Perché abbiamo bisogno di campi quantistici, non solo di particelle quantistiche

Rendersi conto che la materia e l'energia sono quantizzate è importante, ma le particelle quantistiche non sono la storia completa; sono necessari anche i campi quantistici

1014
Perché abbiamo bisogno di campi quantistici, non solo di particelle quantistiche
Perché abbiamo bisogno di campi quantistici, non solo di particelle quantistiche

È possibile immaginare un Universo in cui nulla sia quantistico e in cui non c’è bisogno di nulla al di là della fisica della metà e della fine del XIX secolo. Puoi dividere la materia in pezzi sempre più piccoli quanto vuoi, senza limiti. In nessun momento incontreresti mai un elemento costitutivo fondamentale e indivisibile; potresti ridurre la materia in pezzi arbitrariamente piccoli, e se avessi a tua disposizione un “divisore” affilato o abbastanza forte, potresti scomporla ancora di più.

All’inizio del XX secolo, tuttavia, questa idea si dimostrò incompatibile con la realtà. La radiazione da oggetti riscaldati non viene emessa a tutte le frequenze, ma viene piuttosto quantizzata in singoli “pacchetti” contenenti ciascuno una specifica quantità di energia. Gli elettroni possono essere ionizzati solo dalla luce la cui lunghezza d’onda è più corta (o la cui frequenza è più alta) di una certa soglia. E le particelle emesse nei decadimenti radioattivi, quando sparate contro un sottile pezzo di lamina d’oro, occasionalmente rimbalzano nella direzione opposta, come se ci fossero “pezzi” duri di materia che quelle particelle non possono attraversare.

Se gli atomi fossero stati costituiti da strutture continue, ci si aspetterebbe che tutte le particelle sparate contro un sottile foglio d’oro lo attraversino. Il fatto che siano stati osservati abbastanza frequentemente forti rimbalzi, anche causando il rimbalzo di alcune particelle dalla loro direzione originale, ha aiutato a dimostrare che c’è un nucleo duro e denso inerente a ciascun atomo. Credito : Kurzon/Wikimedia Commons)

La conclusione schiacciante fu che la materia e l’energia non potevano essere continue, ma piuttosto erano divisibili in entità discrete: i quanti. L’idea originale della fisica quantistica è nata con la consapevolezza che l’Universo non poteva essere interamente classico, ma piuttosto poteva essere ridotto in pezzi indivisibili che sembravano giocare secondo le proprie regole, a volte bizzarre. Più sperimentavamo, più scoprivamo questo comportamento insolito, tra cui:

  • il fatto che gli atomi possono solo assorbire o emettere luce a determinate frequenze, insegnandoci che i livelli di energia sono quantizzati,
  • che un quanto sparato attraverso una doppia fenditura mostrerebbe un comportamento ondulatorio, piuttosto che particellare,
  • che esiste una relazione di incertezza intrinseca tra certe quantità fisiche e che misurarne una in modo più preciso aumenta l’incertezza intrinseca nell’altra,
  • e che i risultati non sono deterministicamente prevedibili, ma che solo le distribuzioni di probabilità dei risultati possono essere previste.

Queste scoperte non ponevano solo problemi filosofici, ma anche fisici. Ad esempio, esiste una relazione intrinseca di incertezza tra la posizione e la quantità di moto di qualsiasi quanto di materia o energia. Quanto meglio ne misuri una, tanto più intrinsecamente incerta diventa l’altra. In altre parole, posizioni e quantità di moto non possono essere considerate esclusivamente una proprietà fisica della materia, ma devono essere trattate come operatori quantomeccanici, producendo solo una distribuzione di probabilità dei risultati.

Traiettorie di una particella in una scatola (detta anche pozzo quadrato infinito) in meccanica classica (A) e meccanica quantistica (BF). In (A), la particella si muove a velocità costante, rimbalzando avanti e indietro. In (BF), sono mostrate le soluzioni della funzione d’onda dell’equazione di Schrodinger dipendente dal tempo per la stessa geometria e potenziale. C’è un’incertezza intrinseca su dove si troverà questa particella in qualsiasi istante nel tempo. L’uso dell’equazione di Schrodinger significa che queste soluzioni non sono invarianti per trasformazioni relativistiche; sono valide solo in un particolare quadro di riferimento. ( Crediti : Steve Byrnes via Mathematica; Sbyrnes321/Wikimedia Commons)

Perché questo sarebbe un problema?

