17.3 C
Rome
giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeAlieni & UFOCome il Pentagono ha iniziato a prendere sul serio gli UFO (parte...

Come il Pentagono ha iniziato a prendere sul serio gli UFO (parte quarta)

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Parte prima

Parte seconda

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Parte terza

Nell’estate del 2018, il successore di Elizondo ha brandito l’articolo di Kean per presentare questo caso ai membri del Congresso. Secondo l’ex funzionario del Pentagono, un membro del Comitato per i servizi armati del Senato ha inserito un linguaggio nell’annesso classificato del National Defense Authorization Act del 2019, approvato nell’agosto del 2018, che obbligava il Pentagono a continuare le indagini. “La questione UAP viene presa molto sul serio ora rispetto a due o tre anni fa“, ha detto l’ex funzionario del Pentagono.

L’attività si è intensificata. Nell’aprile del 2019, la Marina ha rivisto le sue linee guida ufficiali per i piloti, incoraggiandoli a segnalare gli UAP senza timore di disprezzo o censura. A giugno, il senatore Mark Warner, della Virginia, ha ammesso di essere stato informato sulla questione dell’UAP. A settembre, un portavoce della Marina ha annunciato che il video “flir 1“, insieme a due video associati ad avvistamenti al largo della costa orientale nel 2015, mostrava “incursioni nei nostri campi di addestramento militare da parte di fenomeni aerei non identificati“. 

L’etichetta “non identificato” aveva ricevuto un imprimatur istituzionale.

I debunker non furono impressionati dalla designazione e il loro lavoro continuò a ritmo sostenuto. Mick West ha dedicato diversi video di YouTube alla sua affermazione che ” flir1 ”mostra, con ogni probabilità, un piano lontano. Ha sostenuto che il resto delle prove disponibili dell’incontro della Nimitz era ancora più traballanti: sospetta che le presenze rilevate dalla USS Princeton fossero probabilmente uccelli o nuvole, registrate da un sistema radar nuovo di zecca e probabilmente calibrato male – anche la USS Roosevelt, al largo della costa orientale, aveva ricevuto un aggiornamento tecnologico prima di una serie di avvistamenti simili nel 2014 e 2015 e che l’oggetto a forma di Tic Tac che il comandante Fravor ha visto era qualcosa come un pallone bersaglio. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Non ha spiegazioni per ciò che hanno visto gli altri piloti, ma sottolinea che le percezioni sono soggette a illusione e la memoria è suggestionabile.

I migliori piloti e operatori radar erano così inetti da non essere in grado di riconoscere un aeroplano in uno spazio aereo ristretto? O il governo stava usando la parola “non identificato” per nascondere un programma profondamente riservato che un ramo del servizio stava testando senza preoccuparsi di avvisare i piloti Nimitz? 

L’ex funzionario del Pentagono ha assicurato che “non tutta la storia è nota. Ci sono dati che non vedrà mai: c’è molto di più che includerei in un ambiente classificato“. 

Ad un certo punto, dovevamo semplicemente ammettere che ci sono cose nel cielo che non possiamo identificare“. Nonostante il fatto che la maggior parte degli adulti porti in tasca una tecnologia dotata di fotocamere fotocamera eccezionalmente buone, la maggior parte delle foto e dei video di UFO rimangono incredibilmente indistinti, ma l’ex funzionario del Pentagono ha sottinteso che il governo possiede una documentazione visiva cruda; Elizondo e Mellon hanno detto la stessa cosa. 

Secondo Tim McMillan, negli ultimi due anni, gli investigatori dell’UAP del Pentagono hanno distribuito due documenti segreti su reti sicure, che presumibilmente contengono immagini e video di spettacoli bizzarri, tra cui un oggetto a forma di cubo e un grande triangolo equilatero che emerge dall’oceano. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un rapporto ha affrontato l’argomento della tecnologia “aliena” o “non umana”, ma ha anche fornito una litania di possibilità prosaiche. L’ex funzionario del Pentagono ha ammonito: “‘Non identificato’ non significa piccoli uomini verdi, significa solo che c’è qualcosa lì“. Ha continuato: “Se si scopre che tutto ciò che abbiamo visto sono palloncini meteorologici o un quadricottero progettato per assomigliare a qualcos’altro, nessuno perderà il sonno per questo“.

Elizondo non è mai arrivato a Mattis, ma il suo successore è riuscito a ottenere un briefing di fronte a Mark Esper, il Segretario della Difesa, nonché il direttore del National Intelligence, il Senate Select Committee on Intelligence, il Senate Armed Services Committee e diversi membri di i capi di stato maggiore congiunti. Funzionari governativi in ​​Giappone hanno successivamente divulgato ai media di aver discusso l’argomento in un incontro con Esper a Guam. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Quando ho chiesto all’ex funzionario del Pentagono di altri governi stranieri, ha esitato, poi ha detto: “Non saremmo andati avanti senza aver informato gli alleati più stretti. Questo è più grande del governo degli Stati Uniti“.

