Un F-16 dell’aeronautica belga decolla dalla base aerea di Ämari in Estonia, febbraio 2022. Una no-fly zone della NATO coinvolgerebbe probabilmente le forze aeree di più di una dozzina di nazioni. – BENOIT DOPPAGNE GETTY IMAGES
Un tema comune è che le no-fly zone sono generalmente messe in atto contro paesi con forze aeree relativamente deboli. Il paese più debole di solito non ha altra scelta che intensificare la guerra e deve decidere se rischiare di perdere la sua forza aerea o fare marcia indietro.

Cona la Russia, però, sarebbe un gioco completamente diverso. I caccia russi hanno capacità equivalenti a molti aerei americani e della NATO, incluso l’F-16 Fighting Falcon. Le forze aerospaziali russe, secondo Flight International, hanno più di 850 caccia in grado di combattere aria-aria, inclusi caccia MiG-29, MiG-31, Su-27, Su-30 e Su-35.

La Russia non è un paese debole che sarebbe obbligato a fare un passo indietro di fronte a una no-fly zone. Inoltre, ha opzioni per intensificare il conflitto, dal lancio di missili balistici tattici e missili da crociera contro obiettivi della NATO in tutta Europa, al lancio di attacchi di terra transfrontalieri nei paesi della NATO al confine con l’Ucraina e l’Europa.

Un’invasione russa degli stati baltici di Lettonia, Estonia e Lituania, tutti paesi della NATO, attiverebbe una mossa corrispondente dalle forze di terra della NATO; L’articolo 5 del trattato istitutivo della NATO afferma che un attacco a un paese membro è un attacco a tutti i suoi membri. La NATO ha invocato l’articolo 5 solo una volta: in seguito agli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
i lanciatori russi iskanderm lanciano missili durante l'esercitazione militare tsentr2019

Una risposta russa a una no-fly zone della NATO potrebbe includere attacchi missilistici, compresi i missili balistici tattici Iskander-M (nella foto) e colonne di carri armati.

GETTY IMAGES MINISTERO DELLA DIFESA RUSSO

La portata del conflitto si potrebbe rapidamente ampliare e presto si arriverebbe a combattimenti a terra, in aria e in mare. Entrambe le parti potrebbero anche scegliere di espandere il conflitto nello spazio, abbattendo i satelliti dell’altra parte. La parte che iniziasse ad intravedere una possibile sconfitta potrebbe guardare all’uso di armi nucleari tattiche per riequilibrare la situazione, e da lì, il conflitto sarebbe solo a poche escalation di distanza da una guerra nucleare a tutto campo.

Se questo suona molto come la terza guerra mondiale, è perché è esattamente quello che potrebbe diventare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gran parte delle nazioni del mondo vorrebbero poter aiutare l’Ucraina a respingere la Russia, ma solo pochi paesi e organizzazioni hanno la forza militare per fare qualcosa al riguardo. Ma solo perché gli Stati Uniti, la NATO o l’Unione Europea hanno la capacità di creare (non necessariamente di imporre) una no-fly zone non significa che sia una buona idea. Per ora, la migliore scommessa del mondo libero è continuare ad armare l’Ucraina, permettendole di difendersi e reagire all’invasione che subendo il suo territorio.