Perché queste due quantità, misurabili in qualsiasi istante di tempo che scegliamo, hanno una dipendenza dal tempo. Le posizioni che misuri o la quantità di moto che deduci di una particella cambieranno ed evolveranno nel tempo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questo andrebbe bene da solo, ma poi c’è un altro concetto che ci viene dalla relatività ristretta: la nozione di tempo è diversa per diversi osservatori, quindi le leggi della fisica che applichiamo ai sistemi devono rimanere relativisticamente invarianti. Dopotutto, le leggi della fisica non dovrebbero cambiare solo perché ti muovi a una velocità diversa, in una direzione diversa o ti trovi in ​​un luogo diverso da dove eri prima.

Come originariamente formulata, la fisica quantistica non era una teoria relativisticamente invariante; le sue previsioni erano diverse per diversi osservatori. Ci sono voluti anni di sviluppi prima che fosse scoperta la prima versione relativisticamente invariante della meccanica quantistica, cosa che non è avvenuta fino alla fine degli anni ’20.

Quadri di riferimento diversi, comprese posizioni e movimenti diversi, vedrebbero leggi fisiche diverse (e sarebbero in disaccordo sulla realtà) se una teoria non fosse relativisticamente invariante. Il fatto che abbiamo una simmetria sotto “aumenti”, o trasformazioni di velocità, ci dice che abbiamo una quantità conservata: la quantità di moto lineare. Questo è molto più difficile da comprendere quando la quantità di moto non è semplicemente una quantità associata a una particella, ma è piuttosto un operatore quantomeccanico. Credito : Krea/Wikimedia Commons)

Se pensavamo che le previsioni della fisica quantistica originale fossero strane, con il loro indeterminismo e le loro fondamentali incertezze, da questa versione relativisticamente invariante è emersa tutta una serie di nuove previsioni. Tra queste:

  • una quantità intrinseca di momento angolare inerente ai quanti, noto come spin,
  • momenti magnetici per questi quanti,
  • proprietà di struttura fine,
  • nuove previsioni sul comportamento delle particelle cariche in presenza di campi elettrici e magnetici,
  • e l’esistenza di stati energetici negativi, che all’epoca erano un enigma.

In seguito, quegli stati di energia negativa furono identificati con un insieme di quanti “uguali e opposti” di cui si dimostrò l’esistenza: controparti di antimateria delle particelle conosciute. È stato un grande balzo in avanti avere un’equazione relativistica che descrivesse le prime particelle fondamentali conosciute, come l’elettrone, il positrone, il muone e altro ancora.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I campi quantistici

Tuttavia, non poteva spiegare tutto. Il decadimento radioattivo era ancora un mistero. Il fotone aveva le proprietà delle particelle sbagliate e questa teoria potrebbe spiegare le interazioni elettrone-elettrone ma non le interazioni fotone-fotone. Chiaramente, mancava ancora una componente importante della storia.

Gli elettroni mostrano proprietà ondulatorie così come proprietà particellari e possono essere usati per costruire immagini o sondare le dimensioni delle particelle proprio come la luce. Qui puoi vedere i risultati di un esperimento in cui gli elettroni vengono sparati uno alla volta attraverso una doppia fenditura. Una volta sparati abbastanza elettroni, il modello di interferenza può essere visto chiaramente. Crediti : Thierry Dugnolle/Wikimedia Commons)

Ecco un modo per pensarci: immagina un elettrone che viaggia attraverso una doppia fenditura. Se non misuri attraverso quale fenditura passa l’elettrone – e per questi scopi, assumiamo che non lo facciamo – si comporta come un’onda: parte di esso passa attraverso entrambe le fenditure, e quei due componenti interferiscono per produrre uno schema d’onda. L’elettrone sta in qualche modo interferendo con se stesso lungo il suo viaggio, e vediamo i risultati di tale interferenza quando rileviamo gli elettroni alla fine dell’esperimento. Anche se inviamo quegli elettroni uno alla volta attraverso la doppia fenditura, quella proprietà di interferenza rimane; è inerente alla natura quantomeccanica di questo sistema fisico.