Nel giugno del 2020, il senatore Marco Rubio ha aggiunto un testo all’Intelligence Authorization Act del 2021 richiedendo che il direttore dell’intelligence nazionale, insieme al Segretario della Difesa, produca “un’analisi dettagliata dei dati sui fenomeni aerei non identificati e dei rapporti di intelligence“. 

Questo linguaggio, che ha concesso loro centottanta giorni per produrre il rapporto, si è basato pesantemente sulle proposte di Mellon, ed è chiaro che questo sforzo concertato, almeno in teoria, è un’iterazione più produttiva e più economica dell’originale.

Tuttavia, l’ex funzionario del Pentagono ha detto, “Fino all’agosto del 2020 lo sforzo non è stato davvero reale“. Quel mese, il vice segretario alla Difesa, David Norquist, annunciò pubblicamente l’esistenza della Unidentified Aerial Phenomena Task Force, il cui rapporto è previsto per giugno. 

La legge sull’autorizzazione dei servizi segreti è stata finalmente approvata a dicembre. L’ex funzionario del Pentagono teme che l’appetito per la divulgazione sia stato incautamente alimentato. “Spero che il pubblico, non si aspetti di vedere i gioielli della corona“, ha detto.

West era disinvolto. “Sono solo fan degli UFO“, ha detto di Reid e Rubio. “Sono stati convinti che ci fosse qualcosa da fare e quindi stanno cercando di spingere per la divulgazione“. L’ex funzionario del Pentagono ha ammesso che c’erano “molte persone del governo entusiaste dell’argomento che guardano History Channel e mangiano questa roba 24 ore su 24, 7 giorni su 7“. Ma, ha detto, lo stato d’animo attuale non è stato affatto fissato da “un piccolo quadro di veri credenti“.

Praticamente tutti gli astrobiologi sospettano che non siamo soli. 

Seth Shostak, l’astronomo senior dell’Istituto seti, ha scommesso che troveremo prove incontrovertibili di vita intelligente entro il 2036. Gli astronomi hanno stabilito che potrebbero esserci centinaia di milioni di esopianeti potenzialmente abitabili solo nella nostra galassia. Il viaggio interstellare da parte di esseri viventi sembra ancora una possibilità remota, ma i fisici hanno saputo dall’inizio degli anni Novanta che il viaggio più veloce della luce è possibile in teoria, e una nuova ricerca ha portato questo marginalmente più vicino all’essere realizzabile nella pratica. 

Questi progressi – insieme all’ulteriore deduzione che la nostra è una civiltà mediocre o addirittura inferiore, una che potrebbe benissimo essere milioni o miliardi di anni indietro rispetto ai nostri lontani vicini – hanno fornito una semplice plausibilità all’idea che gli UFO abbiano origini extraterrestri.

Una tale prospettiva, come scrisse Hynek a metà degli anni Ottanta, “surriscalda i circuiti mentali umani e fa saltare le micce in un meccanismo protettivo per la mente“. La sua influenza destabilizzante era chiara. Comincerei interviste con fonti che sembravano lucide e prudenti e che insistevano, come Kean, di essere interessate solo a dati controllati e che usavano il termine “UFO” in senso strettamente letterale, indipendentemente dal fatto che gli oggetti fossero astronavi o droni o nuvole, semplicemente non lo sapevamo. 

Un’ora dopo, mi avrebbero rivelato che gli alieni avevano vissuto in basi segrete sotto l’oceano per milioni di anni, avevano modificato geneticamente i primati per diventare nostri antenati e avevano insegnato la contabilità ai Sumeri.

Dal 2017, Kean e Ralph Blumenthal si sono tenuti alla larga da pilastri di genere come i cerchi nel grano e le Linee di Nazca, ma il loro articolo più recente, pubblicato lo scorso luglio, si è spostato in un territorio marginale. In esso, si riferivano a “una serie di diapositive non classificate“, di discendenza alquanto incerta ma apparentemente mostrate ai briefing del Congresso, che menzionavano veicoli “fuori dal mondo” e “recuperi in caso di incidente“. 

Kean ha detto in un modo insolitamente esitante ma comunque pratico che aveva cominciato a pensare che i frammenti di UFO fossero stati accumulati da qualche parte. Nel 2019, Luis Elizondo aveva suggerito a Tucker Carlson che tali detriti esistessero.

Kean ha citato Jacques Vallée, forse il più famoso ufologo vivente, e la base per il personaggio di François Truffaut in “Incontri ravvicinati del terzo tipo“, che ha lavorato con Garry Nolan, un immunologo di Stanford, per analizzare il presunto materiale sull’incidente per la pubblicazione scientifica (Vallée ha rifiutato di parlarne a verbale, preoccupato che potrebbe minare il processo di revisione tra pari, ma ha detto: “Speriamo che sarà il primo caso di UFO pubblicato su una rivista scientifica referenziata”).