Ora poniti una domanda su quell’elettrone: cosa succede al suo campo elettrico mentre attraversa le fenditure?

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

In precedenza, la meccanica quantistica aveva sostituito le nostre nozioni di quantità come la posizione e la quantità di moto delle particelle – che in precedenza erano state semplicemente quantità con valori – con quelli che chiamiamo operatori di meccanica quantistica. Queste funzioni matematiche “operano” su funzioni d’onda quantistiche e producono un insieme probabilistico di risultati per ciò che potresti osservare. Quando fai un’osservazione, il che in realtà significa solo quando fai interagire quel quanto con un altro quanto di cui poi rilevi gli effetti, recuperi solo un singolo valore.

Se hai due conduttori con cariche uguali e opposte su di essi, è un esercizio di sola fisica classica calcolare il campo elettrico e la sua intensità in ogni punto dello spazio. Nella meccanica quantistica, discutiamo di come le particelle rispondono a quel campo elettrico, ma anche il campo stesso non è quantizzato. Questo sembra essere il più grande difetto nella formulazione della meccanica quantistica. Crediti : Geek3/Wikimedia Commons)

Ma cosa fai quando hai un quanto che sta generando un campo, e quel quanto stesso si comporta come un’onda decentralizzata, non localizzata? Questo è uno scenario molto diverso da quello che abbiamo considerato finora nella fisica classica o nella fisica quantistica. Non si può semplicemente trattare il campo elettrico generato da questo elettrone disteso simile a un’onda come se provenisse da un singolo punto e obbedisse alle leggi classiche delle equazioni di Maxwell. Se dovessi mettere giù un’altra particella carica, come un secondo elettrone, dovrebbe rispondere a qualsiasi strano tipo di comportamento quantico che questa onda quantica sta causando.

Normalmente, nel nostro vecchio trattamento classico, i campi spingono sulle particelle che si trovano in determinate posizioni e cambiano la quantità di moto di ciascuna particella. Ma se la posizione e la quantità di moto della particella sono intrinsecamente incerte, e se le particelle che generano i campi sono esse stesse incerte nella posizione e nella quantità di moto, allora i campi stessi non possono essere trattati in questo modo: come se fossero una sorta di “sfondo” statico su cui si sovrappongono gli effetti quantistici delle altre particelle.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Se lo facciamo, stiamo cambiando noi stessi, perdendo intrinsecamente la “quantità” dei campi sottostanti.

Visualizzazione di un calcolo della teoria quantistica dei campi che mostra particelle virtuali nel vuoto quantistico. Se lo spazio (o il tempo) stesso sia discreto o continuo non è ancora deciso, così come la questione se la gravità sia quantizzata o se le particelle, come le conosciamo oggi, siano fondamentali o meno. Ma se vogliamo una teoria fondamentale del tutto, essa deve includere campi quantizzati. Credito : Derek Leinweber)

Questo è stato l’enorme progresso della teoria quantistica dei campi, che non solo ha promosso alcune proprietà fisiche ad essere operatori quantistici, ma ha promosso i campi stessi ad essere operatori quantistici (questo è anche il punto da cui viene l’idea della seconda quantizzazione: perché non solo la materia e l’energia sono quantizzate, ma anche i campi). Abbiamo quindi:

  • creazione e annichilazione particella-antiparticella,
  • decadimenti radioattivi,
  • tunneling quantistico con conseguente creazione di coppie elettrone-positrone,
  • e correzioni quantistiche al momento magnetico dell’elettrone.

Con la teoria quantistica dei campi, tutti questi fenomeni ora avevano un senso e molti altri fenomeni correlati potevano ora essere previsti, incluso l’entusiasmante disaccordo moderno tra i risultati sperimentali per il momento magnetico del muone e due diversi metodi teorici per calcolarlo: un non- uno perturbativo, che concorda con l’esperimento, e uno perturbativo, che non lo fa.

L’elettromagnete Muon g-2 al Fermilab, pronto a ricevere un fascio di particelle muoniche. Questo esperimento è iniziato nel 2017 e continua a raccogliere dati, avendo ridotto significativamente le incertezze nei valori sperimentali. Teoricamente, possiamo calcolare il valore atteso in modo perturbativo, sommando i diagrammi di Feynman, ottenendo un valore in disaccordo con i risultati sperimentali. I calcoli non perturbativi, via Lattice QCD, sembrano però concordare, approfondendo l’enigma. ( Credito : Reidar Hahn/Fermilab)

Una delle cose fondamentali che accompagna la teoria quantistica dei campi, che semplicemente non esisterebbe nella normale meccanica quantistica, è la possibilità di avere interazioni campo-campo, non solo interazioni particella-particella o particella-campo. La maggior parte di noi può accettare che le particelle interagiscano con altre particelle, perché siamo abituati a due cose che si scontrano l’una con l’altra: una palla che si schianta contro un muro è un’interazione particella-particella. La maggior parte di noi può anche accettare che particelle e campi interagiscano, come quando sposti un magnete vicino a un oggetto metallico, il campo attrae il metallo.

Sebbene possa sfidare la tua intuizione, l’Universo quantistico non presta davvero attenzione a quale sia la nostra esperienza dell’Universo macroscopico. È molto meno intuitivo pensare alle interazioni campo-campo, ma fisicamente sono altrettanto importanti. Senza di esso, non potresti avere:

  • collisioni fotone-fotone, che sono una parte vitale della creazione di coppie materia-antimateria,
  • collisioni gluone-gluone, che sono responsabili della maggior parte degli eventi ad alta energia al Large Hadron Collider,
  • e avere sia decadimento doppio beta senza neutrini che decadimento doppio beta con doppio neutrino, l’ultimo dei quali è stato osservato e il primo è ancora in fase di ricerca.
Quando un nucleo subisce un doppio decadimento neutronico, vengono emessi convenzionalmente due elettroni e due neutrini. Se i neutrini obbediscono a questo meccanismo altalenante e sono particelle di Majorana, dovrebbe essere possibile un doppio decadimento beta senza neutrini. Gli esperimenti stanno attivamente cercando una conferma. Credito : KH. Ackermann et al., Eur. Phys. J. C, 2013)

L’Universo, a un livello fondamentale, non è fatto solo di pacchetti quantizzati di materia ed energia, ma anche i campi che permeano l’Universo sono intrinsecamente quantistici. È per questo che praticamente ogni fisico si aspetta pienamente che, a un certo livello, anche la gravitazione debba essere quantizzata. La relatività generale, la nostra attuale teoria della gravità, funziona allo stesso modo di un campo classico vecchio stile: curva lo sfondo dello spazio, e quindi le interazioni quantistiche si verificano in quello spazio curvo. Senza un campo gravitazionale quantizzato, tuttavia, possiamo essere certi che stiamo trascurando gli effetti gravitazionali quantistici che dovrebbero esistere, anche se non siamo sicuri di cosa siano.

Alla fine, abbiamo imparato che la meccanica quantistica è fondamentalmente imperfetta di per sé. Ciò non è dovuto a qualcosa di strano o inquietante che ha portato con sé, ma perché non è abbastanza strano da spiegare i fenomeni fisici che si verificano effettivamente nella realtà. Le particelle hanno effettivamente proprietà quantistiche intrinseche, ma anche i campi: tutti relativisticamente invarianti. Anche senza un’attuale teoria quantistica della gravità, è quasi certo che ogni aspetto dell’Universo, particelle e campi allo stesso modo, sono essi stessi di natura quantistica. Cosa significhi per la realtà, esattamente, è qualcosa che stiamo ancora cercando di decifrare.