Nella storia, Kean e Blumenthal hanno scritto che Harry Reid “credeva che si fossero verificati incidenti di veicoli di altri mondi e che i materiali recuperati fossero stati studiati segretamente per decenni, spesso da compagnie aerospaziali con contratti governativi“. Il giorno dopo la sua pubblicazione, il Times dovette aggiungere una correzione: il senatore Reid non credeva che i detriti dell’incidente fossero stati assegnati ad appaltatori militari privati ​​per studio; credeva che gli UFO potessero essersi schiantati e che, in tal caso, avremmo dovuto studiare le ricadute. 

Reid ha detto che ammira Kean ma che non ha mai visto la prova di alcun residuo – qualcosa che Kean non aveva mai effettivamente affermato. “Mi è stato detto per decenni che Lockheed aveva alcuni di questi materiali recuperati“, ha detto. “E ho cercato di ottenere, se ricordo bene, un’approvazione riservata dal Pentagono per farmi andare a vedere la roba. Non l’avrebbero approvato. Non so quali fossero tutti i numeri, che tipo di classifica fosse, ma non me lo avrebbero dato“. Il Pentagono non avrebbe fornito una ragione. 

L’ex funzionario del Pentagono ha detto di aver trovato le prove di Kean carenti. “Ci sono termini nelle diapositive di Leslie che non usiamo, cose che non diremmo mai“, ha detto. “Non potevo dire di sì, come ha fatto Luis Elizondo. Onestamente non lo so.” Ha continuato: “Ci sono ragazzi che hanno passato la vita a studiare cose come Roswell e sono morti senza risposte. Moriremo tutti senza risposte?

Non tutti hanno bisogno di risposte o si aspettano che il governo le fornisca. A febbraio Vincent Aiello, un podcaster ed ex pilota di caccia, che prestava servizio sulla Nimitz al momento dell’incontro, disse che l’impressione diffusa della storia del Comandante Fravor a quei tempi, tredici anni prima che diventasse una notizia sensazionale, era che suonava abbastanza fuori luogo, ma che i pettegolezzi e le risate sulla nave svanirono dopo uno o due giorni. “La maggior parte degli aviatori militari ha un lavoro da svolgere e lo fa bene”, ha detto. “Perché inseguire i grandi misteri della vita quando è a questo che serve Geraldo Rivera?

I misteri non hanno mostrato segni di cedimento. All’inizio di aprile, l’eminente giornalista UFO George Knapp, insieme al regista di documentari Jeremy Kenyon Lockyer Corbell, meglio conosciuto per la sua partecipazione a una crociata per “assaltare” l’Area 51 del Nevada, ha pubblicato un video e una serie di foto apparentemente trapelate dai rapporti segreti dell’intelligence UAP Task Force. 

Il video, ripreso con occhiali per la visione notturna, mostra tre triangoli sospesi nell’aria, che lampeggiano a intermittenza con inquietante incandescenza mentre ruotano contro un cielo stellato. 

Il giorno successivo, il Dipartimento della Difesa ha confermato che il video era reale e ha detto che era stato preso dal personale della Marina. Mick West ha sostenuto, in modo convincente, che le piramidi erano un aeroplano e due stelle, distorte da un artefatto di una lente. Kean, da parte sua, ha detto che stava “solo iniziando a esaminare la situazione”, ma si è offerta volontaria dicendo che West era “ragionevole”. Il Pentagono ha rifiutato ulteriori commenti.

Il governo può o non può preoccuparsi della risoluzione dell’enigma UFO. Ma, alzando le mani e ammettendo che ci sono cose che semplicemente non riesce a capire, ha allentato la presa sul tabù. Per molti questo è stato un conforto. A marzo, un tenente colonnello dell’Air Force ha detto che circa un decennio fa, durante il combattimento, ha avuto un lungo incontro con un UFO, registrato su due sensori del suo aereo. 

Per tutte le solite ragioni, non aveva mai denunciato ufficialmente l’avvistamento, ma ogni tanto si confidava con un caro amico davanti a una birra. Non voleva essere nominato. “Perché ti sto raccontando questa storia?” chiese. “Immagino di volere solo questi dati là fuori, si spera che questo aiuti qualcun altro in qualche modo“.

L’oggetto che aveva incontrato era lungo una quarantina di piedi, disobbediva ai principi dell’aerodinamica per come li comprendeva e assomigliava esattamente a una gigantesca Tic Tac. “Quando la storia del Comandante Fravor è uscita sul New York Times , tutti i miei amici sono rimasti sbalorditi. Anche il mio vecchio capo mi ha chiamato e ha detto: “Ho letto della Nimitz e volevo dirti che mi dispiace tanto di averti chiamato idiota“.

Seguici su TwitterFacebook e Telegram

Articoli più letti

Articolo precedente
Articolo successivo